Le imprese
lavoro

Salute e benessere dei lavoratori: in azienda contano!

2 aprile 2015


Salute e benessere dei lavoratori ...

Assolombarda, Regione Lombardia e le tre Asl milanesi promuovono Workplace Health Promotion (WHP), il progetto che diffonde la salute e il benessere sul lavoro.

E le nostre imprese raccontano la loro esperienza.

Ci eravamo lasciati a gennaio, dopo la firma del protocollo tra Assolombarda e le tre Asl della provincia di Milano per la promozione della salute e degli stili di vita corretti sul lavoro (Workplace Health Promotion – WHP), dando appuntamento alle imprese il 24 marzo per approfondire il tema.

Così è stato: un ulteriore passo avanti verso la promozione del territorio milanese e delle sinergie con le istituzioni che insieme alle aziende danno un esempio positivo di collaborazione per la salute dei lavoratori.

WHP…WHat?

Il Workplace Health Promotion è un programma volontario coordinato da Regione Lombardia che si basa sull’azione intersettoriale tra sistema sanitario e imprese per promuovere un ambiente di lavoro favorevole alla salute, in particolare rispetto ad alcuni ambiti (sana alimentazione, stile di vita attivo, cessazione da tabagismo, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, ecc.) e la prevenzione della cronicità, per un invecchiamento attivo. A spiegarlo è Liliana Coppola della Direzione Generale Salute Regione Lombardia.

In un’ottica di responsabilità sociale d’impresa, quindi, le azioni sviluppate sono un supporto utile per affrontare il delicato tema dell’invecchiamento della popolazione lavorativa in azienda.

Perché WHP? Rispondono le Asl

Workplace Health Promotion non è quindi solo cultura della salute, ma portatore di vantaggi concreti alle aziende. Ma vediamoli da vicino.

Come afferma Raffaella Albani di Asl Milano 2, il primo è un vantaggio d’immagine grazie al riconoscimento da parte delle Asl, alla “certificazione” e alla visibilità sul sito internet del WHP; inoltre, ci sono i benefici contributivi dell’oscillazione del premio assicurativo Inail (modello OT24), la deducibilità di alcune spese da Ires e Irap e, scopo principale del progetto, un clima aziendale migliore e una maggiore partecipazione dei lavoratori.

Anna Rita Silvestri di Asl Milano e Giovanni Beghi di Asl Milano 1 mettono a disposizione qualche numero relativo all’area milanese a un anno dall’avvio del lavori: 33.977 lavoratori coinvolti, 29 aziende e 49 sedi sul territorio della provincia, con ulteriore diffusione del progetto in diversi settori e in aziende anche di piccole e medie dimensioni.

La parola alle aziende associate

Alcune aziende associate hanno aderito al progetto. E i loro portavoce condividono con noi le loro esperienze, esempi facili e indicazioni utili best online casino da seguire.

Nearchimica – Eugenio Camera Magni

WHP è uno strumento utile per comunicare le politiche sociali dell’azienda creando un clima di collaborazione diffusa.

L’introduzione del programma WHP, in unione ad altri strumenti (Lean Manufacturing), ha dato autorevolezza anche alle procedure aziendali che riguardano la sicurezza.

Partendo dalla consapevolezza dell’importanza della salute è aumentata l’attenzione personale ai piccoli rischi in ambiente lavorativo attraverso comportamenti e atteggiamenti responsabili.

Weir Gabbioneta – Marco Tremolada

In Weir Gabbioneta i nutrizionisti Asl hanno dato consigli importanti, che i lavoratori hanno trasferito nei comportamenti e nelle abitudini di tutti i giorni.

Bayer – Sergio Re e Antonio Calzavacca

Nelle due realtà produttive di Bayer, il messaggio della cultura della salute con il progetto WHP ha acquistato ancora maggiore vigore.

Un valido e significativo aiuto nell’ambito della prevenzione e informazione dei dipendenti è stato dato dalla figura del “moltiplicatore”, una squadra di lavoratori che, oltre a trasferire i valori aziendali, fungono da punto di riferimento per tutti i colleghi.

“Così si è tutti più sicuri!”.

Dow Italia – Maria Pia Virgolini

Un insieme di iniziative low cost ma ad alto valore aggiunto; questa l’esperienza di Dow Italia che ha puntato soprattutto sulla parola “resilienza”, la capacità di far fronte ai problemi trovando maggiori forze nelle proprie risorse e quindi concetto utile per la gestione dello stress non solo lavorativo.

Snam – Carlo Salamone

Il lavoro in Snam, in ambito WHP, è stato incentrato sul concetto di team: solo con un forte impegno di più funzioni aziendali si ottengono risultati di successo.

Sky Italia – Renato Fossati

Per Sky Italia il messaggio è chiaro: l’uomo è stato concepito per una cosa: correre, come dimostra il video messo a disposizione dall’azienda.

WHP, la sicurezza al centro

Per questo Assolombarda, nell’ambito del progetto “Sicurezza al Centro” del piano strategico Far volare Milano, è impegnata nella diffusione del progetto WHP: si tratta di fattori di sviluppo, di cultura e di integrazione che puntano a creare un linguaggio comune sul concetto di benessere e che, al tempo stesso, favoriscono la competitività del territorio e pongono un’attenzione maggiore sulla salute e sulla sicurezza.

Sei interessato al tema o vuoi saperne di più? Parlane con Andrea Burlini, tel. 0258370573, e-mail: andrea.burlini@assolombarda.it.

 

 

lascia un commento

One thought on “Salute e benessere dei lavoratori: in azienda contano!”

  1. Il messaggio sicuramente ha attirato la mia attenzione.

    Saluti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Nella città dove tutti vanno di corsa arriva il primo walking day

21 ottobre 2016

Camminare è l’attività sportiva più semplice e che, allo stesso tempo, dà grandi benefici al …
Le persone
I consigli di benessere dello chef-scienziato

21 settembre 2016

Il benessere passa anche dalla tavola. Non è un luogo comune: il nostro dna dialoga …
Le imprese
Lavorare meglio? Sì, dopo le dieci!

1 luglio 2016

Spostare la sveglia fa bene alla salute e al lavoro: lo dice il dr. Kelley, …