Le imprese
the winner is

Il Compasso d’Oro premia l’eccellenza del design italiano

24 luglio 2014


Il Compasso d’Oro premia ...


Tre aziende associate ad Assolombarda – Artemide, Lualdi e Luceplan – hanno vinto il Compasso d’Oro 2014 per aver saputo trasformare in un’arma vincente design, creatività e innovazione di prodotto.

Il Compasso d’Oro, premio al design

La XXIII edizione del Compasso d’Oro, lo storico concorso che premia il valore e la qualità del design italiano, ha avuto tra i principali protagonisti tre aziende associate ad Assolombarda: Artemide, Lualdi e Luceplan hanno infatti ricevuto il prestigioso Compasso come riconoscimento per l’originale ricerca estetica e funzionale dei loro prodotti.

Nato nel 1954 e assegnato dall’ADI Associazione per il Design Industriale, il Compasso d’Oro è il più antico e prestigioso premio per il design industriale al mondo. E tre imprese associate ad Assolombarda sono tra i vincitori del 2014.

Artemide, ‘The Human Light’

Artemide 1 - Collezione lampade  IN-EIArtemide è stata premiata per la collezione di lampade IN-EI (designer Issey Miyake + Reality Lab.) che, prodotta con materiali riciclati, ha saputo unire tradizione e modernità in un oggetto tecnologicamente avanzato e al tempo stesso suggestivo.

Fondata nel 1960, Artemide è uno dei brand di illuminazione tra i più conosciuti e uno dei leader mondiali nel settore dell’illuminazione residenziale e professionale d’alta gamma. Il Gruppo Artemide – associato Assolombarda da oltre 40 anni e noto per la sua filosofia ‘The Human Light’ – è oggi sinonimo di design, innovazione e Made in Italy. L’azienda è habitué del Compasso: se lo sono aggiudicati prodotti come Eclisse (1967), Tolomeo (1989), e Pipe (2004), senza contare la Menzione d’Onore per la lampada Copernico (2014) e il Premio d’Oro alla carriera (1994).

Lualdi, pioniera dell’industrial design applicato alla portaLualdi 1 - Porta L16

Lualdi ha ricevuto il Compasso d’Oro 2014 per la porta L16 (designer Piero Lissoni), un prodotto dal design in grado di dare valenza architettonica a un elemento d’arredo rendendolo sorprendentemente leggero.

La mission della società è infatti la sperimentazione che, unita all’attenzione dedicata alla qualità del prodotto e dei processi di lavorazione e alla tutela dell’ambiente, dal 1960 viene portata avanti dalla famiglia Lualdi. Questo impegno ha permesso all’azienda di aggiudicarsi riconoscimenti di livello internazionale quali, tra i tanti, ‘La plus Belle Maison Du Monde’ del Centre George Pompidou e il ‘Trofée du Design – Medaille D’Or Batimat’.

Luceplan, l’ecosostenibilità nel DNA

Luceplan 3 - Lampada CounterbalanceCounterbalance (designer Daniel Rybakken) è la lampada che, grazie ad una soluzione innovativa e poetica che ha superato i problemi statici e meccanici, ha regalato a Luceplan il Compasso d’Oro 2014.

Nata nel 1978 dall’intuizione di tre architetti, Riccardo Sarfatti, Sandra Severi e Paolo Rizzatto, Luceplan ha portato avanti da sempre e con successo la filosofia del ‘fare cose belle per i più’. Anche Luceplan è una veterana del Compasso d’Oro: l’azienda è infatti stata premiata dall’ADI per la prima volta nel 1981 per D7 e poi nel 1989 per Lola, nel 1994 per Metropoli, nel 2008 per Mix e nel 2011 per Hope.

L’importanza del design e il ruolo di Assolombarda

Quando si parla di design e di stile, l’Italia è universalmente riconosciuta tra i leader del panorama mondiale.

Se pensiamo che già 10 anni fa uno studio della Camera di Commercio di Milano e del Politecnico condotto su cento pmi lombarde arrivava alla conclusione che il successo del Made in Italy è decisivo per il fatturato (48% in Italia, 52% per l’esportazione di cui 32% in Europa e 20% nei paesi extraeuropei), uno scenario economico difficile come quello di oggi suggerisce alle imprese, e in particolare alle realtà di minori dimensioni, di inserire questi fattori nelle loro strategie per rendere più competitivi i loro prodotti e le loro proposte.

Certo è che porre più attenzione verso il design, anche al di là del solo aspetto estetico del prodotto, concorre significativamente ad aumentare la capacità di crescere sui mercati. Focalizzare in questa direzione la loro attenzione, del resto, è anche l’obiettivo che si propone lo Sportello Design attivato da Assolombarda in collaborazione con l’Associazione per il Disegno Industriale-ADI Lombardia. Lo Sportello Design, completamente gratuito per gli associati, propone agli imprenditori incontri personalizzati per impostare in modo ottimale una vera e propria “strategia del design”.

Guarda la gallery ‘Artemide, Lualdi, Luceplan: Premio Compasso d’Oro 2014′

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Milano si apre alla Design Week

31 marzo 2017

Dal 4 al 9 aprile in Fiera a Rho sono attesi 300mila visitatori da 165 …
Le imprese
Bellezza e funzionalità per dare forma alle idee

21 giugno 2016

Caimi Brevetti si aggiudica per la seconda volta il Premio Compasso d’Oro per il Disegno …
L'associazione
Il lato “rosa” del design

16 giugno 2016

L’attenzione verso l’altro, l’accoglienza, la dolcezza, l’ironia: queste le caratteristiche del design al femminile. Al …