L'associazione

Città Metropolitane: un territorio più competitivo per imprese più forti

11 febbraio 2015


Città Metropolitane: un territorio...

Assolombarda e la rete delle Associazioni Industriali Metropolitane di Confindustria presentano il nuovo Manifesto delle Città Metropolitane alla Mobility Conference 2015: un’occasione per ribadire il loro impegno su semplificazione, innovazione e mobilità.

Il Manifesto delle Città Metropolitane

“La competizione globale nel mondo è sempre più fra aree metropolitane che si allargano a una grande area regionale” dice il Presidente di Assolombarda Gianfelice Rocca nel suo discorso di apertura della MCE e “semplificazione, innovazione e mobilità” sono gli elementi chiave sui quali ha posto attenzione.

È fondamentale, soprattutto in questo momento, fare delle Città Metropolitane una realtà concreta. A loro è dedicato il nuovo Manifesto delle città metropolitane, redatto dalla rete delle Associazioni Industriali Metropolitane di Confindustria (tra le quali Assolombarda) e presentato alla Mobility Conference: un’occasione per ribadire l’impegno dell’associazione a potenziare l’attrattività del territorio, creare sviluppo e promuovere la crescita delle imprese

La prima edizione del Manifesto era stata presentata un anno fa a Firenze per “spingere” la legge che ha istituito questi Enti. Il nuovo documento chiede al Governo e alle Regioni di proseguire sulla strada intrapresa, trasferendo alle Città Metropolitane le funzioni amministrative di competenza e le risorse necessarie per svolgere efficacemente il proprio lavoro.

Assolombarda, insieme alle altre associazioni territoriali della Rete, continua nel proprio ruolo di riferimento nel percorso di attuazione della legge su tutto il territorio nazionale, a partire naturalmente da Milano. Solo così le imprese possono tornare a essere competitive.

La Città Metropolitana è un’occasione imperdibile

Il primo gennaio la Città Metropolitana di Milano è diventata realtà ed è subentrata alla Provincia di Milano.

Le imprese trovano nello statuto del nuovo ente molti tra gli obiettivi strategici a loro cari: valorizzare le vocazioni produttive del territorio, rinforzare il posizionamento competitivo della città rispetto alle altre aree urbane del mondo e intervenire sulla semplificazione amministrativa per rendere il territorio più attrattivo per le imprese che vi vogliono investire.

La Città Metropolitana è una grande sfida e un’occasione imperdibile per il rilancio economico, non solo dell’area milanese ma dell’intero Paese. Il passo successivo da fare è quindi realizzare una pianificazione strategica che coinvolga tutti gli attori del territorio: i nuovi enti devono attivarsi e misurarsi sul terreno delle politiche e dei progetti per lo sviluppo dell’area metropolitana. Mobilità e infrastrutture gli elementi chiave da cui partire per far volare Milano.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
La nuova geografia di Assolombarda

9 marzo 2016

Procede la Riforma dell’Organizzazione Zonale di Assolombarda: definita una nuova geografia per presidiare al meglio …
Le persone
Milano metropoli possibile

16 febbraio 2016

A un anno dalla costituzione della Città Metropolitana, il libro “Milano Metropoli possibile” riflette sul …
L'associazione
Città metropolitana: cambia il territorio, cambia l’associazione

23 ottobre 2015

Il Consiglio metropolitano prevede la suddivisione del territorio in sette Zone Omogenee. L’associazione coglie l’occasione …