Le imprese

Collaborare per ridurre la pressione fiscale locale: così vincono imprese e territorio

23 marzo 2015


Collaborare per ridurre la pressione ...

Il carico impositivo a livello locale ha un impatto diretto sulle attività produttive e sull’attrattività del territorio.

Assolombarda ne monitora l’andamento in 86 comuni e chiede alle Amministrazioni una collaborazione per limitarne l’effetto negativo per le imprese.

Una volontà di semplificazione che ha complicato le cose

L’intento era quello di ottenere un maggior controllo, razionalizzazione e responsabilità decisionale sulle spese locali, meno tributi e una semplificazione delle pratiche delle imprese; nella realtà il federalismo fiscale e il conseguente decentramento tributario ha portato le Amministrazioni a far leva sui tributi pagati dalle aziende per compensare i minori trasferimenti e coprire le spese.

Tutto ciò aumentando il carico delle imposte che ha ormai raggiunto livelli tali da frenare lo sviluppo stesso delle attività produttive.

86 comuni sotto la lente d’ingrandimento

L’attenzione dell’associazione al tema, cuore del Progetto Fisco Competitivo del Territorio del piano strategico Far Volare Milano, e la sua volontà di monitorare la situazione sono evidenti nel 3° rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza, presentato il 20 marzo.

L’indagine analizza la pressione fiscale di 86 comuni mettendone a confronto i valori con riferimento alle principali imposte sugli immobili d’impresa quali IMU, TASI, TARI ed oneri di urbanizzazione. Un lavoro che nasce per confrontare negli anni le scelte delle amministrazioni comunali evidenziando le situazioni più critiche in termini di impatto sulle attività produttive e sull’attrattività del territorio e avviare una collaborazione e un dialogo stabili con le amministrazioni comunali.

Bonomi «serve un deciso cambio di rotta»

L’esito dell’indagine? Gli ultimi dati rilevati vedono infatti un ulteriore aumento della pressione fiscale a carico delle imprese del 3% nel 2014 (negli ultimi tre anni gli incrementi medi subiti sono stati best online casino dell’8,7%).

Come afferma Carlo Bonomi, vicepresidente Assolombarda per Credito, Finanza e Fisco “se non si cambia rotta, mettiamo seriamente a rischio la vita delle nostre imprese e l’attrattività del territorio. La fiscalità locale ha ormai superato il ‘livello di guardia’ sia in termini di carico sia di complessità”.

La collaborazione che fa vincere tutti, imprese e territorio

Assolombarda non si limita a denunciare con fermezza questa situazione. L’associazione ha anche avviato rapporti di collaborazione con le Amministrazioni locali, ha stipulato protocolli d’intesa in materia di tributi locali (è il caso di Milano, Rho e in fase di definizione anche Lainate) e promuove costantemente l’attuazione di misure agevolate per i nuovi insediamenti e le startup.

Le imposte locali – insieme ai collegamenti infrastrutturali, ai servizi pubblici, ai prezzi e alla qualità degli immobili e al contesto produttivo circostante – sono un fattore che l’impresa prende in considerazione prima di effettuare un investimento localizzativo. In questo modo, concorrono anche a definire la competitività di un territorio e delle imprese che vi sono insediate.

È per questo motivo che l’associazione promuove anche il dialogo e la cooperazione con le Amministrazioni Comunali, in modo da far ripartire le imprese e aumentare conseguentemente l’attrattività del territorio.

Per il bene di tutti: delle imprese, di Milano e di tutta la Lombardia.

Consulta il 3° Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi, Monza e Brianza in formato e-book
Leggi la presentazione di Carlo Bonomi, Vice Presidente Assolombarda
Leggi il comunicato stampa

 

lascia un commento

One thought on “Collaborare per ridurre la pressione fiscale locale: così vincono imprese e territorio”

  1. paolo boni scrive:

    Tutto vero. Solo buone intenzioni. Di veramente attuabile nulla. Se il pubblico non tagli i suoi costi strutturali correnti inutili. Ed invece li aumenta. Per forza che deve aumentare la pressione fiscale locale. Quest’anno per quadrare il bilancio non ho preso emolumenti io e miei figli e non abbiamo fatto ammortamenti E cosi prevedo ancora x il futuro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Fiscalità locale 2015: aumenta la pressione per le imprese

21 aprile 2016

Nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza, nel 2015 la pressione fiscale locale …
Le imprese
Fiscalità locale: chi la dura la vince. E recupera 120mila euro

20 luglio 2015

Un anno di attività a pieno ritmo per il Desk Fiscalità locale di Assolombarda e …
Le imprese
Fiscalità locale, imprese e competitività ...

27 novembre 2014

Assolombarda e il sindaco di Cernusco sul Naviglio incontrano gli amministratori dell’Adda Martesana. Al centro del …