Monza Visionaria riaccende la città

16 maggio 2017


Monza Visionaria riaccende la città

Torna il Festival di musica e arti performative. Al via dal 24 maggio, fino a domenica 28. Dopo il consueto concerto di apertura nel Duomo, il palinsesto si articola tra eventi alla scoperta della Villa Reale, del Roseto, che ospita anche in questa edizione i Notturni, e degli altri luoghi storici del centro.

La musica e le arti performative per riscoprire i luoghi del cuore di Monza. Torna Monza Visionaria, il festival che mette al centro la cultura per valorizzare la città e i suoi angoli più belli. Promosso da Assolombarda Confindustria Milano Monza Brianza e dal Comune di Monza con la collaborazione della Reggia di Monza, è giunto quest’anno alla quinta edizione forte del successo delle passate, con 8mila presenze registrate solo nel 2016.

In tutto sono cinque le giornate su cui si articola: da mercoledì 24 a domenica 28 maggio, in una progressione di appuntamenti ospitati in varie zone della città e del territorio.

I protagonisti dei format e dei concerti visionari sono artisti di levatura internazionale del calibro di Jesper Bodilsen, Niklas Winter, Max De Aloe, Gabriele Cassone, Luigi Albertelli, Valerio Scrignoli, Enrico Merlin, Giovanni Falzone.

Lo scopo è quello di far conoscere ospiti di primo piano della scena musicale e offrire alla comunità occasioni di incontro e di contatto vivendo il patrimonio storico e architettonico del territorio come bene comune. Infatti il cuore dell’iniziativa è nelle strade e nelle piazze monzesi, nei punti più suggestivi della Reggia e dei suoi giardini.

Nella prima serata il festival prende vita con il tradizionale concerto nel Duomo di Monza, che quest’anno offre una prima assoluta lungo i sentieri della musica baltica, con le sue sonorità suggestive e spirituali.

Venerdì 25 c’è la possibilità di partecipare a visite guidate gratuite nella Villa Reale e nel suo roseto, che dalle 21.30 ospita gli attesissimi Notturni del Roseto con VARIAZIONI EROICHE #1. I Notturni proseguono anche il sabato, dalle 21.30 fino a mezzanotte.

Sempre sabato nel centro storico c’è la Monza parade per scoprire i monumenti più belli della città con una compagnia stravagante di musicisti e acrobatici danzatori: BandaKadabra e Matrix Acrobatix in sonoro movimento tra Casa degli Umiliati, Arengario e piazzetta S. Pietro Martire. E poi ancora le visite guidate alla Villa Reale, che hanno come tema la scoperta dei motivi floreali che decorano le meravigliose stanze degli appartamenti privati del secondo piano nobile.

Domenica 28 dalle 16.30 c’è Piano Nobile, un nuovo format di variazioni performative per celebrare, insieme a un pubblico itinerante, una nuova età dell’oro di Villa Reale. Alla stessa ora anche Visita Visionaria, l’innovativa idea per immergersi in suggestioni storiche, musicali, architettoniche di luoghi particolari di Monza e Brianza.

Ci sarà anche un evento “fuori porta” che come nel 2016 si tiene nella cornice neo-classica della chiesa di San Michele a Oreno, per un’esperienza tra arte, natura, architettura e musica. Qui giovedì 25 maggio si può ascoltare Enzo Avitabile, la cui poetica musicale, sacra e popolare gli è valsa quest’anno il Premio Donatello per la miglior colonna sonora (di Indivisibili, di De Angelis).

 

lascia un commento

One thought on “Monza Visionaria riaccende la città”

  1. Franco Andretta scrive:

    Bellissimo il programma per la mia amata Monza! Ci sarò/saremo, anche con gli amici del Rotary.
    Grazie,
    Franco

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Monza Visionaria torna in città

11 maggio 2016

Monza Visionaria, il festival di arti performative è in programma dal 24 al 29 maggio. …