Le imprese

Maimeri, una storia a colori

9 ottobre 2014


Maimeri, una storia a colori

Industria Maimeri. Il presidente Gianni Maimeri racconta la storia di un’azienda fatta di valori, tradizione, qualità e soprattutto… colore.

È il 1923 quando Gianni Maimeri, pittore di professione, fonda insieme al fratello Carlo, chimico industriale, a Milano in un vecchio mulino, una piccola fabbrica produttrice di colori per belle arti, la Fratelli Maimeri.

Gianni Maimeri in primo luogo come pittore, oltre che profondo conoscitore delle tecniche artistiche, non era soddisfatto dei risultati dell’ industria moderna delle tempere e dei colori a olio pronti all’uso che aggiungevano cere, olii essenziali e balsami alle vecchie formule basate esclusivamente sulla miscela di olio e pigmento, in modo da rendere il prodotto più economico e dall’aspetto apparentemente più omogeneo a scapito di coprenza, minor aderenza al supporto e screpolature. Per questo motivo decise di produrre da sé colori che rispettassero la purezza della miscela tra pigmento e olio garantendo così tonalità sempre brillanti e vivaci, e soprattutto stabilità. Il Marchio della Fratelli Maimeri era il tetraedro con le iniziali CSM: Colori Stabili Maimeri.

È da qui, da questa passione e dall’amore per il bello e per le cose fatte bene, che inizia la storia di quella che oggi è Industria Maimeri, leader nella produzione e distribuzione di colori per artisti. Un’azienda italiana che non si lascia intimorire dalla concorrenza internazionale e che, fondendo tradizione e tecnologia, cresce e si attrezza per il futuro, grazie a un laboratorio di ricerca che le permette di esplorare nuove gamme di colore e a una struttura produttiva che sfrutta le nuove tecnologie informatiche per la gestione del magazzino e della logistica applicate alle operazioni di stoccaggio e spedizione.

Assolombarda News intervista Gianni Maimeri, nipote e omonimo del fondatore di un fiore all’occhiello del made in Italy.

D: Maimeri, un’eccellenza italiana che esporta in tutto il mondo. Quale volto del made in Italy rappresentate?

R: La nostra azienda si presta bene, come molte aziende eccellenti del Paese, a rappresentare il made in Italy. Anzi, direi che il meglio del made in Italy si rappresenta bene in quello che facciamo: proprio perché siamo un’azienda legata a un ambito culturale e artistico, produciamo colori per artisti e li produciamo all’insegna di tutti quei valori che hanno reso il made in Italy un fattore di successo in tutto il mondo.

D: Maimeri significa colore. Ci racconta la sua azienda?

R: Maimeri produce colori per artisti, l’azienda è stata il sogno imprenditoriale di un artista dei primi del 1900, mio nonno. Le cui opere sono conservate, oltre che presso sedi e istituzioni culturali prestigiose in Italia e all’estero, alle pareti delle nostre sale e in ogni spazio dell’azienda. Lui non era soddisfatto della qualità dei prodotti che utilizzava perché l’industrializzazione aveva compromesso i procedimenti artigianali. Non era convinto della qualità determinata da questo processo e decise di produrre a livello industriale colori che avessero la qualità di quelli artigianali, in modo che gli artisti potessero acquistarli presso i rivenditori.

D: Quella voglia di suo nonno di ottenere il meglio, per sé e per gli altri artisti, si è trasformata in un successo imprenditoriale…

R: In effetti, sono orgoglioso di poter dire che oggi Maimeri è considerata un paradigma, un punto di riferimento nell’ambito dei colori per artisti. In particolare, i colori per restauro che nonno Gianni formulò a cavallo tra le due guerre, anche per cancellare i segni fisici che il primo conflitto mondiale aveva lasciato sul patrimonio artistico, sono utilizzati ancora oggi in tantissimi musei di tutto il mondo.

D: La purezza degli ingredienti del colore Maimeri significa anche atossicità e segnala un’attenzione dell’azienda all’ambiente. Come si posiziona Maimeri rispetto a questa tematica?

R: Il rispetto dell’ambiente e dell’etica è radicato nel dna della nostra azienda e la sensibilità a questi aspetti è parte della nostra impresa e della nostra famiglia. Basti pensare che il padre di mio nonno, Leone Maimeri, a capo di uno dei più avanzati cotonifici lombardi, fu il promotore di uno dei primi sistemi assicurativi e di prevenzione per gli operai dell’industria tessile, studiati ancora oggi da molti storici dell’industria, e che mio padre già nel 1967 si preoccupò di preservare l’ambiente creando un impianto di depurazione delle acque che nacque anni e anni prima delle prime leggi in materia, quando a questi temi non era data ancora la giusta importanza.

Questo elemento, così come il rispetto dei rapporti di lavoro e la ricerca continua della qualità del prodotto e dei suoi componenti, sono patrimonio della nostra azienda e si tramandano di generazione in generazione.

D: Se dico creatività a cosa pensa?

R: La parola creatività mi riporta all’infanzia: sono cresciuto in mezzo alle opere di mio nonno e a tutto ciò che mi ha fatto capire cosa significa essere un artista. Più tardi, la creatività l’ho vista nello studio dei colori e ora, avendo rapporti con molti artisti in Italia e all’estero, continuo a viverla come elemento fondamentale della mia vita, oltre che dell’azienda.

D: Fondazione Maimeri e Artis School. Perché una fondazione e una scuola d’arte al suo interno?

R: La Fondazione è nata nel 1997 dalla volontà della famiglia e dell’azienda di dare continuità a quel legame tra arte e industria che all’origine si identificava nella figura di Gianni Maimeri pittore. Non a caso, la sua missione è promuovere progetti di cultura e d’arte.

La scuola, nata nel 2005, è un progetto che ha un doppio valore, simbolico e pratico, perché riconferma quel legame con gli artisti e, più in generale, con il mondo dell’arte che contraddistingue anche oggi Industrie Maimeri.

Nel 2014 il Gruppo Fila e Maimeri, hanno dato vita ad un ambizioso progetto teso a offrire prospettive di crescita internazionale, garantendo la continuità di tutti i valori che fin dall’origine identificano il marchio Maimeri: legame arte e industria, qualità, Made in Italy.

Guarda Industria Maimeri e i suoi colori dall’interno – Vai alla gallery fotografica

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Università e impresa, dialogare per tessere il futuro

16 maggio 2016

Oltre 60mila tirocini curriculari, 271 dottorati di ricerca industriale e oltre 6mila studenti delle scuole …
L'associazione
“50 Progetti per rilanciare le imprese e il territorio” – I principali risultati raggiunti

11 febbraio 2016

A oggi sono 21 i progetti che hanno prodotto risultati concreti, alcuni dei quali si …
L'associazione
Far volare Milano: i risultati a due anni dal lancio

11 febbraio 2016

A due anni dal lancio del piano strategico “50 progetti per rilanciare le imprese e …