Le persone

Far volare Milano per far volare il Paese

20 dicembre 2013


Far volare Milano per far volare il Paese

Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda, presenta il piano strategico dell’associazione per il triennio 2014-2016.

Far Volare Milano

Dobbiamo far volare Milano. Renderla una Grande Area Metropolitana che si proietta meglio nel mondo e sui mercati. Darle progetti capaci di risultati concreti e verificabili, come accade da anni a Monaco di Baviera e a Barcellona. È l’unico modo per vincere una sfida che non riguarda solo Milano, i suoi cittadini e le sue imprese, ma che investe la competizione globale italiana, in Europa e nel mondo.

È il momento più critico tra stagnazione perdurante dopo una lunga e pesante crisi, e la necessità di un forte rilancio. Se stiamo fermi, siamo destinati all’asfissia. Per questo lanciamo un messaggio forte, a Milano e al Paese.

In questi anni di dura crisi Milano ha conosciuto un livellamento verso il basso del suo PIL rispetto alle medie negative nazionali, non ancora della sua occupazione. Ma non possiamo illuderci. Senza uno straordinario scatto in avanti, non si recuperano le posizioni perdute, non si diventa leader sui mercati esteri.

Occorre fare insieme una duplice scelta. Da una parte liberare le energie delle imprese e del lavoro, dotandoci di strumenti abilitanti. Dall’altra puntare alla competizione globale, costruendo meccanismi differenzianti.

La prima sfida si costruisce dal basso, ed è una sfida durissima. Significa fare i conti con un peso della spesa pubblica e delle imposte che soffoca l’impresa, con un perimetro e con procedure della pubblica amministrazione ostili alla crescita, con un’autonomia sfiduciata nell’architettura dello Stato, che è oggi inidonea a quanto davvero servirebbe: cioè riporre alla competenza centrale la responsabilità di infrastrutture e reti nazionali per lo sviluppo, ma con una delega forte e vera alle Autonomie in materie come sanità e istruzione, secondo logiche di sussidiarietà che vengono oggi negate.

Bisogna rimettere le imprese al centro, altrimenti non c’è futuro.

La seconda sfida si costruisce anch’essa dal basso, ed è volta a fare di Milano una Grande Area Metropolitana che competa seguendo logiche di eccellenza. La competizione globale è oggi tra grandi ecosistemi metropolitani, che si proiettano nel mondo facendo da traino alle rispettive economie regionali e nazionali.

Bisogna per questo rimettere Milano al centro, nutrendo la sua trasformazione in Città Metropolitana attraverso programmi pluriennali comparabili a quelli che Monaco di Baviera e Barcellona si sono dati da tempo. Una Grande Area Metropolitana, forte della sua vasta banlieue manifatturiera dalla Brianza all’intera fascia pedemontana lombarda e insieme dotata di un alto mix compositorio tra Hight Tech e Medium Hight Tech, servizi avanzati e lavoratori della conoscenza, vertici del sistema del credito e moda, design e lusso. Una Grande Area Metropolitana che sia sempre più hub della conoscenza, faro del capitale umano, feconda di start up tecnologiche, densa di brevetti, moltiplicatrice di legalità e sostenibilità ambientale.

Expo 2015 deve essere e sarà una straordinaria occasione, per realizzare questo salto di qualità progettuale verso una dimensione globale.

Per vincere queste due sfide insieme Assolombarda si è data un piano strategico articolato in 50 progetti. Volti a produrre risultati. Con indicatori misurabili e verificabili. Progetti che intendiamo mettere a disposizione di Milano e delle amministrazioni pubbliche lombarde, come dell’intero Paese.

È una piattaforma aperta, questo piano strategico. Chiama a reti e alleanze, per costruire network che da Milano si estendano nel mondo.

È una proposta aperta ai soggetti pubblici come al sindacato, al sistema camerale, a quello delle Università e della formazione, al mondo della cultura e della società civile. Per essere al centro di una rivoluzione che parte dal basso e che non vuole essere fermata.

Una rivoluzione che rifiuta declino e sfiducia, antieuropeismo e populismo.

E che si propone invece di catalizzare energie, rimettendo al centro i valori civili ed etici che nella storia hanno dato forza e successo al metodo ambrosiano. Quello stesso metodo che il cardinale Scola ha voluto ricordarci parlando proprio di Expo, nel suo discorso alla Città in occasione di sant’Ambrogio.

Non c’è ripresa della crescita che non passi da Milano. Non c’è sfida di competitività che non debba partire da Milano.

Gianfelice Rocca

Vuoi approfondire?

Far Volare Milano

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le persone
“Rocca: ora serve discontinuità con uno choc per la crescita”

13 aprile 2017

Intervista a Gianfelice Rocca a firma di Giangiacomo Schiavi - Il Corriere della Sera, 6 …
Le persone
‘Alle imprese serve più agilità: il Sì sarà solo il primo passo’

1 dicembre 2016

Intervista a Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza - La Repubblica.  
L'associazione
La Grande Milano e l’innovazione che serve

2 agosto 2016

Articolo di Gianfelice Rocca, Presidente Assolombarda e di Giovanni Azzone, Rettore Politecnico di Milano – …