Le imprese

Milano diventa capitale delle tecnologie esperienziali

8 novembre 2017


Milano diventa capitale delle tecnologie esperienziali

Nasce Asap, un hub in cui chi sviluppa e chi investe in tecnologie molto innovative potrà incontrarsi. L’obiettivo è esplorare il potenziale di queste soluzioni applicate al business.

Basta un visore per la realtà virtuale per ritrovarsi proiettati in una stanza dalla quale dover uscire collaborando con un compagno di squadra o per capire come sarebbe camminare all’interno di una casa di cui abbiamo visto solo il rendering. Ecco le tecnologie esperienziali, quelle che permettono l’interazione tra virtuale e reale grazie ad un dispositivo indossabile o ad uno smartphone. Altri esempi? Un simulatore di volo ma anche una tecnologia che, grazie alla realtà aumentata, permetterebbe ad un medico di superare le difficoltà di un particolare intervento chirurgico.

Sono solo alcuni degli esempi presenti in ASAP, il primo hub europeo dedicato ad esplorare il potenziale delle tecnologie esperienziali. Con questo centro, i cui uffici affacciano sulla piazza della Stazione Centrale, Milano diventa così capitale dello sviluppo di questo tipo di soluzioni. Con lo scopo di divulgare le loro tecnologie e fare business, sono già dieci le aziende, per la gran parte startup, che hanno deciso di aderire al progetto e che sviluppano soluzioni negli ambiti della realtà virtuale e aumentata, sensoristica e dell’intelligenza artificiale. Quello della realtà aumentata, ad esempio, è un settore in crescita nel quale anche i maggiori player del mondo digital stanno investendo milioni di dollari.

ASAPIl cuore dell’hub Asap è l’experience room, un ambiente di 50 metri quadrati dove trasformare le attività di design e programmazione in esperienza fisica. Oltre a numerose postazioni di augmented e virtual reality per consentire diverse sperimentazioni in parallelo, l’experience room ospita anche tecnologie all’avanguardia per coinvolgere, con tutti i cinque sensi, chi si addentra.

Il centro è un luogo di condivisione, un vero hub, che mette a disposizione spazi di co-working per le realtà che sviluppano le tecnologie e sessioni di introduzione ai temi e al design thinking per le aziende interessate ad utilizzarle. Sono previsti inoltre programmi di formazione ed eventi che hanno l’obiettivo di aiutare le aziende a cogliere le opportunità offerte da queste tecnologie. Si parte con gli architetti l’8 novembre e a seguire eventi dedicati ai responsabili delle funzioni risorse umane, marketing e manutenzione.

Quali sono quindi i settori che verranno sviluppati all’interno di Asap Hub? Prima di tutto l’augmented reality, la tecnologia per dare vita a elementi virtuali che interagiscono con quelli reali attraverso un paio di lenti o uno smartphone. Con l’immersive virtual reality si stimolano invece emozioni che coinvolgano gli organi sensoriali. C’è poi spazio per il physical web, tecnologia per costruire interazioni automatiche, veloci e continue tra persone, location e oggetti per offrire nuove forme di scambio di informazioni. Il settore dell’event analytics & tracking, infine, coinvolge le tecnologie per raccogliere dati, monitorare eventi e comportamenti per rispondere a necessità di sicurezza o marketing.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati