L'associazione
ambiente

Il futuro dei Sistemi di Gestione Ambientale: parlano le imprese

26 maggio 2014


Il futuro dei Sistemi di Gestione Ambientale ...

Presentato il documento di posizionamento di Assolombarda sulla revisione della norma ISO 14001.

Il Gruppo di lavoro Qualità Ambientale

Per un’impresa ci sono molti modi di fare vita associativa. Uno – e senz’altro uno di quelli che ti fanno sentire parte di una comunità – è mettere le proprie competenze in comune con quelle di altre aziende nell’ambito di uno dei tanti gruppi di lavoro attivati da Assolombarda su tematiche specifiche.

Il Gruppo di lavoro Qualità Ambientale, ad esempio è attivo da anni in associazione ed è uno dei più vivaci, grazie al contributo degli esperti delle imprese e al supporto tecnico scientifico di Fabio Iraldo e Michela Melis dello IEFE Bocconi.

Il frutto del loro impegno dell’ultimo anno, concentrato sul tema della revisione della norma ISO 14001 (che dovrebbe concludersi entro il 2015), è il documento di posizionamento che Assolombarda ha presentato il 23 maggio in occasione del convegno “Il futuro dei sistemi di gestione ambientale: le innovazioni emergenti dalla revisione di ISO 14001 e Emas.

Come la pensano le imprese

Il Gruppo di lavoro ha messo a confronto le versioni preliminari della nuova norma con lo standard in vigore e con la relativa esperienza applicativa delle aziende, discutendone portata innovativa, potenzialità di miglioramento del SGA, implicazioni ed opportunità di inserimento (e di mantenimento) dei requisiti in esse contenuti. E la chiave di lettura che ha guidato questo processo è stata quella dell’interpretazione delle potenziali novità in termini strategici per le imprese per rafforzare l’SGA.

Il livello di avanzamento dei lavori in sede ISO non consente di disporre di un quadro certo dei contenuti e dei requisiti di quella che diventerà la norma ISO 14001:2015. Ma proprio per questo il Gruppo ha pensato che fosse arrivato il momento di allargare il dibattito sulle proprie riflessioni e di portarle all’attenzione degli addetti ai lavori: alla tavola rotonda che ha animato il convegno del 23 maggio, non a caso, hanno preso parte rappresentanti della Commissione Europea, della Pubblica Amministrazione lombarda, del sistema confindustriale e degli enti di normazione, accreditamento e certificazione.

Un confronto dovuto, se si considera che la ISO 14001 rappresenta lo standard certificativo dei Sistemi di Gestione Ambientale più diffuso a livello mondiale e che le sue modifiche potranno avere conseguenze rilevanti per le imprese. Ragion per cui il Gruppo di lavoro Qualità Ambientale di Assolombarda continuerà a monitorare da vicino l’evolversi della situazione. E a dire come la pensa.

Vuoi approfondire?

Il processo di revisione della norma internazionale ISO 14001 e le sue implicazioni per le imprese certificate e registrate

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Green Public Procurement: gli acquisti verdi della pubblica amministrazione

18 aprile 2016

La legge “Green Economy” rende obbligatoria l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi agli acquisti di qualsiasi …
Le imprese
La responsabilità ambientale d’impresa a un punto di svolta

19 ottobre 2015

ISO 14001:2015 è la nuova versione della norma che disciplina la certificazione ambientale più diffusa …
Le imprese
Come Internet può aiutare a ridurre l’inquinamento

14 settembre 2015

Si parla sempre più spesso di green economy e sostenibilità ambientale, ma sai che Internet …