Le imprese

ISO 9001:2015 e Impresa 4.0, due leve al servizio della competitività

17 maggio 2018


ISO 9001:2015 e Impresa 4.0, due leve al servizio della competitività

Le novità introdotte dalla norma dei Sistemi di gestione per la qualità possono diventare una marcia in più per la quarta rivoluzione industriale. Scopriamo insieme come.

Unire gli effetti di una norma fondamentale e la grande rivoluzione che le aziende stanno vivendo al loro interno per utilizzarle assieme come leva di sviluppo. È l’obiettivo della nuova dispensa di Assolombarda: “ISO9001@Impresa 4.0 – Due leve al servizio della competitività”. La pubblicazione mette a fuoco i rapporti e le sinergie tra la norma ISO 9001:2015 (Sistemi di gestione per la qualità) e il paradigma Impresa 4.0 illustrando il modo in cui le novità introdotte dalla norma possano essere utili per agevolare l’avvento del nuovo modello organizzativo di Impresa 4.0.

La nuova revisione della norma di ISO 9001 sostituirà dal 15 settembre 2018 il precedente standard internazionale relativo ai Sistemi di gestione per la qualità e datato 2008. Le aziende, quindi, hanno ancora pochi mesi per adeguarsi. La norma valorizza in sostanza le prestazioni delle organizzazioni, focalizzandosi sul risk-based thinking come elemento preventivo per il raggiungimento degli obiettivi. Gli strumenti aziendali utilizzati per competere nel mercato entreranno quindi a far parte del Sistema di gestione per la qualità per soddisfare i requisiti della norma.

Si realizza così il passaggio da un approccio prescrittivo ad uno prestazionale. Nell’approccio prescrittivo, l’auditor doveva verificare che certi aspetti gestionali richiesti dalla norma fossero applicati, come ad esempio la procedura delle azioni correttive. Oggi, invece, l’obiettivo è capire come governare il mancato rispetto delle regole interne per raggiungere i risultati che sono stati programmati. Il Sistema di gestione per la qualità, nella sua nuova versione espressa dalla ISO 9001:2015, ha recepito il cambiamento del “sistema azienda”, ponendosi in una diversa prospettiva. Questa evoluzione rende l’azienda valutabile con uno strumento di analisi efficace basato su dati che fino a poco tempo non erano disponibili. Non solo: l’obiettivo di questa nuova configurazione della norma ISO 9000 è di favorire una visione manageriale pronta a valutare le diverse situazioni che si creano e che non sono più gestibili con i paradigmi del passato.

Tutto questo si inserisce alla perfezione nella grande rivoluzione di Industria 4.0. È necessaria, però, una premessa: nella dispensa non si parla di Industria 4.0 ma di Impresa 4.0, concetto introdotto dalle normative e dai piani di sviluppo governativi, per sottolineare la nascita di un nuovo modello di impresa che coinvolgerà anche le aziende che, almeno inizialmente, non hanno intrapreso la strada dell’innovazione. Come ricorda anche la dispensa con Impresa 4.0 si indica una tendenza dell’automazione industriale ad integrare alcune nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti.

Adesso, però, sorge una domanda: quale relazione c’è tra il Sistema di gestione per la qualità ed Impresa 4.0? Per prima cosa l’Impresa 4.0 consente di avere più dati e informazioni di qualità, più sorgenti in un unico posto. Strutturare un sistema di gestione per la qualità basato sulla ISO 9001:2015 permette infatti di avere un numero superiore di Kpi (key performance indicator), maggiore conoscenza, possibilità d’immaginare i trend e consapevolezza nella valutazione dei rischi. Inoltre, in un contesto produttivo complesso i meccanismi di governo dell’azienda non possono essere gli stessi rispetto ad alcuni decenni fa. La complessità deriva dall’aumento delle interconnessioni generate dalle nuove tecnologie e richiede maggiori capacità interpretative della realtà e sistemi decisionali accurati ma allo stesso tempo veloci.

Impresa 4.0, quindi, è un aiuto per le aziende per andare nella direzione di ISO 9001:2015 soprattutto per quanto riguarda il monitoraggio dei processi e la gestione delle informazioni documentate. Qualche esempio? I dati dei macchinari possono essere utili per la programmazione della loro manutenzione e le non conformità possono derivare dai controlli in accettazione sul processo o prodotto finito. In pratica, comunque, è possibile avere un maggiore controllo sui processi aziendali e, proprio per questo, intervenire con risposte più efficaci.

La dispensa, comunque, non passa solo in rassegna i principali cambiamenti che stanno rivoluzionando le aziende ma ha anche un approccio pratico. Le aziende ABB, Caleffi, Omsi Trasmissioni e Terry Store-Age si sono rese disponibili a condividere le loro esperienze sui Sistemi di gestione qualità e Impresa 4.0, per dare concretezza agli aspetti analizzati e capire meglio, grazie a casi concreti, quali sono le risposte più adatte ad un mondo sempre più complesso.

 

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Al via il corso ITS ideato dalle imprese per affrontare le sfide del 4.0

12 febbraio 2018

Forma una nuova figura professionale sempre più richiesta dalle aziende, che si fanno sostenitrici del …
Le imprese
Un Osservatorio Digitalizzazione per indagare l’adeguatezza dei servizi di connettività

17 novembre 2017

Articolo di Gregorio Papadia, Vice Presidente Gruppo ICT e Servizi alle Imprese e Presidente Sezione …
Le imprese
Assolombarda e Unicredit: finanziamenti e know-how verso Industria 4.0

12 settembre 2017

Industria 4.0 rappresenta un'opportunità irripetibile per far crescere competitività e occupazione. Le aziende italiane ne …