L'associazione

Il metodo di lavoro: risultati misurabili e sinergie

20 dicembre 2013


Il metodo di lavoro: risultati misurabili e sinergie

Piano strategico 2014-2016 per far volare Milano: Assolombarda punta su una nuova modalità operativa volta a creare risultati misurabili nel tempo e a coinvolgere i key players pubblici milanesi, lombardi e nazionali.

La necessità del cambiamento

Ogni piano discende da un metodo. Il metodo che Assolombarda ha inteso darsi è quello di orientare le sue attività a produrre risultati. Risultati di cambiamento, non iniziative per soddisfare domande e aspettative della propria base associativa, che pure rimangono fondamentali.

Anche l’esperienza associativa d’impresa, come in generale ogni aspetto della rappresentanza nel nostro Paese, ha bisogno di profondi cambiamenti, che attribuiscano un significato più pregnante e reale alla sua mission: per Assolombarda, quella di far crescere insieme le imprese di un territorio al quale sono legate da nessi inscindibili, ‘insieme’ al territorio stesso nel quale esse operano come base per assicurarsi posizioni sempre migliori, nel mercato internazionale come in quello domestico.

Uno degli aspetti più sintomatici della crisi della rappresentanza italiana – in tutti gli ambiti – è la progressiva distanza nel tempo tra ciò che si dice e ciò che si fa, tra le parole o gli annunci, e i fatti concreti e conseguenti.

Proprio per questo, Assolombarda ha deciso di innovare la propria modalità operativa.

50 progetti per creare risultati

L’intera pianificazione delle attività dell’associazione per gli anni 2014-2016 viene incardinata in 50 progetti essenziali, ciascuno dei quali volto a ‘creare risultati’. E ciascuno progetto sarà misurabile nel tempo, nei suoi obiettivi intermedi come in quello finale.

La pianificazione non è solo una nuova dimensione più oggettiva, e più coerente con l’operatività economica e aziendale, per essere responsabili rispetto alle esigenze delle imprese che aderiscono all’associazione.

È un metodo perché l’azione di Assolombarda produca effetti concreti nell’interazione con i key players dell’arena pubblica milanese, lombarda e nazionale, gli attori senza la cui convergente decisione le istanze delle imprese sono destinate a restare inefficaci, in molti settori decisivi.

Ed è anche un metodo per rendere meglio percepibile e ‘misurabile’ l’associazione agli occhi dell’opinione pubblica, senza la cui decisa spinta è difficile immaginare l’accelerazione necessaria a Milano e all’Italia, dopo questi anni di dura crisi.

Le potenzialità di Milano, le sue eccellenze, sono elementi distintivi per guidare il Paese a una nuova fase di sviluppo. L’Italia può ripartire solo da Milano: occorre liberare energie e catalizzarle in una visione.

Il metodo è, dunque, quello di proporsi su progetti specifici, concreti, misurabili.

Una ventina di progetti mettono le imprese al centro; altrettanti mettono Milano al centro. I due ambiti si tengono l’uno con l’altro: una Milano più attraente è una Milano dove è più facile fare impresa; imprese più robuste portano all’ecosistema milanese quel valore caratteristico e unico che è proprio di Milano.

Vuoi approfondire

Far Volare Milano

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le persone
“Rocca: ora serve discontinuità con uno choc per la crescita”

13 aprile 2017

Intervista a Gianfelice Rocca a firma di Giangiacomo Schiavi - Il Corriere della Sera, 6 …
Le persone
‘Alle imprese serve più agilità: il Sì sarà solo il primo passo’

1 dicembre 2016

Intervista a Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza - La Repubblica.  
L'associazione
La Grande Milano e l’innovazione che serve

2 agosto 2016

Articolo di Gianfelice Rocca, Presidente Assolombarda e di Giovanni Azzone, Rettore Politecnico di Milano – …