Le imprese

Garanzia Giovani, 70 milioni di euro per chi recluta nuove leve in azienda

29 ottobre 2014


Garanzia Giovani, 70 milioni di euro ...

Dopo una fase transitoria, il programma Garanzia Giovani della Regione Lombardia diventa operativo. Sono pronti i nuovi incentivi per le aziende che offrono opportunità di tirocinio o inserimento lavorativo a giovani inoccupati o disoccupati tra i 15 e i 29 anni.


Garanzia Giovani: 70 milioni di euro sul piatto

Se prima gli oneri legati all’inserimento lavorativo di giovani leve in azienda potevano spaventare gli imprenditori, oggi la legge dà una mano in più (e un po’ a tutti). Merito del decreto 9619 del 16 ottobre, con cui regione Lombardia ha dato piena operatività al programma ‘Garanzia Giovani‘ che prevede incentivi alle aziende che offrono un’opportunità a ragazzi inoccupati o disoccupati tra i 15 e i 29 anni.

Fino a poco tempo fa, a questo strumento si poteva accedere solo attraverso la Dote Unica Lavoro (DUL). Oggi, sul piatto ci sono 70 milioni di euro, sui circa 178 complessivamente previsti dal programma, destinati sia alle aziende, sia ai giovani, che oltre all’età e allo stato di inoccupati o disoccupati devono rispondere a tutta una serie di requisiti.

Che cosa offre ‘Garanzia Giovani’ alle aziende

Una volta che i ragazzi si sono registrati al programma, per le aziende che danno loro l’opportunità di inserirsi i vantaggi sono molti: contributi per l’indennità di tirocinio; incentivi per l’apprendistato di primo e di terzo livello; bonus occupazionali per l’avvio di rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato oppure a tempo determinato che durino almeno 6 mesi.

Per il momento, però, resta escluso da questi benefit l’apprendistato professionalizzante, nonostante l’impegno di Assolombarda e Confindustria, anche se il pressing continua e Regione Lombardia sta già verificando la possibilità di trovare risorse per incentivare con altri strumenti questo tipo di assunzione.

Quanto conviene Garanzia Giovani

Per i tirocini extracurriculari che durano più di 3 mesi, l’impresa riceverà un contributo: 400 euro per quelli di 4 mesi, 800 per quelli di 5 mesi, 1.200 per quelli di 6 mesi e 200 euro mensili dal settimo al dodicesimo mese per quelli di durata fino a un anno. Se tocca all’azienda ospitante anticipare queste cifre al tirocinante, la Regione Lombardia le rimborserà al termine del rapporto.

Per le assunzioni con contratto di apprendistato di primo o terzo livello, invece, gli incentivi sono di due tipi: tra i 2.000 e i 3.000 euro all’anno in caso di assunzione con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale; 6.000 euro all’anno in caso di assunzione con contratto di apprendistato per l’alta formazione e la ricerca.

Infine, si arriva al contratto a tempo determinato di almeno 6 mesi e al contratto a tempo indeterminato: i due sogni nel cassetto di ogni giovane italiano ma anche, oggi, quasi una ‘mission impossible’ per molte imprese. A partire da ottobre, per le aziende che possono permettersi di scegliere queste soluzioni è previsto un bonus occupazionale tra i 1.500 e i 6.000 euro, a seconda della fascia a cui appartiene il giovane che viene assunto e della tipologia di contratto di lavoro. Per usufruirne, i datori di lavoro dovranno presentare domanda all’INPS, solo per le assunzioni effettuate dal 3 ottobre 2014 fino al 30 giugno 2017.

A conti fatti, anche grazie all’apporto di Assolombarda, in Lombardia circa il 50% delle risorse complessive destinate a favorire l’occupazione è rivolto alle aziende che assumono o offrono tirocini ai giovani.

Cosa c’è di nuovo

Quel che cambia con Garanzia Giovani rispetto alla Dote Unica Lavoro – che resterà comunque attiva – è che i tirocinanti riceveranno un’indennità e le imprese otterrano incentivi più alti in caso di assunzione con apprendistato di primo o terzo livello.

L’altra faccia della medaglia, invece, è che il programma offrirà contributi più bassi per le assunzioni e, come detto, per il momento esclude l’apprendistato professionalizzante dai contratti oggetto di agevolazione.

lascia un commento

2 thoughts on “Garanzia Giovani, 70 milioni di euro per chi recluta nuove leve in azienda”

  1. esmeralda amighetti scrive:

    grazie per lo sforzo. speriamo che Regione Lombardia si renda conto che il principale strumento utilizzato per l’assunzione dei giovani è l’apprendistato professionalizzante –> queste garanzie possono essere sfruttate dalle aziende solo se vengono indirizzate principalmente in qs direzione….altrimenti resteranno per lo + inutilizzati così come il bonus occupazionale di Renzi.

  2. gabriele Fiani scrive:

    Tutto bene.
    Ma dopo il contratto a tempo indeterminato,
    l’azienda si ritrova il solito problema; non può licenziare.
    Punto e daccapo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Come orientarsi nel mondo dell’apprendistato

27 marzo 2017

Il sistema pensato per agevolare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro è articolato e …
Le imprese
Alternanza scuola-lavoro: dal 2018 obbligatoria per la maturità

28 febbraio 2017

I maturandi dell’anno scolastico in corso saranno gli ultimi ad accedere all’Esame di Stato senza …
Le imprese
Occupazione in crescita nei prossimi 4 anni, ma i laureati sono pochi rispetto al fabbisogno

15 settembre 2016

Tra i 500.000 e gli 800.000 nuovi posti di lavoro nei prossimi 4 anni. E' …