Le imprese

Un’Italia sempre più meritocratica, la ricetta dei giovani imprenditori

29 settembre 2017


Un’Italia sempre più meritocratica, la ricetta dei giovani imprenditori

Imprese, università e società civile sono stati coinvolti per la prima Giornata del merito, promossa dal Forum della meritocrazia. 

Il 27 settembre al Copernico Milano Centrale si sono confrontati proprio su questo tema giovani imprenditori, aziende e pubblica amministrazione.

Secondo il “Meritometro”, indicatore europeo del grado di meritocrazia di un paese elaborato proprio dal Forum della Meritocrazia in collaborazione con un team di ricercatori dell’Università Cattolica, l’Italia è la nazione con il livello di meritocrazia più basso tra i Paesi europei. Lo studio ci vede infatti ancora indietro per quanto riguarda attrattività dei talenti, qualità del sistema educativo e pari opportunità.

Giornata-Nazionale-del-MeritoQuali sono dunque le principali aree di intervento per cercare di recuperare e risalire in classifica? Il Forum della meritocrazia, associazione no-profit fondata nel 2011, ha invitato alla prima edizione della Giornata del merito imprenditori, manager, ricercatori e rappresentanti della pubblica amministrazione proprio per rispondere a questa domanda.

Tra gli invitati al confronto anche Mattia Macellari, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda: “Uno dei nostri principali obiettivi è creare un sistema più inclusivo sul territorio per i giovani che vogliono fare impresa – ha detto – Tra le sfide del Paese c’è quella di riuscire a riportare in Italia i giovani laureati andati all’estero a lavorare: rappresentano infatti, secondo i dati di Confindustria, un punto percentuale di Pil e non ci possiamo permettere questa mancanza”.

La ricetta dei Giovani imprenditori si basa su tre pilastri: “Per prima cosa siamo convinti che parecchi dei nostri giovani se ne vadano per un problema di retribuzione – ha spiegato Mattia Macellari – Un esempio? Abbiamo tra i migliori ingegneri al mondo, ma li retribuiamo meno degli altri Paesi. Come sostiene il nostro presidente, Carlo Bonomi, per incentivare l’assunzione dei giovani servirebbe una decontribuzione del 100%; una al 50% rischia, infatti, di non esser sufficientemente incisiva. Siamo convinti che i giovani talenti debbano sentirsi parte di un progetto come il nostro anche con l’aiuto di percorsi formativi ad hoc. Infine, è fondamentale avvicinare i giovani alle imprese prima del loro impiego. Solo così uno studente può capire come potrebbe davvero valorizzare le sue capacità”.

L’attività del Forum della meritocrazia si articola su alcuni progetti, raccontati dai protagonisti durante la Giornata. Con il progetto Meritocrazia e leadership è stata realizzata una ricerca per analizzare la capacità della leadership nel valorizzare il fattore umano dell’impresa e nell’attuare una reale politica del merito. Invece con Incubatore di talenti 57 giovani sono stati accompagnati da mentor che desiderano svolgere un’attività di “giveback” volontaristica. Inoltre, con il progetto Meritocrazia nei Cda si è invece andati ad indagare il livello di meritocrazia nei consigli di amministrazione.

Infine, il Forum ha organizzato il Premio Valeria Solesin, intitolato alla giovane studiosa uccisa nell’attacco terroristico al Bataclan di Parigi nel 2015. Il riconoscimento, la cui premiazione avverrà nel mese di novembre, è dedicato a tesi di laurea sul tema “Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro Paese”.

Giovani, imprese e società tutta devono essere sempre più uniti per valorizzare e tutelare il saper fare, le capacità, l’impegno e i talenti. In una parola, il merito.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati