Le imprese

I campioni dell’alternanza

6 aprile 2017


I campioni dell’alternanza

Imprese virtuose che hanno sposato l’alternanza scuola-lavoro con entusiasmo: sono i “campioni dell’alternanza” presenti sul sito del MIUR.

Si tratta di 16 organizzazioni – aziende grandi e medie, ordini e terzo settore – che propongono ambiziosi percorsi formativi. Di chi si tratta? Accenture, Bosch, Eni, Dallara, Poste Italiane, Coop, Intesa Sanpaolo, Loccioni, Fca, General Electric, Ibm, Hpe, McDonald’s, Zara insieme al Consiglio Nazionale Forense e Fai.

In che modo questi campioni realizzano l’alternanza? Guardiamo in dettaglio alcuni dei progetti. Eni, in accordo con Miur e Ministero del Lavoro, sta coinvolgendo più di 3.300 studenti in Basilicata, Lazio, Lombardia e Sicilia nei suoi percorsi formativi fino al 2018: nel programma del gruppo energetico sono previsti stage, visite agli stabilimenti, workshop e moduli e-learning. Il progetto pilota è stato realizzato a Gela e ha coinvolto 200 studenti in un percorso di e-learning oltre a otto giornate di presenza in azienda. Nel primo anno sono stati coinvolti 750 studenti, per quest’anno scolastico e per il prossimo complessivamente 2.600.

Tra i campioni compare Dallara, costruttore di automobili da competizione, che aderisce al progetto Traineeship promosso da MIUR, INDIRE (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa) e Federmeccanica e si realizzerà nella provincia di Parma. Oltre 100 studenti delle attuali classi terze e quarte avranno la possibilità di sviluppare competenze in linea con la vocazione produttiva del territorio (e nei prossimi due anni scolastici il progetto sarà aperto rispettivamente a 114 e a 64 studenti). Le competenze che l’azienda vuole fornire spaziano dal disegno tecnico alla programmazione di macchine utensili a controllo numerico, fino alla programmazione informatica e alla robotica. Oltre allo sviluppo di queste competenze verticali, l’azienda curerà anche quelle trasversali: come inglese tecnico, lavoro di gruppo, comunicazione, senso di responsabilità, spirito di iniziativa.

Il sostegno “del territorio e delle comunità” è anche l’obiettivo del percorso di alternanza scuola-lavoro proposto da Hpe. Per farlo ha messo in piedi FabLab@HPE, attraverso cui gli studenti del triennio superiore potranno apprendere competenze in ambito team working, time management, problem solving, project management, presentation skill e sicurezza sul lavoro, nonché la capacità di organizzare eventi formativi di coding all’interno della propria scuola rivolti agli studenti del biennio. Il valore aggiunto del progetto di Hpe è proprio quello di formare figure in grado di trasferire ai ragazzi più giovani il pensiero computazionale e la logica della programmazione, indispensabile per qualunque professionalità. Il progetto sarà realizzato a Cernusco sul Naviglio e a Roma e prevede per l’anno scolastico in corso il coinvolgimento di 400 studenti.

Le iniziative per far sì che la cultura dell’alternanza si diffonda in maniera capillare sono molte, soprattutto a livello di imprese medie e piccole. Assolombarda ne ha avviate alcune per il territorio di riferimento: in particolare, ha coinvolto in accordi di rete 100 imprese e 80 istituti tecnici professionali del territorio con circa 10.500 studenti in Alternanza Scuola-Lavoro nell’ultimo anno scolastico e attivato un protocollo di intesa con l’ufficio scolastico regionale per diffondere e consolidare concrete iniziative di collaborazione con il sistema formativo. Anche per i licei sono stati avviati due progetti sperimentali: uno sulle competenze digitali e uno sulle competenze green, che hanno complessivamente coinvolto 7 licei, 22 aziende e oltre 600 studenti. Non solo. L’Associazione ha creato il modello ABC Digital che punta allo sviluppo di competenze digitali, trasversali e di cittadinanza negli studenti delle scuole superiori attraverso l’erogazione di un corso di Internet ai cittadini non nativi digitali a cui partecipano nell’anno scolastico 2016/2017, 40 istituti del territorio con il coinvolgimento di circa 1300 studenti.

A latere di queste iniziative l’Associazione è impegnata in attività di sensibilizzazione delle imprese associate e ha condiviso un accordo con alcune Agenzie per il Lavoro per la fornitura di servizi a supporto dell’Alternanza a scuole e imprese. Una sezione del sito è dedicata a questi temi ed è consultabile a questo link http://www.assolombarda.it/alternanza-scuola-lavoro/…-per-saperne-di-piu.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
L’Alternanza Scuola-Lavoro tra primi bilanci e consigli utili

19 ottobre 2017

Una ricerca fa una prima ricognizione a due anni di distanza dalla legge che l’ha …
Le imprese
Go&Learn+: quando l’impresa fa cultura

3 ottobre 2017

Nell'immaginario dei giovani spesso c'è un'idea delle aziende molto astratta: dare loro la possibilità di …
Le imprese
Alternanza scuola-lavoro: perché conviene alle imprese. L’esperienza di Bosch

14 settembre 2017

“L’alternanza scuola-lavoro è utile ai ragazzi che possono formare competenze superiori nel loro percorso di …