Le imprese
territorio

Investire sul territorio – Aprile 2016

15 aprile 2016


Investire sul territorio – Aprile 2016

Il sito www.investiresulterritorio.it – raccolta dati gratuita e aggiornata sul territorio, la struttura economica e il mercato immobiliare della Città Metropolitana di Milano, ha pubblicato un interessante aggiornamento.

Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, Camera di Commercio di Milano, TeMA, Invest in Lombardy – Promos, Nomisma e FIMAA Milano Monza e Brianza hanno unito le forze per dare risposte a domande quali:

  • Qual è l’ambito più dinamico della Città Metropolitana?
  • Dove trovo un terreno fertile per l’attività d’impresa?
  • In quale Comune l’investimento immobiliare non perderà valore nel tempo?
  • L’area che mi interessa è ben collegata agli aeroporti e facilmente accessibile anche con il treno?

Le informazioni – dati, mappe, grafici interattivi e performance dei diversi ambiti territoriali – appartengono a tre filoni:

  • indicatori territoriali
  • tessuto produttivo
  • mercato immobiliare.

Nell’aggiornamento di aprile 2016 i dati vengono integrati con gli indicatori di accessibilità infrastrutturale.

Un tessuto imprenditoriale in crescita in media di 4 punti nel 2015

Nonostante la crisi, negli ultimi 5 anni l’andamento delle imprese della Città Metropolitana si è mantenuto positivo con un trend sostanzialmente costante nel periodo, per una media circa 7.200 nuove iscrizioni all’anno.

La Città Metropolitana ha visto nel 2015 un aumento delle imprese attive del 3,5% su base quinquennale (variazione 2015-2010), a fronte del 2% del 2014, con risultati positivi in tutti gli ambiti territoriali metropolitani, primo fra tutti Milano (+4,7%).

Le zone a più alto tasso di imprenditorialità, che insieme costituiscono oltre il 20,2% delle attività d’impresa (Milano da sola rappresenta il 58,5%), sono:

  • Nord
  • Nord-Ovest
  • Alto Milanese.

I tre ambiti più performanti per tasso di crescita annuo delle imprese, invece, sono stati nel 2015:

  • Milano (2,5%)
  • Est Asse Ferrovia (1,5%)
  • Alto Milanese (1,4%)

Uffici

La Città Metropolitana di Milano vanta una dotazione di uffici stimata in oltre 13 milioni di mq, di cui 9,3 milioni a Milano e 3,8 milioni negli altri 11 ambiti territoriali.

La dotazione di uffici dei Comuni di Nord, Nord-Ovest e Alto Milanese è di gran lunga superiore a quella degli altri ambiti (47,2% del territorio metropolitano – escluso Milano), in particolare nei settori dei servizi alle imprese e dell’intermediazione monetaria e finanziaria.

Nel II semestre 2015 il prezzo medio degli uffici localizzati nelle zone centrali dei Comuni dell’area metropolitana (escluso Milano) si attesta sui 1.378 euro/mq (-3% annuo e -0,7% semestrale). A Milano il prezzo medio è di circa 4.347 euro/mq (-0,3% semestrale e quotazione invariata su base annua).

Per gli uffici localizzati in aree decentrate, il Comune di Milano (1.874 euro/mq medio) mostra una variazione dei prezzi annuale di -1,7% e una variazione semestrale del -0,9%.

Il resto della Città Metropolitana ha registrato una diminuzione pari a -2,1% annuale e -0,5% semestrale, con un prezzo medio pari a 1.165 euro/mq.

Capannoni

La superficie occupata dai capannoni industriali nella Città Metropolitana (escluso Milano) si stima in oltre 11,5 milioni di mq, con il 13% circa destinato rispettivamente a computer/elettronica e alimentare e il 10% a magazzinaggio e trasporti.

La superficie complessiva dei capannoni si concentra nella fascia nord-occidentale del territorio che va dagli ambiti Nord, Nord-Ovest e Alto Milanese fino al Magentino (55,6% della superficie, pari a oltre 6,4 milioni di mq).

Nel II semestre 2015 il prezzo medio dei capannoni nuovi localizzati nell’area metropolitana (escluso Milano) si attesta su 785 euro/mq (-2,8% annuale e -0,8% semestrale). A Milano il prezzo medio è di circa 949 euro/mq (-0,8% annuale e -0,4% semestrale).

Accessibilità infrastrutturale

Milano presenta eccellenti condizioni di accessibilità, con valori molto alti e “fuori scala” rispetto al resto del territorio, per tutte le modalità (strada, ferro e aeroporti).

Il Nord, con i valori di accessibilità più elevati dopo Milano, presenta una più consistente e articolata infrastrutturazione e una più ampia offerta di servizi di trasporto su ferro, che consente collegamenti più rapidi e diretti anche con il sistema aeroportuale.

Seguono il Nord Ovest e l’Est Asse Ferrovia, con valori medio-alti:

  • il primo soprattutto per la parte di territorio compresa nella prima corona circostante a Milano, dove si attestano le principali direttrici radiali che si attestano sul sistema tangenziale milanese e sulla cintura e nel passante ferroviario
  • il secondo con riferimento al corridoio stradale/ferroviario dell’est-milanese, che garantisce un buon livello di offerta di mobilità complessiva.
lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Monza… attrae!

20 giugno 2016

Orientare gli investimenti sul territorio di Monza e Brianza ora è più semplice, grazie alla …
L'associazione
San Donato Milanese: “la nuova C gialla” ...

11 settembre 2015

In arrivo una nuova linea di bus che faciliterà gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti delle …
L'associazione
L’associazione dà il benvenuto ai nuovi sindaci

25 giugno 2015

Le amministrative 2015 hanno visto l’elezione di sette nuovi primi cittadini nel territorio di competenza …