Le imprese
desk

Fiscalità locale: chi la dura la vince. E recupera 120mila euro

20 luglio 2015


Fiscalità locale: chi la dura la vince. E recupera 120mila euro

Un anno di attività a pieno ritmo per il Desk Fiscalità locale di Assolombarda e risultati assolutamente incoraggianti per le imprese.

Quando si dice “chi trova un desk, trova un tesoro”

Quello che è capitato a 17 imprese del Comune di Cinisello Balsamo è un gran bell’esempio del valore di essere associati ad Assolombarda. Tra fine 2012 e inizio 2013, infatti, le imprese residenti nel Comune avevano ricevuto una richiesta di conguaglio dell’allora TIA (Tariffa di Igiene Ambientale), per il quinquennio precedente, da parte di Nord Ambiente Milano, la società comunale di gestione del servizio.

Grazie all’intervento degli esperti dell’associazione, che hanno messo in luce alcuni punti di illegittimità della richiesta avanzata e hanno sostenuto le imprese nel ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale, a inizio 2015 sono arrivate le sentenze favorevoli alle aziende associate.

Il risultato? Storno di fatture per le imprese coinvolte e rimborso per quelle che, in via prudenziale, avevano già pagato. In pratica, oltre 120mila euro di tassa sui rifiuti risparmiati dalle imprese associate ad Assolombarda.

Il lavoro del Desk Fiscalità locale dell’associazione, infatti, è rendere più semplice la gestione delle imprese e non far spendere loro un euro in più del dovuto. I numeri fanno ben sperare: in un anno sono stati recuperati complessivamente circa 135mila euro attraverso sgravi, rimborsi e ricorsi vinti.

Nel labirinto della fiscalità locale

Per i contribuenti, e per le imprese in particolar modo, districarsi tra procedure, calcoli e acronimi è diventato, in effetti, un’impresa!

Dall’ICI (Imposta Comunale sugli Immobili), siamo passati all’IMU (Imposta Municipale Unica). Poi è arrivata la TASI (Tributo per i Servizi Indivisibili) che avrebbe dovuto sostituire l’IMU sulla prima casa e che, invece, spesso è stata applicata anche agli altri immobili. Infine, dall’unione di TIA (Tariffa di Igiene Ambientale) e TARSU (Tassa per lo smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani) siamo giunti alla TARES (Tributo comunale sui Rifiuti E sui Servizi) e da quest’ultima alla TARI (Tassa sui Rifiuti).

E ancora, l’unione di IMU, TARI e TASI determina la IUC (Imposta Unica Comunale) e intanto già si parla della nuova Local Tax che dovrebbe entrare in vigore nel 2016.

Insomma, più che semplificare le cose, sembra che le novità introdotte dalla legge di stabilità funzionino un po’ come una matrioska russa.

Per non perderti nel labirinto della fiscalità contatta Armando Priolo, tel. 02 58370.310, email: armando.priolo@assolombarda.it

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Fiscalità locale 2015: aumenta la pressione per le imprese

21 aprile 2016

Nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza, nel 2015 la pressione fiscale locale …
Le imprese
Muoviti con facilità nel mondo delle auto aziendali

30 ottobre 2015

L’associazione dedica un nuovo desk alle auto aziendali. Un aiuto per muoverti nel mondo delle …
L'associazione
Far volare Assolombarda. Far volare le Imprese...

16 giugno 2015

Attuazione del Piano Strategico, offerta di nuovi servizi e cambiamento della cultura organizzativa interna nella …