Le imprese
Digital Transformation

Personal Development Digitale: risorse e utilità

2 maggio 2016


Personal Development Digitale: risorse e utilità

Con l’avvento di Internet l’accesso alla cultura è stato democratizzato. Non è mai esistita un’epoca in cui l’accesso alle informazioni sia stato tanto semplice e alla portata di tutti.

Come testimoniano gli impietosi numeri sul traffico internet italiano, però, in moltissimi non vengono a conoscenza delle enormi possibilità che la Rete mette a disposizione anche dal punto di vista dello sviluppo personale.

Non è passato più di qualche mese dalla dichiarazione “shock” del CEO di AT&T America, riportata dall’edizione UK di Business Insider, secondo la quale “chiunque nei prossimi anni non impiegherà almeno 5 ore (ma potenzialmente fino a 10) della propria settimana online per imparare diventerà obsoleto”. Tutto questo è necessario, secondo il CEO, per adattarsi al rapido mutamento del mercato e delle innovazioni tecnologiche, le quali rischiano seriamente di mettere in discussione un ingente numero di posti di lavoro nelle decadi a venire.

Questo articolo vuole dunque fare da breviario e sommario elenco (senza nessuna pretesa di completezza o esaustività) di tali risorse, gratuite o low cost, che permettano di accrescere le proprie competenze, conoscenze e sviluppare nuove abilità.

Coursera rappresenta la principale raccolta di corsi universitari online provenienti dai migliori atenei del mondo, disponibili per tutti, gratuitamente. Dalle scuole dell’Ivy League (come Harvard o Yale) ad atenei internazionali ed italiani, chiunque può frequentare un semestre accademico, dare esami parziali, svolgere test e infine ottenere una certificazione di completamento – il tutto nei propri tempi e rigorosamente in rete.

Coursera ha recentemente introdotto la possibilità di pagare una piccola cifra per avere un riconoscimento più forte: l’obiettivo è quello di essere percepita nel medio periodo come un’istruzione valevole tanto quanto i corsi in aula delle più grandi università globali.

Lynda è un portale di apprendimento di abilità tecniche che riguardino il mercato creativo, il business e lo sviluppo software. Dal marketing al project management, dal CAD alla fotografia professionale fino ad arrivare ai Big Data e alle Service Architecture, Lynda offre corsi mirati a fronte di un pagamento di un’unica quota mensile o annuale. Attiva dal lontano 1995, è stata recentemente acquisita da Linkedin.

Khan Academy è una piattaforma online che si focalizza sulle scienze dure, in particolare matematica (algebra, geometria e altro), così come fisica e chimica. Nata per aiutare i ragazzi dei paesi in via di sviluppo ad avere accesso a lezioni gratuitamente online, ha avuto una rapida espansione globale ed è diventata una dei punti di riferimento dell’online learning.

OilProject è invece la creatura tutta italiana del giovane Marco De Rossi. Vincitrice di numerosi premi e riconoscimenti, nonché sostenuta dall’acceleratore di TIM, Working Capital, si tratta dell’unica italiana del gruppo. Oilproject è a tutti gli effetti una scuola online, sulla scia della già citata Khan Academy, ma a differenza di quest’ultima si focalizza su contenuti in italiano di qualità, e principalmente su temi di cultura generale. Utile anche per chi ha lasciato le superiori da tempo!

Duolingo è il software sviluppato dalla omonima società tedesca. Il suo obiettivo è permettervi di imparare una determinata lingua, ad esempio l’inglese, testandovi quotidianamente tramite apprendimento su base intuitiva, un po’ come fanno software più blasonati – come Rosetta Stone – da tanti anni. Duolingo è disponibile sia in versione web, accessibile da qualunque browser, sia in una comoda app per iOS (iPhone) e Android.

TED. Infine, per chi non le conoscesse e desiderasse avere accesso ad un archivio sterminato dei talk delle menti più brillanti al mondo, non potete mancare di seguire TED, il format di conferenze diventato famoso a livello mondiale per aver avuto speaker di altissimo valore che parlino di “idee che vale la pena condividere”. Anche queste disponibili gratuitamente online e accessibili sotto forma di podcast o di mobile app per iOS e Android. Einer dieser mobilen Anwendungen ist die Anwendung der österreichischen Casinos.

 

Andrea Latino

25 anni, attualmente è Innovation Manager in Altea Digital (Altea Federation) e Research Associate in SDA Bocconi. Precedentemente ha lavorato per 5 anni in maniera indipendente come digital strategist e consulente politico. Tra i suoi clienti hanno figurato imprese multinazionali, agenzie governative, media company nazionali, personalità politiche apicali e brillanti startup. Scelto per far parte della rete dei giovani ad alto potenziale del World Economic Forum, i Global Shaper, è stato selezionato tra i primi 100 Digital Champion locali dal Campione Italiano. Repubblica, nel maggio 2015, lo ha inserito nella lista dei 20 giovani under 30 in grado di cambiare l’Italia.

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Gli analytics incontrano l’Internet of Things

28 febbraio 2017

L’Internet of Things porta con sé nuove sfide: elaborare grandi quantità di dati non solo …
Le imprese
Il navigatore per la digital transformation

17 febbraio 2017

Gli analytics sono come il navigatore per un viaggiatore: aiutano a orientarsi e a trovare …
Le imprese
Quando l’intuito non basta. Competenze per la digital transformation

27 gennaio 2017

La digital transformation è una rivoluzione che sta portando grandi cambiamenti all’interno delle aziende e …