Le imprese

Smart City: 65 milioni per progetti innovativi pubblico-privati

5 aprile 2016


Smart City: 65 milioni per progetti innovativi pubblico-privati

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato il suo primo intervento in materia di Smart City che prevede uno stanziamento di 65milioni di euro.

Smart City è la città del prossimo futuro che risponde e si adatta alle esigenze dei cittadini in modo sostenibile, sociale e tecnologico.

Il nuovo programma del Ministero dello Sviluppo Economico mira a rendere più “intelligenti” le città attraverso Smart Grid interconnesse con le infrastrutture di Banda larga. L’intervento prevede:

  • una misura finalizzata alla promozione di infrastrutture e servizi energetici efficienti e connessi nelle aree urbane
  • l’attivazione di appalti pre-commerciali di grandi dimensioni in risposta ai fabbisogni più innovativi espressi dalle amministrazioni.

 

Il progetto prenderà avvio dalle aree metropolitane con la realizzazione di progetti pilota in alcuni quartieri (Banda Ultra Larga, servizi e dispositivi Smart, valorizzazione di Open e Big Data) con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita per i cittadini e il contesto operativo per le imprese.

L’ambizione è che le soluzioni tecnologiche finanziate diventino un’ulteriore eccellenza made in Italy da esportare.

Le città ‘più intelligenti’

Nonostante ogni città sia differente e debba per questo elaborare una strategia coerente con le proprie caratteristiche e la propria storia, alcune considerazioni “generali” si possono fare.

Uno Studio di Cassa depositi e prestiti dedicato alle Smart city ha analizzato un campione di 79 città mondiali per studiare i trend relativi alle differenti aree geografiche.

In base a classifiche e riviste internazionali del settore sono state considerate maggiormente in linea con il concetto di Smart City: Suwon, Eindhoven e Riverside.

Pur presentando tratti distintivi associabili ai trend identificati nell’area geografica di appartenenza, i tre casi di eccellenza hanno una visione comune di Smart City.

Le analisi statistiche svolte sul campione complessivo mostrano come le emissioni di CO2, la densità demografica, la connessione ad Internet e il livello di spesa in R&S influenzino l’implementazione di iniziative smart in una determinata città.

La densità demografica risulta correlata positivamente per due fattori: la riduzione dei costi per il conseguimento di economie di scala e un più agevole flusso di informazioni e conoscenza, grazie a una maggiore interconnessione sociale.

Il tasso di connessione ad internet è correlato positivamente con l’indice di copertura di progetti intelligenti. Questo conferma l’importanza che la connettività assume nell’ambito della Smart City, sia in riferimento a una maggiore partecipazione del cittadino, sia per favorire lo sviluppo di nuovi business.

Nel campo dell’energia, l’illuminazione pubblica gode di particolare attenzione, essendo una delle principali voci di spesa nei bilanci comunali. Lo dimostra, ad esempio, l’installazione a Malaga di lampioni alimentati da celle solari e piccole pale eoliche, collegati in rete mediante Wi-MAX per esser controllati in remoto.

Eindhoven

La città olandese dimostra una spiccata capacità di coniugare la tecnologia con un’elevata qualità della vita. Eindhoven ha circa 220 mila abitanti. Nella regione si concentra il 40% della spesa nazionale in R&S.

Tra i progetti sviluppati, in campo sanitario il Brainport Health Innovation ha l’obiettivo di migliorare la produttività dell’1% l’anno, conseguendo risparmi per circa € 750 mln entro il 2020 mentre il Care Circles permette di ottimizzare l’uso delle risorse per offrire assistenza sociale domiciliare.

A livello educativo, SKOOL facilita l’introduzione di strumenti informatici hardware e software in 800 scuole olandesi, mentre Taskforce Technology, Education and Employment promuove l’interesse dei giovani nell’ingegneria, cercando di attrarre anche capitale umano dall’estero.

Il processo di pianificazione di Eindhoven:

  • promuove l’imprenditorialità giovanile e coinvolge le PMI nelle iniziative Smart City per favorire il reale assorbimento dell’innovazione da parte del territorio.
  • coinvolge tutti gli stakeholder che gravitano nell’universo urbano (imprese, PA, cittadinanza, sistema bancario, università, enti di ricerca).

 

Il primato di Milano

Milano dispone da anni della rete a Fibra Ottica più capillare d’Europa, una infrastruttura unica in Italia, capace di veicolare dati alla velocità della luce. Rapportando i chilometri di fibra alla densità territoriale e al numero di abitanti, Milano occupa oggi il primo posto nella classifica delle città europee più cablate.

Città europee più cablate Km di Fibra Ottica
Milano 375.000
Madrid 250.000
Londra 225.000
Barcellona 165.000
Stoccolma 155.000
Parigi 130.000
Francoforte 85.000
Fonte: Metroweb Milano

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Nasce a Segrate la prima “smart city” d’Italia

15 maggio 2017

Un quartiere con abitazioni, negozi, spazi condivisi e servizi all'insegna di tecnologia, mobilità, sostenibilità, rispetto …
Le persone
Milano alla volta di Expo ...

24 ottobre 2014

Dichiarazione di Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda, in occasione dell’incontro “Smart cities, tecnologie e sostenibilità’, …