Le imprese
Milano

Il Pirellone compie 60 anni

19 luglio 2016


Il Pirellone compie 60 anni

Al 26esimo piano dell’edificio una mostra per celebrare l’anniversario che ripercorre tutte le tappe più importanti di uno dei simboli di Milano. Dalla posa della prima pietra, al trasloco di Regione Lombardia, all’incidente aereo del 2002 attraverso fotografie, disegni e manifesti.

Sessanta anni fa veniva posata la prima pietra. Oggi c’è una mostra che celebra la sua storia. Il grattacielo Pirelli celebra i suoi primi sessanta anni. Simbolo della Milano della ricostruzione, il “Pirellone” – ormai lo chiamano tutti così -, ha accompagnato il capoluogo lombardo attraverso tappe fondamentali della sua recente storia. Per questo la Regione Lombardia ha deciso di festeggiare l’importante anniversario organizzando “Le età del Grattacielo”, mostra allestita al 26° piano dell’edificio che oggi ospita il Consiglio regionale, e fatta in collaborazione con la Fondazione Pirelli e con La Triennale, inserita nel circuito della XXI Esposizione Internazionale in corso a Milano.

Curata da Alessandro Colombo, si articola sulle quattro età del grattacielo: quella della costruzione e della vita industriale, quella del passaggio a sede della Regione Lombardia e poi del Consiglio, quella dell’incidente del 2002, quando un piccolo aereo da turismo si schiantò proprio sul 26esimo piano, provocando 3 morti e circa 70 feriti, e infine l’ultima, la rinascita e il futuro.

Pirellone-MilanoAlto 127 metri per 31 piani, il Pirellone è stato inaugurato il 4 aprile del 1960 e poteva ospitare 2mila persone. Il cantiere è stato aperto nel 1956 su progetto di un gruppo di professionisti guidato dal celebre architetto Gio Ponti. Erano stati Alberto e Piero Pirelli a volere che il nuovo centro della loro società venisse costruito su quell’area, un tempo occupata dalla Cascina Brusada, distrutta durante i bombardamenti del 1943, e posta proprio di fronte al luogo in cui sorgeva la prima fabbrica costruita nel 1872. I Pirelli volevano trasferire gli uffici di viale Abruzzi in una zona nuova, vicino alla stazione Centrale e al centro direzionale di via Vittor Pisani.

Già durante la sua inaugurazione nel 1960, l’edificio non era percepito solo come la moderna sede di una multinazionale, ma divenne subito emblema della volontà di riscatto di un Paese che guarda dritto al miracolo economico, lasciandosi alle spalle gli anni bui della Seconda guerra mondiale. Lo slancio dell’altezza era lo slancio verso il futuro, insomma.

Il passaggio alla Regione Lombardia è stato invece nel 1978, poi, dopo che tra il 2010 e il 2011 la Giunta regionale ha traslocato nel non lontano Palazzo Lombardia, al Pirellone è rimasto il Consiglio regionale.
Un momento tristemente noto ma imprescindibile nel racconto della storia di questo gigante è l’incidente avvenuto il 18 aprile del 2002, quando il piccolo aereo guidato da Luigi Fasulo, dopo aver perso il controllo, si è schiantato al 26esimo piano dell’edificio, dove ancora oggi c’è un’area dedicata al memoriale. Gravi furono anche i danni alla struttura, ma il 18 aprile 2004, dopo mesi di lavori di ristrutturazione, c’è stata una nuova inaugurazione e da allora il Pirellone ha continuato a guardare al futuro.

Parte del materiale della mostra proviene dall’Archivio Storico Pirelli, come gli scatti che ricostruiscono le tappe della costruzione, ma anche disegni e manifesti che ripercorrono alcuni momenti topici, dal getto delle prime fondamenta all’inaugurazione, alla realizzazione degli interni e degli esterni dell’edificio.

La mostra è aperta fino all’11 settembre, dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30. L’ingresso è libero ma con prenotazione obbligatoria, compilando l’apposito modulo sul sito www.consiglio.regione.lombardia.it.

 

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Milano si candida ufficialmente a ospitare l’Ema

25 luglio 2017

Presentata a Palazzo Pirelli la candidatura della città per ospitare l'Agenzia europea del farmaco dopo …
Al via la prima edizione della Milano Arch Week

29 maggio 2017

Dal 12 al 18 giugno una settimana di eventi, incontri, performance, dialoghi, letture e discussioni …
Le persone
La mia città è finalmente aperta – di Gaia Manzini

14 febbraio 2017

L'articolo, a firma della scrittrice Gaia Manzini, è uscito il 6 dicembre 2016 sul Corriere …