Le imprese

Fabbrica, famiglia, territorio: la formula vincente di Monza e Brianza

6 dicembre 2017


Fabbrica, famiglia, territorio: la formula vincente di Monza e Brianza

Un “ritratto” delle imprese brianzole in occasione della presentazione dell’edizione 2017 del TOP500+

Di Filippo Astone.

Il territorio di Monza e Brianza si conferma come uno dei più importanti per l’intero tessuto industriale italiano. Una terra che poggia le sue radici sul manifatturiero. Infatti, è la sesta provincia in Europa per dimensioni del manifatturiero e la terza in Italia. Alla base c’è un modello culturale che continua a essere vincente a distanza di decenni: una crasi tra fabbrica, famiglia e territorio. Tradotto, significa imprese manifatturiere a gestione familiare con un know-how che deriva in modo importante dal territorio. A Monza e Brianza ci sono quattro distretti importanti (in primis la meccanica e la chimica, poi l’elettronica e il mobile), con una fortissima vocazione all’export. Il manifatturiero, inoltre, come è noto, ha poi benefici effetti anche sui settori dei servizi, del commercio, della finanza. Questi dati sono stati pienamente confermati dalla presentazione dell’edizione 2017 del TOP500+, realizzata dal Centro studi di Assolombarda in collaborazione con PwC, e con il sostegno di Banco BPM, Camera di Commercio di Milano MonzaBrianza Lodi, Ecole, GiGroup e Reteindustria.

Da quest’anno, l’analisi prende in considerazione 800 aziende tra Monza e Brianza (lo scorso anno erano 100 in meno) con ricavi compresi tra i 3 miliardi e gli 8,1 milioni di euro. Sono 800 realtà che funzionano, che spingono l’economia, che insieme fatturano oltre 45 miliardi e che provengono dalla quasi totalità del territorio: 53 comuni su 55 che compongono la provincia di Monza e Brianza hanno almeno un’azienda in classifica. Stupisce in particolare il ROE (redditività del capitale proprio) mediano del 10,5%, grazie anche a una percentuale dell’86% (689 aziende) in utile. La ricerca, inoltre, ha permesso anche di evidenziare che vi sono imprese tra quelle analizzate che hanno un EBITDA superiore al 75%, una redditività altissima che si trova raramente nel tessuto imprenditoriale italiano.

Non sono gli unici dati che fotografano una provincia particolarmente in salute dopo un periodo di grande difficoltà dovuto alla crisi economica internazionale. Sono attive più di 73mila unità locali d’imprese, cioè l’8% della Lombardia, che occupano oltre 260mila addetti. Di questi, quasi un terzo lavora nel manifatturiero, contro il 25% della Lombardia e il 22% dell’Italia. Grazie a questo terreno di coltura perfetto per la creazione di imprese che funzionano, la Brianza ha una concentrazione territoriale di imprese da record: 180 per chilometro quadrato, un dato che non ha eguali in Italia. D’altronde, la provincia è una delle aree più vivaci dell’intera regione: basti pensare che fa registrare un export pari a 9 miliardi di euro, in aumento del 21,8% nei primi sei mesi del 2017, tre volte la crescita dell’intera Lombardia che si attesta a un incoraggiante +7,8%.

Delle 800 aziende prese in considerazione, ben sei registrano ricavi superiori al miliardo: si tratta di Esprinet, BASF Italia, STMicroelectronics, Decathlon Italia, Roche e Candy. Altre importanti imprese hanno un fatturato che oscilla tra i 500 e gli 800 milioni di euro: Gruppo Fontana, Sol, Vender e Giochi Preziosi.

Dal punto di vista della collocazione geografica, Monza è al “top” per ricavi, con circa 10 miliardi di fatturato complessivo che corrispondono al 22,2%. Il capoluogo di regione ha anche il maggior numero di aziende in classifica (149, il 18,6% del complessivo). Segue Vimercate con 7 miliardi di fatturato e 73 aziende, mentre si accomoda sul terzo gradino del podio Agrate Brianza con 4,5 miliardi e 51 aziende.

Se si considerano poi le attività censite, al primo posto c’è l’industria, presente con 421 imprese e ricavi oltre i 27,5 miliardi (più del 61% del fatturato complessivo). Seguono il commercio (286 imprese e ricavi per oltre 14 miliardi) e i servizi, con un fatturato di 3,3 miliardi. Ma rimane il manifatturiero la vera “star” di questa provincia: nel 2016, questo comparto da solo ha messo a segno oltre 9 miliardi di euro di esportazioni.

Uno sguardo, poi, va dato alle dimensioni delle aziende considerate. Le grandi imprese, cioè quelle con fatturato superiore ai 50 milioni di euro, sono 162 (il 20,3% del totale), ma fatturano 34 miliardi di euro, ovvero il 75,5% del complessivo. Aumentano invece le medie imprese, che sono il 62,4% del complessivo, cioè 499. Insieme fatturano oltre 9,7 miliardi di euro, cioè più del 21,5% del totale. Le piccole, infine, sono numericamente e dimensionalmente meno rappresentate: rappresentano il 17,4% del totale e “valgono” il 2,8% del fatturato.

Infine, un confronto con l’edizione dello scorso anno. Come già detto, il numero di aziende prese in considerazione è passato da 700 a 800. Considerando però lo stesso quantitativo di imprese dello scorso anno, il fatturato complessivo delle prime 700 aziende di Monza e Brianza è cresciuto del 4,6%, con l’EBITDA mediano – indicatore più utile per comprendere i valori medi poiché non viene influenzato, in positivo o negativo, dagli estremi – che passa dal 5,1% al 5,8% dei ricavi. Un recupero di marginalità reso ancora più evidente dal ROE, che in termini mediani passa dall’8,1% del 2015 al 10,1% nel 2016.

L’edizione 2017 della Top 500+ certifica quindi una volta di più come la provincia di Monza e Brianza sia tra le più sane e attive del nord Italia, avendo superato la grande crisi economica con un vigore superiore a quello non solo delle altre imprese italiane, ma anche di molta parte di quelle lombarde.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
TOP500+, la Brianza riunita in Villa Reale

6 dicembre 2017

Il mondo imprenditoriale brianzolo in Villa Reale per la presentazione della ricerca TOP500+ La presentazione dell’edizione …
L'associazione
Le imprese brianzole sempre più ‘al top’

5 dicembre 2017

di Claudio Colombo, direttore, Il Cittadino di Monza e Brianza. Sempre più al top per quantità …