L'associazione
Assemblea 2015

L’Italia è un posto fantastico per lavorare e investire

27 ottobre 2015


L’Italia è un posto fantastico per lavorare e investire

A ‘vedere rosa’ nel futuro del Paese è il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in chiusura dell’Assemblea dell’associazione.


La politica economica del governo comincia a dare frutti

L’Italia è “un posto fantastico per lavorare e investire”. Lo ha affermato il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, chiudendo ieri il suo intervento all’assemblea di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza.

Secondo Padoan, “la politica economica del governo sta cominciando a dare frutti molto importanti. In un orizzonte di medio periodo, meno tasse su famiglie e imprese, le agevolazioni all’occupazione e un ambiente economico che premia la competitività creano un circolo virtuoso di fiducia che è il singolo elemento più importante”. L’Italia, così, “sta diventando sempre più un luogo dove investire; è più attraente per la stabilità finanziaria e istituzionale, per profittabilità, per la fiducia nel Paese che ritorna e si consolida”.

Il successo dell’Expo è il segnale della ripresa italiana

“Il successo registrato dall’Expo è un segnale della ripresa italiana nel suo complesso”, ha dichiarato il ministro dell’Economia. “Nel semestre della manifestazione si è registrato un incremento degli investimenti diretti stranieri in Italia associati all’Expo, e la stessa Expo ha portato a un miglioramento della reputazione e dell’immagine del Paese. Tutto questo”, ha proseguito Padoan, “non andrà perduto: ci stiamo confrontando perché le energie non vadano sprecate dopo la chiusura dell’Expo e perché gli investimenti realizzati continuino a portare effetti positivi”.

Le imprese punto di riferimento per la legge di stabilità

“Il governo ha l’attività delle imprese come punto di riferimento da sostenere per favorire crescita e occupazione”, ha affermato il ministro dell’Economia. “Il governo”, ha ricordato Padoan, “opera sulla base di tre pilastri fondamentali. In primo luogo la politica di bilancio, in secondo luogo la grande agenda di riforme strutturali e, infine, le misure per migliorare la competitività e attirare capitali privati”.

“Dal prossimo anno – ha detto – il debito pubblico tornerà a scendere e scenderà a velocità importante come effetto del combinato di una crescita che tiene e di un processo di consolidamento dei conti”. Il ministro ha aggiunto che non conta solo il “saldo di finanza pubblica, ma anche la composizione del bilancio dello stato”, con riferimento alla riduzione delle tasse che andrà a favorire famiglie, imprese e lavoratori in un contesto pluriennale e a fronte di un parallelo processo di tagli delle spese.

Una strategia pluriennale per il Paese

“È importante sottolineare il fatto che si tratta di un arco pluriennale”, ha spiegato Pier Carlo Padoan, “così da non dare eccessiva enfasi a singole misure. La riduzione delle tasse è iniziata da subito da parte di questo governo, già con la riduzione del cuneo fiscale”. Con la nuova legge di stabilità “si eliminerà la tassa sulla prima casa, il che avrà beneficio per l’80 per cento dei lavoratori e garantirà sostegno al settore delle costruzioni”.

“Ed è una strategia che continuerà nel 2017 e 2018 con un taglio progressivo delle tasse importante. Questo”, ha concluso Padoan, “insieme a riforme strutturali come il Jobs act, la riforma della giustizia civile, della pubblica amministrazione, del sistema bancario, senza dimenticare la lotta all’evasione fiscale, avrà un impatto importante sull’economia, perché la certezza delle stabilità del governo influisce sulle decisioni di investimento”.

Governo, obiettivo occupazione

Soffermandosi sul Jobs Act, il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan ha affermato che la riforma del mercato del lavoro “ha dato risultati molto visibili” e che, più in generale, le riforme messe in campo dal governo “migliorano il business environment, l’ambiente in cui le imprese fanno impresa e necessitano di un abbattimento dei costi”.

È stato lo stesso ministro, peraltro, a fissare gli obiettivi di perfomance: “Dirò che la politica economica del governo darà i suoi frutti quando vedremo un significativo e duraturo aumento dell’occupazione: questo è l’obiettivo del governo”.

Leggi “La grande alleanza per l’innovazione”, testo integrale dell’intervento del presidente Gianfelice Rocca all’Assemblea generale Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza 2015

Scarica la Relazione del Presidente Gianfelice Rocca all’Assemblea 2015

Leggi il comunicato stampa Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza

Leggi l’articolo “Milano, l’Expo e il futuro dell’Italia”

Leggi l’articolo “Di politica per l’industria c’è bisogno adesso”

Leggi l’articolo “Ripartire da Milano, ripartire dalle imprese”

Visita la pagina dedicata all’Assemblea 2015 sul sito assolombarda.it

 

lascia un commento

One thought on “L’Italia è un posto fantastico per lavorare e investire”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Ripartire da Milano, ripartire dalle imprese

27 ottobre 2015

Si è tenuta oggi in Expo l’Assemblea generale di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, …
L'associazione
Milano, l’Expo e il futuro dell’Italia

27 ottobre 2015

A margine dell’Assemblea generale di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, il presidente della Repubblica …
L'associazione
Di politica per l’industria c’è bisogno adesso

27 ottobre 2015

Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi riconosce lo sforzo riformista del governo e chiede analoga …