L'associazione
STEAMiamoci

“Dove osano le donne”, torna la rassegna cinematografica di Assolombarda

1 marzo 2019


“Dove osano le donne”, torna la rassegna cinematografica di Assolombarda

E’ in corso la seconda edizione del cineforum ‘in rosa’: il prossimo appuntamento è l’11 aprile con la proiezione del film “Potiche – La bella statuina”.

STEAMiamoci, il progetto di Assolombarda che promuove la presenza femminile nelle discipline STEAM – Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica, con l’aggiunta della “A” di Arte – torna quest’anno a proporre la rassegna cinematografica “Dove osano le donne”, dedicata al loro ruolo nella società, in ambito lavorativo e non.

La prima edizione della rassegna è andata in scena lo scorso anno e visto il successo riscontrato, l’Associazione ha deciso di presentare anche quest’anno un palinsesto. La partecipazione, si ricorda, è libera e gratuita fino a esaurimento posti ed è prevista la visione di 8 film dedicati all’importanza delle donne nel tessuto culturale e produttivo: protagoniste femminili che hanno osato e hanno raggiunto il successo in campi non abituali, dalle scienze alle arti, dalla tecnologia alla produzione.

Le proiezioni – che si terranno presso l’Auditorium Gio Ponti di via Pantano 9 a Milano – vogliono testimoniare con esempi concreti come gli ambiti STEAM possano essere oggi una grande opportunità di crescita da cogliere, incentivare e sfruttare.

Il primo appuntamento si è tenuto il 17 gennaio con la proiezione del film “The Post”, un thriller politico che parla di coraggio e di etica professionale. Racconta la storia dietro alla pubblicazione dei “Quaderni del Pentagono”, avvenuta agli inizi degli anni settanta sul Washington Post. L’editrice del giornale Kay Graham (interpretata da Meryl Streep), prima donna alla guida della prestigiosa testata, insieme al suo direttore, mette a rischio la sua carriera e libertà nell’intento di portare pubblicamente alla luce ciò che quattro Presidenti hanno nascosto e insabbiato per anni.

A febbraio la rassegna è proseguita con “Scusate se esisto”, la storia di un’architetta che, rientrata a Roma da Londra, non riesce a trovare un impiego paragonabile a quello che aveva in Inghilterra e si arrangia facendo tre lavori ben al di sotto delle sue capacità e competenze. Fino a quando prepara un progetto avveniristico e lo sottopone al Comune, ma lo fa spacciandosi per un uomo…

Cineforum-2019_calendario-ridimensionatoLa storia vera di Maria Altmann, sopravvisuta all’Olocausto, è stata invece proiettata invece il 5 marzo. In Woman in Gold avvia un’azione legale nei confronti del governo austriaco, per recuperare un’opera d’arte appartenuta alla sua famiglia ritenendolo un risarcimento per tutto quello che ha dovuto soffrire durante la guerra, per il solo fatto di essere ebrea.

Tutt’altro genere, ma sempre all’insegna dell’orgoglio femminile, la storia raccontata nel film Potiche La bella statuina (11 aprile, ore 18.30), che vede Suzanne, moglie del padrone di una fabbrica di ombrelli che ha passato la vita intera ad assistere passivamente un marito distratto e cinico. Una storia di rivincita: quando il marito cade in una profonda crisi psico-fisica, non soltanto prende il suo posto in azienda ma in pochi mesi riporta l’impresa ai fasti di un tempo.

Senza dimenticare un appuntamento pensato anche per i più piccoli: il 15 maggio alle 18.30 sarà la volta di Ribelle The Brave, il cartone animato in cui la protagonista coraggiosa, audace e insofferente alle regole di corte, la principessa Merida, costretta a sposare uno dei pretendenti che si contendono la sua mano, decide di sovvertire le regole e rinnegare la tradizione. Fuggita nei boschi per la disperazione, incontra una vecchia strega che le offre un rimedio magico ai suoi problemi.

Giugno invece, vede la proiezione di ben due film. Il 6 giugno una storia di sport al femminile con Ragazze vincenti mentre il 20 giugno, sempre alle 18.30, potremo rivivere la vita di una delle protagoniste femminili più amate dei giorni nostri: Frida

L’ultimo appuntamento in calendario è fissato per il 4 luglio, solito orario, per la visione di Suffragette, ambientato nella Londra dei primi decenni del 900 in cui per le strade impazzavano le proteste delle donne per la lotta per il suffragio universale.

Le proiezioni saranno anticipate dall’intervento di LongTake, una startup specializzata in cinema, che fornirà alcuni spunti di riflessione e informazioni di sostrato per introdurre i partecipanti ai temi affrontati. Vi aspettiamo!

 

lascia un commento

One thought on ““Dove osano le donne”, torna la rassegna cinematografica di Assolombarda”

  1. ISABELLA BORRACCI scrive:

    Buon giorno
    Vorrei iscrivermi alle proiezioni della rassegna DOVE OSANO LE DONNE a partire da quella del 20.2.19.
    Candido contestualmente anche la Sig.ra Itala Lise.
    Grazie mille
    Cordialmente
    Isabella Borracci

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
L'associazione
Il sostegno delle imprese alle donne vittime di violenza

15 ottobre 2018

Assolombarda insieme ai sindacati e alle imprese associate ha raccolto 100mila euro nell'ambito del progetto …
L'associazione
10 borse di studio per promuovere la donna negli ambiti STEAM

12 aprile 2018

Il progetto STEAMiamoci di Assolombarda continua con l’assegnazione di 10 borse di studio e la …
L'associazione
Uniti, per combattere la violenza contro le donne

23 febbraio 2018

Assolombarda, organizzazioni sindacali e aziende fanno rete con un accordo: i lavoratori e le imprese …