Le imprese
startup

Imprese profit e non, insieme per un business più “RIGHT”

2 maggio 2016


Imprese profit e non, insieme per un business più “RIGHT”

Imprese private e imprese sociali, due mondi diversi che si uniscono e diventano, insieme, motore dell’economia.

Right Hub li fa incontrare, creando nuove opportunità e collaborazioni, offrendo know-how alle organizzazioni no profit migliorandone l’efficienza operativa.

Luca Guzzabocca, General Manager della startup Right Hub, ci racconta come si integrano le due realtà.

Sostenete l’Economia Sociale: come si sviluppa?

Il settore del non profit “produttivo” è quello che dà vita alla cosiddetta “economia sociale”.

Right Hub - Luca GuzzaboccaIn Italia le imprese e le cooperative sociali di tipo B (che si occupano dell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate) e B – A (che si occupano in particolare della gestione dei servizi socio-sanitari, formativi e di educazione permanente), costituiscono un motore importante di sviluppo dell’economia, molto spesso sconosciuto.

Da una nostra recente ricerca volta a misurare il livello di conoscenza e di propensione all’acquisto dalle cooperative sociali da parte delle imprese private, emerge che 9 su 10 sono disponibili a considerare le forniture da queste. Tuttavia risulta che le imprese profit nella maggior parte dei casi non conoscono l’ampiezza di beni e servizi che possono offrire.

Right Hub, in questo senso, facilita la costruzione e lo sviluppo del rapporto di business tra economia sociale e imprese private. Come? Valutiamo e selezioniamo le imprese e le cooperative sociali a livello nazionale (i potenziali fornitori) per presentarle alle imprese private (i potenziali clienti) sia attraverso una piattaforma web, sia attraverso ricerche ad hoc. Siamo i primi privati in Italia ad occuparci di questa attività.

Uno dei vostri servizi/obiettivi è di “formare” le imprese no profit. Come agite in questo senso? Su quali ambiti?

RIGHT_HUB_logo_orizzSiamo una startup innovativa nata nel 2015 dalla visione e convinzione di alcuni manager e imprenditori del settore privato, impegnati da molti anni nel ridurre l’impatto ambientale e aumentare l’impatto sociale delle proprie attività di business. Proprio su questo impegno, oltre alle attività per lo sviluppo dell’economia sociale, offriamo il nostro know-how alle organizzazioni no profit per l’efficienza operativa dei loro processi.

Gli ambiti sono, ad esempio, quelli del miglioramento della gestione delle spese e degli acquisti, della logistica dei beni e mobilità delle persone, dell’implementazione di catene di fornitura sostenibili.

Siamo convinti che il miglioramento in queste aree sia strettamente necessario per poter avere a disposizione maggiori risorse economiche e per orientarle verso la missione stessa dell’organizzazione no profit. La sostenibilità ambientale e sociale delle loro catene di fornitura è inoltre un passo fondamentale per dimostrare e attuare concretamente la coerenza con le proprie azioni.

La piattaforma Right Hub Matching: come funziona?

L’incontro tra la domanda e l’offerta avviene su una piattaforma online che consente alle imprese che cercano beni e servizi dal mondo produttivo dell’economia sociale di interrogare il motore di ricerca e selezionare i soggetti a cui inviare la propria richiesta di offerta. Questi ultimi, detti Seller, ricevendo la richiesta, possono accedere alla piattaforma e rispondere direttamente al richiedente con la propria proposta.

Ad oggi sono circa 8000 le organizzazioni presenti a livello nazionale sulla piattaforma di cui 2500 cooperative e imprese sociali, 600 imprese private e il resto sono altre organizzazioni no profit. Solo i soggetti produttivi dell’economia sociale possono essere Seller.

Importante è il fatto che Right Hub assegna l’attributo “Seller Verificato” alle imprese e cooperative sociali che corrispondono a una serie di nostri criteri di valutazione.

Che tipo di servizio si può richiedere?

Sono beni e servizi di ampio respiro: servizi di cura del verde e pulizie, manutenzione degli edifici, gestione rifiuti, energie rinnovabili, assemblaggi e confezionamenti, controlli di qualità, logistica e immagazzinamento, comunicazione e marketing, conservazione sostitutiva, gestione documentale, lavorazioni sartoriali, lavanderia, falegnameria, articoli promozionali, stampa offset e digitale, servizi di welfare e tanto altro ancora.

E un esempio di collaborazione tra for profit-no profit che avete supportato?

Per una multinazionale tedesca che opera nel settore dei servizi a supporto di viaggi d’affari abbiamo valutato, in base ai parametri dell’appalto, una serie di cooperative sociali per fornire il servizio di pulizie dei suoi uffici.

Altri casi su cui abbiamo lavorato o stiamo lavorando sono ad esempio: la ricerca di servizi di falegnameria, sartoria e lavanderia per una multinazionale della grande distribuzione; la fornitura di prodotti alimentari per un evento di una società italiana leader nel settore delle attrezzature per le pulizie come anche per la campagna di fundraising di una organizzazione no profit; la costruzione di una rete nazionale per la raccolta e immagazzinamento di toner esausti.

Right hub claimSe doveste spiegare l’economia sociale alle nuove generazioni?

L’economia sociale è una grande nuova opportunità per creare valore nel nostro Paese sia per le importanti potenzialità economiche effettive (beni e servizi da progettare, produrre e vendere) sia per l’alto impatto sociale con l’inclusione lavorativa di persone svantaggiate.

Per i giovani è senza dubbio una valida opportunità di occupazione perché gli spazi da colmare sono enormi e sono necessarie competenze e attività per innovare processi e strutture.

RIGHT HUB Right Business, Right World non è solo il nostro claim, è la nostra missione e il nostro modo di approcciarci al mondo.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Testardaggine, flessibilità e talento: la ricetta per una startup di successo

16 dicembre 2016

Diego Piacentini, Commissario Straordinario per l’attuazione dell'Agenda Digitale, allo startup day della Bocconi spiega agli …
Le imprese
Startup, si continua a crescere: più imprese e più investimenti

4 novembre 2016

Milano traina, la Lombardia fa concorrenza alle altre regioni motore d’Europa.  Dopo la fase di partenza, …
Le imprese
Phi Drive, quando l’industria si innova con motori piccolissimi e green

26 settembre 2016

Grazie ai motori innovativi che produce la startup Phi Drive ha ricevuto un finanziamento per …