Le imprese
Uno sguardo verso nuovi mercati

UE-Giappone, tutte le opportunità di uno storico accordo commerciale

28 febbraio 2019


UE-Giappone, tutte le opportunità di uno storico accordo commerciale

È entrato in vigore l’importante accordo di partenariato commerciale tra le due parti. Quali i vantaggi per le imprese italiane?

L’Economic Partnership Agreement-Epa tra l’Ue e il Giappone, in vigore dal 1° febbraio, è un’intesa importante che punta a una profonda integrazione commerciale ed economica tra i due partner con l’azzeramento della quasi totalità dei dazi doganali da ambo le parti, l’eliminazione di diverse barriere tecnico-normative, l’armonizzazione di standard tecnici e l’apertura dei rispettivi mercati degli appalti pubblici e dei servizi. Il trattato assicura, inoltre, la tutela di oltre 200 Indicazioni Geografiche europee, di cui 45 relative a prodotti dell’agroalimentare italiano.

Il Giappone rappresenta per l’Europa e l’Italia un partner economico importante e ogni anno l’Ue esporta in Giappone oltre 58 miliardi di euro in beni e 28 miliardi in servizi. Nel 2018 – secondo i dati delle dogane giapponesi – le esportazioni italiane sono aumentate del 9%, toccando i dieci miliardi di euro, e l’Italia è ora al secondo posto tra i Paesi europei dietro alla Germania. Secondo i dati forniti dall’Ambasciata italiana in Giappone sono 14.921 le aziende italiane che esportano in Giappone, mentre 88.806 è il numero dei posti di lavoro in Italia che sono stati creati grazie alle esportazioni verso il Sol Levante. Anche per quanto riguarda l’attrazione degli investimenti il flusso Giappone-Italia ha raggiunto i 500 milioni di dollari nei primi nove mesi del 2018, in significativa ripresa rispetto al 2017.

L’Epa UE-Giappone è, senza alcun dubbio, lo sviluppo più positivo degli ultimi anni per ciò che concerne il sistema del commercio globale. Un accordo con i più elevati standard normativi tra la più grande area economica al mondo, la Ue, e la terza economia del mondo, il Giappone, non può che avere ripercussioni importanti – nel breve, medio e lungo periodo – sulle relazioni economiche bilaterali ma anche a livello extra-accordo e a livello regionale, in Europa e all’Asia-Pacifico. L’Epa si inserisce in un contesto già di per sé positivo per alcune prospettive di rilievo: le Olimpiadi di Tokyo 2020 stanno favorendo investimenti importanti, così come la Coppa del Mondo di Rugby, il prossimo autunno, che in Giappone è molto sentita e che avrà una dimensione nazionale, oltre all’assegnazione dell’EXPO 2025 a Osaka-Kansai.

Al di là di alcune criticità, come quella del debito, che comunque caratterizza le economie mature, il Giappone a livello economico presenta un tasso di disoccupazione praticamente a livello naturale (2,4 percento), una politica migratoria prima inesistente e ora in fase di sviluppo in maniera molto pragmatica (nei prossimi 5 anni si prevede l’ingresso nel Paese di 345.000 lavoratori stranieri) e una politica monetaria efficace.

Le opportunità che nascono dall’Epa, così come dagli altri accordi sottoscritti dall’Ue, sono importanti per le nostre imprese. Basti pensare all’esperienza della Corea del Sud, dove pure con una percentuale di utilizzazione dell’accordo attorno al 60%, l’Italia è riuscita a incrementare in modo consistente l’export verso il Paese di circa il 50% dal 2011 al 2017. Nel caso dell’accordo con il Giappone, le prospettive di sviluppo potranno essere persino maggiori considerando che il sistema produttivo italiano coincide molto bene con le esigenze dell’industria nipponica e dei consumatori giapponesi, che amano molto il made in Italy e la nostra cultura.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Dove investire in Cina

15 novembre 2018

Alla scoperta della provincia cinese dello Shandong, un territorio ricco di possibilità di business per …
Le imprese
India e West Bengala, tutte le opportunità per le aziende

27 settembre 2018

Crescita costante e accesso privilegiato per il Sud Est asiatico rendono il West Bengala un …
Le imprese
Esportare la dolce vita: il potenziale del Made in Italy nei mercati emergenti

3 luglio 2018

Eccellenza e creatività, bellezza e “saper fare” sono da sempre i valori che contraddistinguono il …