Le imprese
lavoro

Tutto sul Lavoro a Milano

20 aprile 2016


Tutto sul Lavoro a Milano

Aumento degli occupati e, per la prima volta dopo 7 anni, un contestuale calo dei disoccupati: è questo il dato più significativo che emerge dalla decima edizione del rapporto “Il Lavoro a Milano”.

Non è l’unico segnale positivo proveniente dal mercato del lavoro lombardo nel 2015: indicazioni che non si tratti solo di un fugace miglioramento si possono trarre dal forte riassorbimento della Cassa Integrazione Guadagni registrato nel corso dell’anno (-40% delle ore autorizzate rispetto al 2014) e il consistente incremento delle richieste di lavoratori in somministrazione (+32% nel IV trimestre 2015), un segmento del mercato del lavoro che spesso anticipa le tendenza generali.

Inoltre, l’ultimo anno è stato caratterizzato da un rilevante aumento delle assunzioni (+15%), particolarmente intenso per i contratti a tempo indeterminato (+52%).

E le buone notizie non finiscono qui: gli infortuni sono ancora in calo e quelli sui luoghi di lavoro, in particolare, oggi in Lombardia sono un terzo in meno rispetto a cinque anni fa; a Monza Brianza addirittura la metà.

Tutto bene, quindi? Meglio essere cauti

Nonostante il trend positivo, in termini assoluti gli occupati lombardi risultano ancora al di sotto dei livelli del 2008: 27mila lavoratori in meno rispetto al 2008, nonostante nel frattempo la popolazione sia aumentata di 130 mila unità. Se poi consideriamo la cassa integrazione, il gap negativo sale da 27mila a 58 mila.

Questo in media. Se però guardiamo in dettaglio vediamo che rispetto al 2008 nel 2015 tra gli occupati ci sono più donne (43mila), più laureati e diplomati (230mila) e più over45 (460mila), mentre il bilancio della crisi è in perdita per gli uomini (62mila in meno), i lavoratori meno istruiti (250mila in meno) e giovani (mezzo milione in meno sotto i 45 anni, di cui ben 390mila tra i 25 e i 44 anni).

Il lavoro a Milano 1Sono proprio le difficoltà dei giovani che danno le maggiori preoccupazioni: per questo sono ancora più apprezzabili i buoni risultati che il programma Garanzia Giovani ha avuto in Lombardia.

Il lavoro a Milano 2In quasi due anni sono stati attivati circa 42mila giovani, di cui la metà con un tirocinio, uno su quattro con un contratto a tempo determinato e i rimanenti con un contratto in apprendistato (3.500) o a tempo indeterminato (quasi 6mila giovani lombardi).

Le opportunità non possono mancare in una delle aree più sviluppate del Paese. Nel territorio costituito dalla Città Metropolitana di Milano e dalle province di Monza Brianza e Lodi si concentrano quasi 400mila imprese, che danno lavoro ad oltre due milioni di lavoratori.

Quantità, ma anche qualità: il sistema economico ha uno spiccato carattere multisettoriale, visto che coesistono uno sviluppato comparto agroalimentare nel lodigiano e un forte manifatturiero nella Brianza, che trovano supporto in un efficiente settore dei servizi alle imprese che ha il suo baricentro a Milano.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Le figure professionali più difficili da reperire sul mercato del lavoro

26 settembre 2017

Le industrie metalmeccaniche ed elettroniche sono quelle che trovano maggiori difficoltà: la fotografia scattata dagli …
Le imprese
Adecco nel mondo del lavoro che cambia

19 maggio 2016

La multinazionale svizzera, grazie alla visione di lungo periodo e alla capacità di interpretare i …
Le imprese
Bosch. Cambiando il futuro con i giovani

16 marzo 2016

In Italia dal 1904, l’azienda tedesca ha una grande storia di successo e ha deciso …