Le imprese

Investimenti in beni 4.0: il nodo delle perizie o attestati di conformità

31 marzo 2017


Investimenti in beni 4.0: il nodo delle perizie o attestati di conformità

Andrea Dell’Orto, Vice Presidente Assolombarda con delega allo Sviluppo Manifatturiero e Medie Imprese, approfondisce alcuni aspetti chiave degli investimenti in beni per Industria 4.0 ammissibili all’iperammortamento 250%.

Che grado di consapevolezza hanno le imprese dell’opportunità rappresentata dall’iperammortamento? In altre parole, si stanno muovendo gli investimenti in beni materiali ed immateriali per Industria 4.0 e la Digital Transformation?

Andrea Dell'OrtoIl sentiment che riscontriamo tra le imprese nella prima parte dell’anno è positivo, con elevatissimo interesse per la misura dell’iperammortamento e molti progetti che, come Assolombarda, siamo chiamati a valutare dalle imprese per verificarne la coerenza con lo strumento. Questa percezione viene condivisa dai nostri contatti con i principali fornitori di tecnologie.

Si tratterà ovviamente di verificare, cosa possibile solo a fine anno, due elementi: quanti investimenti rappresentano uno “slittamento” di decisioni già prese nello scorso anno e rimandate al 2017 per rientrare nella finestra temporale di applicabilità dell’iperammortamento, e quanti sono investimenti effettivamente incrementali rispetto allo storico annuale.

In questo quadro, molte imprese che si rivolgono ai nostri uffici hanno una conoscenza solo superficiale del meccanismo dell’iperammortamento, ed in particolare dei vincoli sulle tipologie di beni e sulle caratteristiche che questi devono avere, oltre che sul ruolo del software. Segno che l’opera di corretta informazione e di sensibilizzazione che stiamo svolgendo è assolutamente necessaria.

Un’impresa che ha in mente una serie di investimenti, quale supporto può trovare in Associazione? Esiste una guida?

È stato strutturato un servizio integrato di accompagnamento delle aziende lungo tutto il percorso di trasformazione digitale. Grazie alla molteplicità di competenze presenti all’interno dell’Associazione siamo in grado di coprire tutte le fasi che l’implementazione di un progetto 4.0 richiede: formazione, affinamento dei processi, orientamento nella trasformazione tecnologica, accesso agli strumenti di sostegno.

Quando ci riferiamo in particolare agli investimenti ammissibili all’iperammortamento, i nostri uffici possono valutare preliminarmente le caratteristiche dei beni, ed in particolare la loro compatibilità con i vincoli imposti dalle Legge di Stabilità, specialmente a seguito dei correttivi pubblicati in Gazzetta Ufficiale ad inizio marzo, che hanno risolto alcune imprecisioni contenute nella versione della Legge approvata a dicembre.

Abbiamo inoltre avuto l’opportunità, in questi tre mesi, di approfondire, in stretto contatto con il Ministero dello Sviluppo Economico, la redazione della “Guida all’Iperammortamento” che è stata ufficializzata il 30 marzo dall’Agenzia delle Entrate; tutto questo know-how è alla base dei servizi di pre-valutazione disponibili per le imprese associate attraverso i nostri uffici.

Quali sono i passi successivi per l’impresa che investe e vuole vedersi riconosciuto l’iperammortamento? Che ruolo giocano professionisti ed enti di certificazione?

Il ruolo dell’Associazione deve essere sempre quello di garante della qualità e, a maggior ragione in questo caso, della tutela degli interessi delle imprese che investono. La norma prevede una serie di condizioni, per godere dell’iperammortamento, che possono essere verificate sui beni che si acquisiscono; ci sono però altre condizioni necessarie (prima fra tutte l’interconnessione al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura) che sono vincolate dal contesto in cui i beni o gli impianti verranno inseriti.

Anche per gestire questi aspetti, la norma ha previsto l’obbligatorietà di una perizia giurata o di un attestato di conformità per investimenti singolarmente superiori a 500.000 euro; detto che il nostro suggerimento è di prevedere comunque una relazione tecnica sull’investimento indipendentemente dall’entità economica. Stiamo attivando partnership specifiche con enti di certificazione e altri soggetti qualificati, al fine di poter fornire il servizio più completo e di qualità ai nostri associati.

Per chi deve iniziare, qual è il suggerimento?

Il consiglio è di partire dalla pagina che abbiamo messo a disposizione sul sito di Assolombarda ed in particolare dalla sezione delle FAQ sull’iperammortamento, continuamente aggiornate: http://www.assolombarda.it/servizi/ricerca-e-innovazione/domande-risposte/iperammortamento

 

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Assolombarda e Unicredit: finanziamenti e know-how verso Industria 4.0

12 settembre 2017

Industria 4.0 rappresenta un'opportunità irripetibile per far crescere competitività e occupazione. Le aziende italiane ne …
Le imprese
Industry 4.0 a portata di mano (o a colpo d’occhio)

2 agosto 2017

Gestire la fabbrica da uno smartwatch? Si può fare anche questo, con una soluzione che …
Le imprese
“Progettare il futuro”: 10,5 miliardi per le imprese di Milano, Monza e Brianza

5 luglio 2017

Assolombarda, Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo siglano un accordo triennale per aiutare le Pmi …