L'associazione

Open House Milano: la città apre le porte

2 maggio 2018


Open House Milano: la città apre le porte

Dopo il successo delle edizioni precedenti, torna sabato 5 e domenica 6 maggio l’evento annuale Open House Milano: un intero weekend dedicato all’architettura della città con un programma di oltre 100 edifici pubblici e privati aperti gratuitamente al pubblico per l’occasione. Anche l’Associazione partecipa aprendo la sede, Palazzo Gio Ponti.

L’edizione di quest’anno promette di essere vasta e ricca di novità: siti architettonici normalmente non accessibili saranno fruibili a tutti attraverso visite guidate d’eccezione che permetteranno di osservare da vicino le trasformazioni dello skyline cittadino e di scoprire l’immenso patrimonio artistico e culturale che caratterizza Milano dall’antichità ai giorni nostri.

Open House Milano 2018Tutta la città sarà coinvolta, dal centro alle periferie, tracciando itinerari ideati sulla base dell’antica suddivisione medievale in Sestieri: Porta Orientale, Romana, Ticinese, Vercellina, Nuova e Comasina, fino a estendersi anche fuori dai confini di Milano con l’apertura di Villa Crespi a Vigevano.

Si passerà dai banconi in stile decò dell’Albergo Diurno Cobianchi all’elegante appartamento progettato da Portaluppi della Casa Museo Boschi Di Stefano, dal Rinascimento milanese della basilica di Santa Maria della Passione alla sede storica del Corriere della Sera di via Solferino 28, dai 31 piani di Torre Breda all’arte Liberty di Palazzo Castiglioni, dagli spazi dello Spirit de Milan – ex Cristallerie Livellara – alla dimora della ricca famiglia patrizia dei Clerici, dalle curve sinuose di Palazzo Lombardia alle sale di Villa Reale GAM.

Questi e molti altri luoghi ancora come Chiesa San Bernardino alle Ossa, Fondazione Prada, Grattacielo Pirelli, Palazzina Appiani e Teatro Filodrammatici, saranno visitabili per promuovere il tema della città partecipata dai cittadini, favorendo il dialogo fra pubblico e privato, fra cittadinanza e impresa, e dando vita a un circolo virtuoso intorno allo sviluppo sostenibile del territorio e del suo patrimonio.

In occasione di Open House Milano, anche Palazzo Gio Ponti, sede di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, dopo la Design Week ri-apre le porte alla città sabato 5 maggio 2018, per un racconto sulla straordinaria figura del suo architetto e designer, sulla sua visione e sull’organicità delle sue creazioni.

Un edificio di design totale, caratterizzato dalle linee essenziali e funzionali che riflettono i caratteri di sobrietà e concretezza tipici dell’imprenditorialità lombarda e che trovano corrispondenza nei componenti di arredo ideati per l’interno.

Gio Ponti, riscoperto e riproposto come modello di architetto europeo e internazionale, in più di cinquant’anni di attività ha sperimentato tutto – arti, mestieri, oggetti, architetture e materiali – con energia instancabile, dal piccolo al grande, dalla progettazione di una maniglia all’ideazione di un piano urbanistico, “dal cucchiaio alla città”, come diceva l’architetto E. N. Rogers, suo contemporaneo.

Tutti gli altri appuntamenti da non perdere nell’ambito della terza edizione di Open House Milano al sito: http://www.openhousemilano.org/.

Una straordinaria occasione per conoscere meglio la città o riscoprirla con occhi nuovi.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Assolombarda apre le porte per accogliere la Design Week

13 aprile 2018

Milano è pronta per celebrare uno degli appuntamenti più attesi dell’anno. Con un’importante novità: sabato …
L'associazione
Gio Ponti, gli edifici per il lavoro e la casa degli industriali

7 giugno 2016

Palazzo Gio Ponti, sede di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e “casa degli industriali”, …