Le imprese
internazionalizzazione

Le potenzialità del made in Italy alimentare in Canada

2 settembre 2014


Le potenzialità del made in Italy ...


Seminario gratuito, in programma il 16 settembre, in vista della missione commerciale organizzata da Confindustria nel marzo 2015.

Italian food in Canada: istruzioni per l’uso

Alzare lo sguardo oltre i confini nazionali è ormai una necessità, più che un’opportunità per tutti coloro che fanno business. Con il mercato nazionale ancora stagnante, cresce l’urgenza di cercare nuovi sbocchi per i propri prodotti, anche in paesi geograficamente molto distanti.

Da queste considerazioni nasce il seminario sul settore food in Canada, che Confindustria organizza con il supporto di Assolombarda. L’appuntamento è per il 16 settembre alle 15:00 presso la sede dell’associazione. Il seminario, a partecipazione gratuita per le imprese associate, si inserisce nel Progetto Canada di Confindustria, che prevede una missione commerciale a marzo del 2015.

Nuove opportunità di business con l’apertura delle frontiere

La scelta del paese nordamericano non è casuale. Nell’ottobre del 2013 è stato formalizzato il Comprehensive Economic and Trade Agreement (Ceta), che porterà alla nascita di un’ampia area di libero scambio tra l’Unione europea e il Canada, creando i presupposti per nuove opportunità di crescita dell’export italiano.

Il Canada è da sempre tra i grandi mercati di sbocco delle nostre produzioni alimentari di qualità e potrà esserlo ancor più d’ora innanzi, anche grazie a una maggiore tutela delle indicazioni geografiche. Un intervento che consentirà di combattere l’Italian sound, proteggendo i prodotti tipici realmente provenienti dal nostro Paese.

In particolare, l’attenzione verso l’italian food trae origine dalla presenza di una consistente comunità italiana in loco, che ha fatto conoscere e poi diffondere prodotti tipici della nostra produzione come pomodori in scatola, carni lavorate, vini e formaggi. La tendenza crescente verso una corretta alimentazione, inoltre, sta portando a una crescita di interesse verso i prodotti della dieta mediterranea.

Va comunque ricordato che l’export extra-Ue deve fare i conti con le disposizioni interne dei relativi mercati, per cui necessita di un’attenta analisi del quadro normativo locale. Nel caso specifico del Canada, ad esempio, sono previste rigorose limitazioni per la vitaminizzazione degli alimenti e delle bevande. La ratifica del CETA potrà ridurre anche queste barriere.

Supporto alle aziende nelle scelte strategiche

Per aiutare le aziende a compiere i passi giusti per crescere nel paese nordamericano, Confindustria e Assolombarda hanno previsto il coinvolgimento, nel corso del seminario, di esperti del food & wine canadesi.

I temi che saranno affrontati spaziano dalle potenzialità di mercato alle tendenze di acquisto, dagli strumenti finanziari a disposizione delle aziende italiane alle modalità di esportazione in Canada, anche alla luce dei cambiamenti legati all’entrata in vigore del Ceta.

Dal seminario alla missione commerciale: come partecipare

Per partecipare al seminario, le aziende interessate devono solo inviare la scheda di adesione (link).

Poi, potranno valutare se unirsi alla missione commerciale in Canada dal 23 al 27 marzo 2015: in questo caso, i costi a carico delle imprese saranno solo quelli di viaggio e di soggiorno (saranno stipulate apposite convenzioni alberghiere) e quelli per la fornitura e spedizione dei propri prodotti.

lascia un commento

One thought on “Le potenzialità del made in Italy alimentare in Canada”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Arriva il Ceta, cosa cambia per le aziende che lavorano con il Canada

26 settembre 2017

Entra in vigore l'accordo di libero scambio tra la Ue e il grande Paese del …
Le imprese
L’Africa e le nuove frontiere di business: che cosa serve per la crescita?

27 giugno 2017

L’Italia è il terzo Paese per investimenti in Africa, ma quali sono le opportunità economiche, …
Le imprese
Via libera al Ceta, l’accordo economico tra Europa e Canada

16 febbraio 2017

Voto favorevole del Parlamento europeo, ora la parola passa alle assemblee nazionali. L'intesa commerciale entra …