L'associazione

L’Industria e il Commercio fanno squadra per portare Ema a Milano

2 novembre 2017


L’Industria e il Commercio fanno squadra per portare Ema a Milano

La candidatura del capoluogo lombardo è sicuramente una delle più autorevoli fra le 19 presentate a Bruxelles per l’Agenzia europea dei medicinali che deve lasciare Londra in seguito alla Brexit.

Archiviato il successo dell’Expo, Milano prova a centrare un altro grande obiettivo, convincendo l’Unione Europea a trasferire Ema, l’Agenzia europea per i medicinali, nel Pirellone. E lo fa come gli riesce meglio, unendo le forze. In vista della votazione fissata per il prossimo 20 novembre, Assolombarda, Camera di Commercio Metropolitana di Milano, Monza-Brianza e Lodi e Confcommercio Milano hanno deciso di mobilitarsi facendo squadra con le istituzioni. La cosiddetta diplomazia della business community si va dunque a sommare a quella tradizionale: il governo Gentiloni, la Regione guidata da Maroni e il Comune con a capo Giuseppe Sala stanno tutti lavorando di concerto per portare in Italia l’Agenzia che deve lasciare la sua sede di Londra, dopo che i cittadini britannici hanno deciso di abbandonare l’Unione Europea.

Il sistema economico milanese ha inoltre già messo in campo una serie di missioni diplomatiche all’estero nell’intento di convincere i Paesi a sostenere la città.

“Vogliamo fare squadra e sostenere a un’unica voce la candidatura di Milano per Ema – ha detto Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda, inaugurando la campagna sabato scorso davanti alla vetrofania dedicata a Ema e realizzata per l’occasione sulla facciata del Palazzo dell’Associazione – Milano ha tutti i numeri per vincere questa sfida e, negli ultimi anni, ha dato prova di saper fare grandi cose. Caratterizzata da una forte connettività con il circuito internazionale, oggi è considerata una ‘città globale’. Inoltre il suo crescente grado di attrattività è testimoniato dai numeri. Basti pensare che a Milano hanno sede 3.600 multinazionali estere e che qui si concentra il 40% dei nuovi investimenti greenfield diretti in Italia. La sua posizione strategica la rende unica tra le capitali internazionali e la qualità della vita, l’ambiente cosmopolita e più in generale ‘l’italian lifestyle’ rappresentano fattori importanti per lo staff dell’Agenzia. Senza contare che proprio sulle scienze della vita Milano sta costruendo uno degli assi del proprio sviluppo, grazie al sistema di università e centri di ricerca. Ema sarebbe uno straordinario moltiplicatore di opportunità”.

Palazzo-Gio-Ponti---EMAIl numero uno di Assolombarda ha poi lanciato l’idea di realizzare un’opera visiva simile anche sul Pirellone con la scritta: “Ema, questa è la tua casa”. Assolombarda, Camera di Commercio Metropolitana e Confcommercio Milano si sono già mosse in questa direzione “vestendo”, in contemporanea, Palazzo Gio Ponti, Palazzo dei Giureconsulti, Palazzo Turati e Palazzo Castiglioni con grafiche di benvenuto per l’Agenzia europea per i medicinali.

Anche per Carlo Sangalli, Presidente di Camera di commercio Metropolitana e di Confcommercio, “la capacità del mondo delle imprese milanesi di allearsi e fare squadra” può diventare “il punto di forza per vincere la sfida di Ema e dare un segnale positivo per la città e il Paese”. Secondo Sangalli, indipendentemente da quello che verrà deciso il 20 novembre, è già un buon risultato quanto si sta facendo per arrivare alla vittoria, oltre a essere un metodo di lavoro “che ci permette di guardare con fiducia anche ai grandi progetti che attendono Milano”.

“La nostra città ha tre importanti carte da giocare: il Pirellone, possibile sede di Ema, la posizione strategica e una capacità di accoglienza straordinaria grazie alle imprese della ricettività, del turismo e dei servizi, diffuse sul territorio – ha concluso il numero uno di Confcommercio Milano – Vincere significa moltiplicare le opportunità e consolidare il prestigio internazionale di Milano. Ci piacerebbe che, come accaduto con Expo, fosse di nuovo installato in piazza San Babila un orologio per segnare il countdown, il tempo che manca al verdetto del 20 novembre; è un modo per motivare la città a tifare per un risultato che porterebbe vantaggi per tutti”.

Confcommercio ha realizzato una ricerca dalla quale è emerso che l’impatto sui consumi di un arrivo a Milano dell’Ema potrebbe essere di circa 60 milioni di euro, di cui metà derivanti dall’attività congressuale. Nel capoluogo lombardo non arriverebbero infatti solo i 900 funzionari dell’Agenzia ma anche i responsabili delle principali case farmaceutiche dell’Unione Europea. Ai 60 milioni di consumi se ne andrebbero poi ad aggiungere altri 70 ad appannaggio del sistema alberghiero. Milano potrebbe contare anche su una maggiore internazionalizzazione, vedendo così crescere ulteriormente il proprio appeal fra le grandi metropoli del Vecchio Continente, ha aggiunto Bonomi, che ha ricordato come l’industria farmaceutica italiana sia seconda sola alla Germania all’interno dell’Unione. Il giro d’affari, tenendo conto anche delle produzioni delle case straniere che hanno scelto l’Italia per i propri stabilimenti, è infatti di ben 30 miliardi di euro.

In caso di vittoria di Milano, l’Italia vedrebbe salire a tre il numero di Agenzie europee presenti sul suo territorio: l’Ema si andrebbe infatti ad aggiungere all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) che ha sede a Parma e alla Fondazione europea per la formazione (Etf) che si trova a Torino.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Milano gioca i suoi assi per conquistare l’Ema

20 ottobre 2017

Incontro con il Corpo Consolare per spingere la candidatura della città a nuova sede dell'Agenzia …
L'associazione
La diplomazia economica e gli ambasciatori per il made in Italy

31 luglio 2017

L’incontro con gli ambasciatori d’Italia evidenzia il ruolo strategico di questa rete per favorire il …
L'associazione
Milano si candida ufficialmente a ospitare l’Ema

25 luglio 2017

Presentata a Palazzo Pirelli la candidatura della città per ospitare l'Agenzia europea del farmaco dopo …