Le imprese
qualità

L’Istituto Masini ha detto sì? Allora il prodotto è sicuro!

7 settembre 2015


L'Istituto Masini ha detto sì? Allora il prodotto è sicuro!

E’ stato uno dei primi enti a fare della certificazione di prodotto e sistema la propria mission. Con un valore di fondo: puntare alla qualità.

Chi certifica i prodotti che usiamo tutti i giorni? Chi si prende la responsabilità di stabilire se vanno bene oppure no?

Analisi sui cosmetici, verifica degli impianti di sicurezza, test di compatibilità elettromagnetica, verifica dei dispositivi medici come defibrillatori o elettrocardiografi, prove su acciaio o di carico su piastra, valutazione del personale specializzato, applicazione delle metodologie di prove non distruttive, prove di reazione al fuoco e laboratori propri in cui effettuare tutto ciò.

Tutto questo è l’Istituto di Ricerche Masini: 15mila mq, dei quali 8mila adibiti a laboratori, uffici e centro congressi, e un organico di 25 dipendenti.

profilo definitivaAbbiamo intervistato la dott.ssa Liviana Masini, medico e figlia del titolare e fondatore dell’azienda che porta il nome di famiglia.

Dottoressa, di cosa si occupa esattamente l’Istituto?

Siamo un Ente di certificazione di prodotto, dei sistemi di gestione della qualità e del controllo di produzione di fabbrica, riconosciuto dal ministero italiano e notificato alla Comunità Europea con il numero identificativo 0068.

 In pratica vi occupate di consumatori?

Se si vuole tradurre nel concreto si, lavoriamo perché i prodotti immessi sul mercato siano certificati e sicuri per chi li usa, cioè tutti noi. Le nostre attività coprono molti settori: alimentare, chimico, ecologico, edile, elettrico, meccanico, metallurgico, sanitario e tessile. Ogni anno sono molte le società italiane ed Europee che si rivolgono a noi per la certificazione di prodotto.

Come è venuta a suo padre l’idea di fondare un’azienda che si occupasse di questo?

Mio padre proveniva dai reparti di sicurezza di una grande azienda automobilistica.

esterno 2Nel 1962 sentì l’esigenza di creare qualcosa di tutto suo, si mise in proprio e poi fondò l’Istituto omonimo, Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini s.r.l. E’ stato il precursore nel campo della qualità e da più di 50 anni la mission è: svolgere, in definitiva un servizio pubblico per la sicurezza dell’utilizzatore finale del prodotto, ossia del cittadino.


Un ingrediente che sembra quasi una vocazione…

Lo è in effetti, siamo convinti che prevenire sia meglio che curare.

Non deve essere facile preservare l’assoluta imparzialità: qual è stata la chiave per ottenere autorevolezza a livello europeo?

Indubbiamente lavorare per la sicurezza del prodotto sul mercato e non per il business. E’ molto difficile, ma ci siamo riusciti. Nel corso degli anni abbiamo sempre messo la qualità al primo posto, una caratteristica che oggi ci viene riconosciuta.

Quindi se le chiedessi 3 aggettivi per descrivere la sua azienda?

Serietà, professionalità, imparzialità.

Lab chimicoInvestite molto anche sul personale aziendale: in che modo?

L’azienda è fatta di persone e le persone sono un valore a prescindere: organizziamo aggiornamenti formativi interni, attraverso il lavoro dei nostri responsabili della formazione.


L’Istituto Masini è un’impresa di famiglia: è difficile conciliare lavoro e legami di parentela?

Direi che è frizzante! Ci sono ovviamente alcune dinamiche diverse rispetto a un’azienda di altro genere, soprattutto perché è un’azienda familiare.

Lei è un medico, cosa la spinge a occuparsi anche dell’Istituto?

E’ un brand fondato da mio padre che ormai ha raggiunto più di cinquant’anni di storia: come figlia sono onorata di proseguire il sentiero tracciato da lui e come medico sento il dovere di dare un contributo alla società. In fondo, il senso della vita è proprio questo, essere al servizio degli altri.

Avete anche un master: in cosa è diverso dagli altri?

sala convegniE’ il primo che si occupa interamente di certificazione di prodotto e offre una formazione tecnica di alto livello con un pool di formatori di qualità. L’abbiamo strutturato in sette moduli, ognuno dei quali si svolgerà in un weekend a partire dal prossimo autunno, in modo da approfondire tutti gli argomenti che riguardano la certificazione di prodotto: dalla nascita delle normative in vigore attualmente alla sicurezza elettrica ed elettromagnetica dei prodotti, dalla certificazione dei giocattoli a quella dei dispositivi di protezione individuali, fino alla sicurezza delle macchine industriali, degli apparati medicali, dei materiali da costruzione, la certificazione dei prodotti in accordo alle direttive Gas, PED e ATEX e il marchio Ecolabel.

Per ogni modulo formativo ci sarà anche un pomeriggio di riepilogo, tenuto in lingua inglese.

Date molto valore alla formazione aziendale, quindi…

Assolutamente sì: forniamo alle aziende un ricco calendario di corsi di formazione su sistemi di gestione qualità, ambiente e sicurezza. Organizziamo anche corsi più specifici su sicurezza del prodotto, medicale, industria e costruzioni, con una particolare attenzione alle Direttive Europee più recenti, le normative vigenti e gli standard nazionali e internazionali.

Quali sono le difficoltà che incontrate più spesso nel vostro lavoro?

La burocrazia e la concorrenza.

Una bella sfida…

Sì. La soddisfazione più grande è riuscire a mantenere sempre l’obiettivo: la qualità.

Ci dice quali sono le prime tre cose che fa appena arriva in ufficio?

esternoSaluto mio padre, quindi facciamo un’analisi insieme dei work in progress e poi una riunione con i colleghi interessati alle varie attività.

E l’ultima prima di andare via?

Spengo la radio: in azienda si ascolta musica in filodiffusione perché siamo convinti che l’atmosfera sia molto importante.


Due consigli che darebbe a un giovane appena entrato nel mondo del lavoro?

In primis, abnegazione al lavoro: per superare gli ostacoli serve tanta voglia di arrivare.

Ma, secondo consiglio, non bisogna focalizzarsi in modo ostinato sulle proprie idee: il lavoro di squadra e il confronto con gli altri sono strumenti preziosi.

Sei interessato alla certificazione di prodotto? Iscriviti al MasterEQS in Certificazione internazionale di Prodotto 2015 Istituto Masini

Ti è piacita l’intervista e vuoi saperne di più? Contatta l’Unità Comunicazione con le imprese associate (Alessandra Gardoni, tel. 02 58370.448, e-mail alessandra.gardoni@assolombarda.it) o lascia un commento all’articolo.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Una guida per imprenditori “di qualità”

30 gennaio 2017

Una guida pratica e leggera per le aziende nel percorso di adeguamento alla ISO 9001:2015, che …
Le imprese
In equilibrio tra tradizione e innovazione. La storia della Botta Packaging

19 gennaio 2017

Da tre generazioni produce imballaggi in cartone ondulato ed oggi ha a disposizione 10 linee …
Le imprese
La sicurezza? FACILE, chiedete a SAET Milano

9 giugno 2016

Kim Kardashian Adidas Yeezy Boost 750 UK Restock and Adidas Yeezy Boost 350 For Sale …