Le imprese
economia

Congiuntura Lombardia: confronto nazionale e europeo – Marzo 2016

4 aprile 2016


Congiuntura Lombardia: confronto nazionale e europeo – Marzo 2016

Export in moderata crescita, segnali di ripresa sul fronte lavoro.

1Nel corso dell’ultimo anno, il rafforzamento della congiuntura in Lombardia si è riflesso in un miglioramento del quadro del mercato del lavoro, in recupero dal quarto trimestre 2014, quando il numero di disoccupati ha cominciato a scendere (per la prima volta da fine 2011) e il numero di occupati ha ripreso a salire.

Nel 2015 gli occupati lombardi (15-64 anni) sono 4 milioni e 169 mila, ma se scorporiamo i lavoratori equivalenti in Cig, il totale occupati scende a 4 milioni e 124 mila.

Rispetto al 2008 gli occupati sono -27 mila, al netto della CIG -58 mila, mentre nello stesso periodo la popolazione è cresciuta di 130 mila unità.

Evoluzione degli occupati per tipologia

Dal 2008 al 2015 gli occupati sopra i 15 anni sono scesi di 18 mila unità. Rispetto al precrisi ci sono:

  • più occupati donne (+43 mila) e meno occupati uomini (-62 mila)
  • più laureati (+195 mila) e diplomati (+38 mila)
  • meno lavoratori con licenza media (-251 mila)
  • più 45-64enni (+459 mila) e più dipendenti (+74 mila)

 

Gli occupati lombardi a tempo indeterminato sono una quota totale degli occupati dipendenti prossima al 90%, percentuale sostanzialmente stabile nel corso della crisi. In particolare, nel 2015 sono l’89,7% (89,9% nel 2014).

Va segnalato che nei primi due mesi del 2016 la cassa integrazione guadagni in Lombardia ha continuato a ridursi in maniera consistente (-38%), proseguendo il trend del 2015.

In Lombardia i ragazzi tra i 15 e i 24 anni sono 913 mila, di cui il 19,5% occupati, il 9,3% disoccupati e il 71,2% inattivi. Prendendo come benchmark ad esempio il Bayern, ma lo stesso vale per il Baden-Württemberg, la composizione è profondamente diversa. I giovani del Bayern sono 1 milione e 395 mila e di questi, il 53% è occupato, il 2,5% disoccupato e il 44,5% inattivo.

Performance sui mercati internazionali

2L’export lombardo nel 2015 raggiunge un nuovo record e tocca i 111 miliardi di euro, in crescita del +1,5% sul 2014 e del +6,9% rispetto al livello pre crisi. Tuttavia questa performance risulta decisamente meno brillante rispetto ai benchmark:

– nazionali (in particolare Piemonte +7,0% sul 2014),

– europei (in particolare Baden-Württemberg +7,8%).

3L’export lombardo nel 2015 è trainato dai Paesi Ue e, a livello di settori, da automotive, elettronica e chimica.

Produzione manifatturiera

Sul finire del 2015 erano emersi segnali positivi dalla produzione manifatturiera lombarda: nell’ultimo trimestre l’attività produttiva aveva accelerato più delle attese (+0,5% rispetto al terzo trimestre), chiudendo l’anno in crescita del +1,5% sul 2014. Tale performance era però inferiore a quella dei benchmark europei (+3,6% Baden-Württemberg, +2,8% Cataluña).

È comunque opportuno segnalare che il risultato della nostra regione è sintesi di performance differenziate per classi dimensionali d’impresa, con le grandi che continuano a crescere sopra i livelli pre crisi dal 2011 (+3%) e le medie che proseguono il recupero (-7%), mentre le piccole (-17%) sono ancora sotto.

Guardando alla dinamica della demografia d’impresa, le imprese lombarde attive nel 2015 tornano a crescere (+0,2% annuo) dopo tre anni di variazione negativa, ma quelle manifatturiere sono ancora in calo (-1,4%).

Clima di fiducia

Il 2016 si apre a Milano con un balzo all’insù della fiducia del manifatturiero che ritorna sui livelli elevati della primavera 2015, grazie a un miglioramento di tutte le componenti. A livello di Paesi, a febbraio la fiducia scende in Italia, Germania e Spagna, mentre migliora in Francia.

Dal lato consumatori, il clima di fiducia nel Nord-Ovest vira all’ingiù a febbraio, a causa soprattutto di peggiori giudizi e attese sulla situazione economica.

Download: “Booklet Economia n. 5 – Marzo 2016” – La Lombardia nel confronto nazionale ed europeo, a cura del Centro Studi di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Congiuntura Lombardia: confronto nazionale e europeo – dicembre 2016

9 gennaio 2017

La ripresa lombarda frena nel 3° trimestre, segnali positivi per fine 2016. L’attività economica lombarda frena …
Le imprese
Congiuntura Lombardia: confronto nazionale e europeo – novembre 2016

2 dicembre 2016

Fatturato 2016 in crescita per il 37% delle imprese milanesi (erano il 48% nel 2015). L’attività …
Le imprese
Congiuntura Lombardia: confronto nazionale e europeo – Ottobre 2016

8 novembre 2016

Cala la fiducia. Quanto effetto Brexit e tensioni geopolitiche estive? Dopo l’accelerazione sopra le attese sperimentata …