Le imprese
internazionalizzazione

Pensi all’estero? Fai il check-up della tua impresa

18 settembre 2014


Pensi all’estero? Fai il check-up ...

Percorso di lettura in 10 tappe per un’internazionalizzazione di successo. 2 – I parametri da considerare e il test di autovalutazione dell’azienda.

Valutare le risorse a disposizione per l’internazionalizzazione dell’impresa

Nella prima tappa di questo percorso abbiamo scoperto, facendo il saldo tra i vantaggi e i rischi da considerare per affrontare i mercati esteri, che ci sono ottime probabilità che il risultato sia positivo. È il momento, quindi, di rimboccarsi le maniche e fare tutto quel che serve per partire con il piede giusto.

Il primo passo da compiere per realizzare un processo di internazionalizzazione vincente è conoscere le risorse a disposizione in azienda: per evitare scelte avventate, infatti, è fondamentale conoscerne i punti di forza e di debolezza.

Il ceck-up da fare, in questo caso, parte da una valutazione delle risorse umane a disposizione e di quelle necessarie per lo sviluppo internazionale, per poi focalizzarsi sulle risorse di natura tecnica (come attrezzature e impianti) e su quelle finanziarie.

Qualità e competenze sotto la lente

Le risorse umane rappresentano un fattore determinante per il successo del progetto di internazionalizzazione di un’impresa, e l’analisi dovrebbe riguardare tanto l’ambito delle competenze (a partire dalla conoscenza di almeno una lingua), quanto quello delle qualità personali (come flessibilità e capacità di lavorare in team). Ma l’eventuale carenza non può essere motivo per rinunciare al processo di internazionalizzazione. Semmai, uno sprone a dotarsi delle competenze necessarie.

Gli investimenti finanziari

Tutti i progetti di internazionalizzazione richiedono investimenti e impieghi di risorse che incidono sul fabbisogno finanziario dell’impresa. La pianificazione in questo ambito è fondamentale per evitare di sottrarre risorse alle necessità ordinarie dell’azienda, ed eventualmente valutare approvvigionamenti dall’esterno, possibilmente ricorrendo alle agevolazioni finanziarie previste da leggi nazionali o regionali.

L’importanza delle risorse tecniche

Il processo di sviluppo sui mercati internazionali richiede anche risorse di carattere tecnico, tecnologico e organizzativo per fronteggiare le esigenze dei nuovi mercati di sbocco dei propri prodotti. Risorse che riguardano lo stabilimento produttivo, le attrezzature, il magazzino, il packaging, la strumentazione tecnica e organizzativa, per citarne alcuni.

Il test

L’esame ditutti questi aspetti è fondamentale per avere un quadro più preciso possibile delle reali possibilità di ingresso nei mercati esteri, in modo da colmare per tempo le lacune, avere chiare le leve su cui agire e stabilire obiettivi realizzabili.

Per farlo, può essere utile compilare la scheda di autovalutazione (link a scheda) elaborata da Assolombarda: un modo per definire il posizionamento della propria azienda rispetto agli elementi chiave per l’internazionalizzazione d’impresa e per prendere consapevolezza dei suoi punti di forza e di debolezza, sui quali intervenire prima di avventurarsi sui mercati internazionali.

Guarda le schede del percorso internazionalizzazione:
4 – Check-up delle risorse umane
5 – Check-up delle risorse finanziarie
6 – Check-up delle risorse tecniche
7/1 – Elementi di valutazione per un check-up aziendale per l’internazionalizzazione – 1
7/2 – Elementi di valutazione per un check-up aziendale per l’internazionalizzazione – 2
8 – Fattori chiave per una competitività internazionale

lascia un commento

One thought on “Pensi all’estero? Fai il check-up della tua impresa”

  1. Sarebbe molto utile per molte aziende partire da un’analisi SWOT nonché da una valutazione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale anche senza valutare di andare all’estero; sarebbe già un grande passo avanti per rafforzarsi “in casa”. Ad ogni modo complimenti, ottimo articolo!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
L’Africa e le nuove frontiere di business: che cosa serve per la crescita?

27 giugno 2017

L’Italia è il terzo Paese per investimenti in Africa, ma quali sono le opportunità economiche, …
Le imprese
Fedele, concreto e attento ai prezzi: ecco il consumatore cinese del 2016

29 novembre 2016

Evolve la spesa per le famiglie cinesi, sempre più interessate ad acquistare prodotti per il …
Le imprese
Serbia: economia emergente sempre più vicina all’Europa

26 settembre 2016

Il Paese si è candidato a entrare nella UE e sta lavorando per adeguarsi agli …