Le imprese
Internet of Things

Se la lavastoviglie ordina da sola il detersivo. Come cambierà la spesa?

17 gennaio 2017


Se la lavastoviglie ordina da sola il detersivo. Come cambierà la spesa?

Amazon sta già predisponendo ordini automatici dagli elettrodomestici al proprio marketplace. Ma si tratta di un sistema ancora sperimentale. 

Mentre anche in Italia è arrivato il pulsante da applicare in giro per casa per ordinare con un click i prodotti che si stanno per esaurire.

Un domani si occuperà la lavatrice di ordinare detersivo, ammorbidente e additivi vari. Connettendosi da sola in rete, provvederà a caricare il carrello della spesa con i prodotti che servono per la pulizia della casa. Non lo saprà da sola, ovvio. A darle l’imbeccata sarà stato lo stesso flacone di detersivo, che raggiunta la soglia critica avrà lanciato l’alert: attenzione, sto per terminare. Così farà la lavastoviglie. E persino il frigorifero, a cui tocca controllare all’interno gli approvvigionamenti della famiglia.

È un futuro neanche troppo lontano quello in cui saranno gli elettrodomestici a riempire il carrello della spesa al posto dei padroni di casa. La chiave sta nell’Internet delle cose, l’architettura che permette agli oggetti connessi di dialogare tra loro. Qualcosa già si muove. In Europa Amazon è approdata con il suo Dash Replenishment, un’evoluzione del Dash Button che è disponibile anche in Italia.

Dash Replenishment consente ai dispositivi connessi di ordinare automaticamente articoli come detersivi per il bucato o inchiostro per stampanti. Tutti i produttori di dispositivi, dalle grandi aziende ai costruttori amatoriali, possono utilizzare Dash Replenishment per effettuare ordini per conto dei propri clienti, senza dover costruire l’infrastruttura di back-end per gestire gli ordini. Amazon fa questo lavoro per loro, sfruttando i suoi sistemi di autenticazione e pagamento, il servizio clienti e la rete dei suoi centri di distribuzione.Amazon Dash

La novità di casa Amazon sta riscuotendo un certo successo tra i produttori di elettrodomestici, che stanno integrando i propri sistemi operativi con l’applicazione del big della consegna a domicilio.

Mentre si affina l’intelligenza delle macchine di casa, Amazon ha già debuttato prima negli Stati Uniti, poi in Europa (in Italia dall’8 novembre), con il Dash Button, un dispositivo che permette di ordinare automaticamente una serie di prodotti per la casa ma che, a differenza dell’evoluzione Replenishment, ha bisogno dell’input del cliente.

Il Dash Button, come dice il nome, è un pulsante. Un piccolo apparecchio che si connette attraverso la rete wifi di casa al profilo Amazon del cliente e permette di acquistare una quantità predefinita di un prodotto. “Quando un cliente si accorge che un prodotto sta per terminare deve solamente premere il pulsante Dash per ordinarlo nuovamente”, spiegano da Amazon.

In Italia sono già disponibili una ventina di marche, negli Stati Uniti oltre 200. C’è un pulsante per ogni marchio e, all’interno del profilo dell’azienda, la lista dei prodotti che si possono acquistare su Amazon. Pastiglie della lavastoviglie, detersivi, lamette da barba, pannolini, ma anche caffè in cialda e biscotti e, oltre oceano, anche la plastilina per fare giocare i bambini.

Negli Stati Uniti, dove il dash button è già disponibile da qualche mese, gli ordini sono cresciuti del 5% nei settori a cui afferiscono gli oltre duecento marchi che si sono convenzionati e il colosso dell’e-commerce calcola che oltreoceano i clienti pigino il bottone tre volte al minuto.

 

lascia un commento

2 thoughts on “Se la lavastoviglie ordina da sola il detersivo. Come cambierà la spesa?”

  1. WILMA scrive:

    Idea affascinante e sotto molti aspetti vantaggiosa. Spero soltanto, che tale iventiva, incentivi tutti gli industriali a rendere le industrie e i mezzi di trasporto, aria, terra e mare sempre più rispettose e amante dell’ambiente; così non solo avremo di più tempo libero, ma sarà più sano, dato che, non faremo più code per gli acquisti.

  2. WILMA scrive:

    E’ già cambiata con la divulgazione di interne e continuerà a cambiare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati