L'associazione

Milano aperta al mondo

20 dicembre 2013


Milano aperta al mondo

L’apertura internazionale della città e della Lombardia è uno degli atout da giocare per far volare Milano. Per vincere la sfida dell’attrattività tra grandi aree metropolitane occorrono infrastrutture fisiche e digitali che rendano le imprese attori globali sempre più knowledge-intensive.

Milano nella competizione globale

La nostra mission è operare perché Milano e la Lombardia siano una delle aree più vitali e attrattive in Europa, un’area nella quale le imprese che vi operano abbiano successo nel mondo e creino qui occupazione di qualità.

La competizione globale è sempre più fra grandi aree metropolitane che si allargano a una grande area regionale, in un mix di manifatturiero e terziario, università e centri di ricerca, cultura e servizi, aree metropolitane che si proiettano nel mondo.

Milano è da sempre città aperta al mondo. Il profilo internazionale, l’apertura al commercio estero, e l’attrattività rispetto agli investimenti stranieri sono un tratto distintivo dell’economia di Milano.

Tutti i numeri delle imprese milanesi

Le esportazioni delle imprese milanesi sono cresciute significativamente negli ultimi dieci anni: oggi hanno addirittura superato il picco registrato nel 2008. Ma l’aspetto più interessante di questa ripresa recente delle esportazioni è la sua distribuzione geografica, l’aumento della quota al di fuori della Ue, nei mercati più lontani, ma anche con maggiori potenzialità di crescita.

Milano è oggi sede di oltre il 40% delle multinazionali presenti nel Paese, fonte del 10% del Pil italiano. La quota di valore aggiunto prodotto dalle imprese multinazionali in Lombardia è significativamente superiore a quella in regioni avanzate europee come Rhône-Alpes, e si avvicina a quella dell’Ile-de-France e Catalogna. Ma resta inferiore a quella di Monaco, ed è verso quell’obiettivo che dobbiamo tendere.

Grandi aree metropolitane: infrastrutture per vincere la competizione

La competizione tra grandi aree metropolitane è un elemento chiave della nuova era del mercato globale. Esse divengono, in maniera sempre più specialistica, collettori, depositari e abilitatori di conoscenze e idee, fornendo un ambiente e una rete di infrastrutture che ne facilita il flusso e ne innalza il livello.

E sono sempre le grandi aree urbane che possono accelerare l’integrazione transnazionale, sia attraverso una maggior proiezione di imprese e reti d’imprese domestiche all’estero, sia accrescendo l’attrattività verso più alti livelli di investimenti diretti esteri, e di investimenti crossborder all’interno di più grandi gruppi integrati.

Salire nella catena knowledge-intensive, per le imprese significa candidarsi a divenire attori globali. Ma in questo sforzo è decisivo poter contare su un’infrastruttura fisica della nuova economia, che sviluppi collegamenti per facilitare la circolazione delle persone e delle informazioni, non solo dei beni e dei servizi a livello sempre più globale, e il più possibile secondo modalità just-in-time.

E a questo fine sono necessarie anche infrastrutture di comunicazione digitale, fluidificatori per orientare a livello globale l’organizzazione della domanda e dell’offerta, degli input intermedi e delle informazioni necessarie sia al consumatore finale sia a chi meglio intende servirlo, ancora una volta il più possibile in tempo reale.

Vuoi approfondire?

Far Volare Milano

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le persone
“Rocca: ora serve discontinuità con uno choc per la crescita”

13 aprile 2017

Intervista a Gianfelice Rocca a firma di Giangiacomo Schiavi - Il Corriere della Sera, 6 …
Le persone
‘Alle imprese serve più agilità: il Sì sarà solo il primo passo’

1 dicembre 2016

Intervista a Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza - La Repubblica.  
L'associazione
La Grande Milano e l’innovazione che serve

2 agosto 2016

Articolo di Gianfelice Rocca, Presidente Assolombarda e di Giovanni Azzone, Rettore Politecnico di Milano – …