Le imprese

Industry 4.0 a portata di mano (o a colpo d’occhio)

2 agosto 2017


Industry 4.0 a portata di mano (o a colpo d’occhio)

Gestire la fabbrica da uno smartwatch? Si può fare anche questo, con una soluzione che consente alle aziende tradizionali di trasformarsi in digitali in pochi passi. E con una spesa contenuta.

Andiamo con ordine. Il tutto deriva da una esperienza pilota che ha avuto come protagonisti da una parte Rold, impresa protagonista nel mercato dei componenti per elettrodomestici, e dall’altra Samsung. Il punto d’arrivo è Rold Smartfab, una soluzione costituita da una parte software, sviluppata appunto da Rold, e una hardware, fornita da Samsung.

La finalità? Rold Smartfab possiede la capacità di trasformare qualsiasi impianto produttivo tradizionale in un impianto in ambiente Industry 4.0. Vediamo come. “Dei mini computer come Arduino o Raspberry digitalizzano grazie a un software dedicato qualsiasi tipo di macchina – spiega Antonio Bosio, direttore del dipartimento product and solution Samsung – noi forniamo i dispositivi mobili, connessi alle macchine e agli schermi touch che vengono installati lungo la linea produttiva”.

L’hardware di Samsung trova la sua interfaccia nel software studiato da Rold “Hanno sviluppato un software in grado di informatizzare in modo semplice il loro stabilimento – spiega Bosio –. Il sistema ha dato risultati tanto entusiasmanti che hanno deciso di metterlo a disposizione di tutte le altre aziende”.

Vediamo cosa consente di fare l’applicazione della soluzione alla gestione dei macchinari della fabbrica. Innanzitutto con Rold Smartfab è possibile mappare ciò che accade sulle linee di produzione e risolvere immediatamente eventuali problemi. È un sistema ready to use installabile su macchinari di produzione per qualsiasi genere di industria produttiva: “Installiamo il sistema sui macchinari dell’impianto produttivo in questione – spiega la Presidente di Rold Laura Rocchitelli –, formiamo il personale e lo dotiamo di dispositivi che consentono di verificare anche a distanza l’andamento della produzione. “

Questi dispositivi sono i device Samsung che, grazie a Smartfab, consentono l’ottimizzazione dei processi di gestione dei dati, l’analisi dei macchinari, l’attivazione delle notifiche di allarme e dei sensori, il monitoraggio per la manutenzione dei sistemi. Parliamo di tablet e dispositivi wearable che vengono forniti a manager e tecnici della produzione per controllarne l’andamento.

Lungo le linee di produzione, è possibile constatare due risultati: i dati sono immediatamente disponibili sugli screen Smart Signage di Samsung per controllare e analizzare i flussi di informazioni e migliorare l’efficienza degli impianti, aumentandone la qualità e il rendimento. A un livello diverso gli smartwatch Samsung Gear consentono la gestione diretta degli allarmi del sistema informativo, rendendo possibile a chi abbia il device, la visualizzazione in tempo reale dei codici di errore e di eventuali problemi.

Facciamo degli esempi concreti: “Se viene rilevata un’anomalia lungo la linea di produzione – dice Laura Rocchitelli – un allarme viene propagato sui Samsung Gear a tutti gli operatori che lavorano su quella linea e ai Responsabili. Non appena un addetto conferma con un semplice tocco sullo smartwatch di averla presa in carico, la comunicazione viene diramata ai colleghi e l’allarme cessa”. Una volta gli operatori camminavano 10 km per premere bottoni, ora li trovano sul display del device. Ma non finisce qui: Rold Smartfab pensa anche alla sicurezza dei lavoratori: “Se qualcuno si ferisce ed è a terra – aggiunge Bosio – il giroscopio dei Gear potrebbe generare automaticamente un allarme”.

Come si è visto la piattaforma messa a punto non solo rappresenta un passo verso il futuro della produzione, ma ha il potenziale di consentire da subito di massimizzare il rendimento, minimizzando errori, scarti e spese. Ed è a portata di mano e di tasche: “In passato l’Industria 4.0 si identificava come qualcosa di troppo impegnativo a livello organizzativo ed economico per una media impresa – commenta Rocchitelli –. Grazie al nostro sistema diventa accessibile a tutte le aziende”.

I costi dipendono anche dai macchinari utilizzati dall’azienda in questione: “Il costo degli hardware è limitato – precisa Bosio –. La differenza la fa l’implementazione che va parametrata rispetto al contesto e agli anni degli impianti da digitalizzare. Insomma: qualche migliaio di euro per la spesa iniziale, ma il ritorno è decisamente più alto”.

“Samsung ha i dispositivi, ma anche le possibilità di costruire progetti complessi. – conclude il manager – Vogliamo dimostrare che anche apparati consumer possono essere personalizzati per essere usati in contesto industriale. Abbiamo le competenze e l’esperienza per sviluppare questi progetti e riteniamo che digitalizzare le aziende italiane sia un bene per tutto il Paese”.

Non solo, i sistemi legati all’Industry 4.0 sono scalabili: “Il numero dei dispositivi può variare da poche decine nel caso di una piccola impresa a molte centinaia. – conclude – La scalabilità è un fattore di successo”.

“Quello che ha fatto di Rold Smartfab un caso di successo è proprio la sua provenienza: a svilupparlo, infatti, non è stata una software house, che non siamo e non vogliamo diventare, bensì un’azienda manifatturiera, che ha usato come pilota proprio uno dei suoi stabilimenti”, spiega Rocchitelli. Ed è proprio questa variabile ad aver catturato l’attenzione di Samsung, che ha scelto Rold come partner per sviluppare il prodotto.

 

lascia un commento

One thought on “Industry 4.0 a portata di mano (o a colpo d’occhio)”

  1. Franco Andretta scrive:

    Veramente interessante e grazie ad Assolombarda per aver diffuso la conoscenza di questo caso di eccellenza 4.0!
    Peccato non esserne venuti a conoscenza in tempo per presentarlo al ns. Convegno 23/11/2016 “La Sostenibilità nelle Imprese di Servizi” in e con Assolombarda-GEN (www.assoreca.it)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Assolombarda e Unicredit: finanziamenti e know-how verso Industria 4.0

12 settembre 2017

Industria 4.0 rappresenta un'opportunità irripetibile per far crescere competitività e occupazione. Le aziende italiane ne …
Le imprese
“Progettare il futuro”: 10,5 miliardi per le imprese di Milano, Monza e Brianza

5 luglio 2017

Assolombarda, Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo siglano un accordo triennale per aiutare le Pmi …
Le imprese
Investimenti in beni 4.0: il nodo delle perizie o attestati di conformità

31 marzo 2017

Andrea Dell’Orto, Vice Presidente Assolombarda con delega allo Sviluppo Manifatturiero e Medie Imprese, approfondisce alcuni …