Le imprese

Job Stations, smart working per i lavoratori con disabilità psichica

27 ottobre 2016


Job Stations, smart working per i lavoratori con disabilità psichica

Sono centri di lavoro assistito per il reinserimento lavorativo di persone con disabilità di origine psichica, a disposizione delle aziende che desiderano aderire a un progetto unico in Italia per la gestione del collocamento mirato.

In Job Stations i dipendenti lavorano per l’azienda in modalità smart working, condizione che permette loro di poter esprimere al meglio il potenziale: l’integrazione lavorativa di persone con disagio mentale è infatti una sfida difficile, basata sull’equilibrio tra il raggiungimento dell’autonomia e il mantenimento del benessere del lavoratore.

Job Stations logoIl progetto, avviato nel 2012 da Accenture e da Fondazione Italiana Accenture, è oggi realtà grazie alla collaborazione con Associazione Progetto Itaca e Fondazione Bertini e ad oggi ha permesso 46 inserimenti lavorativi in 10 aziende.

Come funziona? L’azienda individua le mansioni che possono essere fatte in telelavoro con la collaborazione del team Job Stations. È compito dello staff del progetto selezionare invece i lavoratori idonei alle mansioni, mentre nella fase successiva viene scelto un tutor. Solitamente vengono affidate ai lavoratori di Job Stations attività con procedure chiare e abbastanza rigide come scansione e digitalizzazione documenti, controllo fatture su sistemi gestionali, rassegna stampa, redazione newsletter, organizzazione meeting e sviluppo software.

I lavoratori di Job Stations vengono assunti a tutti gli effetti nell’organico dell’azienda e inseriti inizialmente con contratto di stage. Quando il rapporto si è consolidato, il contratto viene trasformato in uno a tempo determinato o indeterminato, a seconda del percorso della singola persona. Al lavoratore Job Stations così si dà modo di operare in un contesto stimolante ma allo stesso tempo protetto, oltre alla possibilità di inserirsi nel mondo del lavoro in modo graduale e con mansioni adatte. L’azienda invece può rispondere agli obblighi di legge riguardo alle assunzioni di persone delle categorie protette in modo duraturo e sicuro, contare su professionisti per la gestione dei lavoratori e usufruire di incentivi o detrazioni fiscali che permettono copertura salariale fino al 70 per cento del reddito annuale lordo.

Ad oggi, dei 46 inserimenti lavorativi, 32 persone sono state inserite nelle aziende che partecipano a vario titolo al progetto e che operano in diversi settori (consulenza, bancario, ospedaliero). Altre persone, invece, dopo aver lavorato in Job Stations hanno intrapreso una diversa strada professionale.

Job Stations si inquadra nel programma globale “Skills to Succeed” che promuove nel mondo progetti di education e formazione, strettamente finalizzati alla costruzione di professionalità e al successivo impiego. Il successo di questo progetto è dato dalla sinergia e dalla collaborazione tra mondo profit e mondo non profit. In questo contesto il ruolo di Accenture consiste non solo nel mettere a disposizione gli strumenti tecnologici, ma anche le competenze dei propri professionisti che si dedicano alla gestione del progetto e ad aggregare aziende e organizzazioni per abilitare l’inclusione di un numero sempre più crescente persone.

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Legge innovativa e diffusione in crescita. Perché il 2017 è l’anno dello smart working

13 ottobre 2017

Lo stato dell’arte dello smart working in Italia tra novità legislative, dati sul fenomeno in …
Le imprese
Lo smart working è legge: tutto quello che un’azienda deve sapere

4 luglio 2017

La legge 81 del 22 maggio del 2017 è appena entrata in vigore: la norma …
Le imprese
Smart working: che cos’è, come funziona e le sfide

20 settembre 2016

Il numero di aziende che adotta progetti di smart working cresce di anno in anno. …