L'associazione
turismo

Viaggi nel 2017: ecco dove andare

12 dicembre 2016


Viaggi nel 2017: ecco dove andare

La celebre guida turistica Lonely Planet elenca le mete simbolo del prossimo anno. Il Canada è la nazione da visitare, Bordeaux la città più consigliata, la terra del Machu Picchu la regione da non perdere. A sorpresa Venezia entra nella classifica delle dieci destinazioni più convenienti.

Avete in programma un viaggio all’estero? Lonely Planet, una delle guide icona del turista fai da te, ha stilato come ogni anno la sua classifica delle mete più interessanti dell’anno. Ecco la lista dei luoghi dove trascorrere almeno una notte nel 2017.

Partiamo dalle nazioni. Il Canada è sul podio dei place to be del prossimo anno, complice l’anniversario dei 150 anni dalla nascita della nazione. Anche il premier Justin Trudeau, giovane, dinamico, accogliente e affascinante, pesa nella scelta della Lonely Planet, che attribuisce al Paese “città dinamiche” e in cima agli indici di reputazione per “inclusività ed educazione impeccabile”. Canada_TorontoUltimo asso nella manica, un dollaro canadese debole, che può rivelarsi per i visitatori d’oltremare (leggi, gli europei) un vantaggio per spendere di più e meglio.

Al secondo posto c’è la Colombia, che sveste i panni della nazione dilaniata da conflitti sociali, guerra civile e crimini violenti per ridare smalto alla propria cultura vibrante. L’anno prossimo è in programma anche la visita di papa Francesco, la prima di un pontefice dopo 30 anni, perciò l’attesa è di un effetto Bergoglio sul turismo.

Anche per Filandia, terza meta consigliata, l’anno prossimo sarà un’occasione di ricorrenza. Nello specifico, quella dei 100 anni dall’indipendenza. La terra del nord ha molto da offrire in termini di cucina e di bellezze naturali, specie ora che si è aggiunta una nuova perla, un parco nazionale di 11mila ettari nella regione di Hossa. Finlandia_HelsinkiIl 2017 della Finlandia sarà anche all’insegna dello sport con i campionati mondiali di pattinaggio sul ghiaccio e quelli di sci nordico.

Dove altro andare? Nella lista delle 10 mete più interessanti per il 2017 rientrano anche, nell’ordine, Repubblica dominicana, Nepal, Bermuda, Mongolia, Oman, Myanmar ed Etiopia.

La seconda top ten stilata da Lonely Planet riguarda le città. Al primo posto si classifica Bordeaux, complici i nuovi collegamenti veloci in treno che riducono il trasferimento da Parigi a sole due ore. E per gli esperti di viaggio anche il nuovo lungofiume realizzato sulla Garonne e la rivoluzione nell’offerta gastronomica valgono una sosta nella città del vino.

Sudafrica_Spiaggia_CapeTownAl secondo posto c’è Città del Capo, che da settembre cambia faccia con l’apertura del più grande museo al mondo di arte africana contemporanea, il Zeitz Museum of Contemporary Art Africa, già ribattezza Mocaa e ricavato in vecchi silos del grano.

Lonely Planet invita anche a riscoprire Los Angeles, oltre al cinema, alle celebrità e ai fanatici del fitness, c’è una metropoli finanziaria vivace, con nuovi trasporti ecologici e 50 alberghi freschi di inaugurazione dove soggiornare.

Rientrano nella selezione 2017 anche Merida, in Messico, Ohrid in Macedonia, Pistoia in Italy, Seul, Lisbona, Mosca e Portland, in Oregon.

Nella classifica delle regioni, il primo posto va a Choquequirao in Peru, terra degli Inca, dove sorge il suggestivo sito del Machu Picchu. Con il consiglio però di arrivare presto al mattino, per arrivare prima degli altri tremila visitatori che possono accedere alle rovine ogni giorno.Machu-Picchu

Gambe in spalla anche per chi si visita la regione del Taranaki in Nuova Zelanda, seconda classificata, al momento meta solo del 2% dei turisti internazionali dell’isola.

Al terzo posto le Azzorre, che negli ultimi dodici mesi hanno visto incrementare i visitatori del 31%, attirati dai vulcani che ricordano le Hawaii, dai villaggi medievali portoghesi, da scogliere mozzafiato che si incontrano solo in Irlanda e da crateri primordiali che sanno di Patagonia.

Tra le altre scelte, rientrano anche il Galles del nord, l’Australia del sud, l’Aysen in Cile con le sue cascate, le isole Tuamotus nella Polinesia francese, la costa della Georgia negli Stati Uniti, il Perak in Malesia e il triangolo dello Skelling Ring in Irlanda, un pugno di scogli aguzzi al largo dell’Atlantico immortalati nell’ultimo episodio di Guerre Stellari, “Il risveglio della forza”.

Russia_ristoranteVolete risparmiare sul budget? I consigli di Lonely Planet prevedono: Nepal, Namibia, Porto in Portogallo, la nostrana Venezia, Debrecen in Ungheria, il Belize, il Marocco, la Russia, la penisola di Bellarine in Australia e quella superiore del Michigan.

Ma come, dirà qualcuno, a Venezia si risparmia? Alla Lonely il dettaglio non è passato inosservato: sì, se si prenota da dormire lontano dalle zone con i monumenti più visitati, con una cucina che permetta di evitare i pasti fuori e senza prendere i vaporetti in città e i traghetti per visitare la laguna.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Parchi naturali, le cartoline più suggestive d’Europa

3 agosto 2017

Viaggio in alcune delle riserve nazionali più caratteristiche del vecchio continente, dal Durmitor in Montenegro …
L'associazione
Dai ristoranti stellati del Perù alla birra del Vietnam: quattro mete gastronomiche a sorpresa

28 aprile 2017

Cuba, Perù, Vietnam e Madeira sono quattro località che offrono curiose esperienze a tavola per …
L'associazione
Bit 2017, a Fieramilanocity la Borsa internazionale del turismo

30 marzo 2017

Parte domenica 2 e termina martedì 4 aprile la più importante fiera italiana del settore. …