Le imprese
innovazione

C’è la stampa 3D nel futuro del manifatturiero

25 settembre 2014


Dopo la visita allo stabilimento Avio Aero di Cameri, secondo appuntamento con la stampa 3D per le imprese associate. Il 1° ottobre, a Fiera Milano Rho, Assolombarda e UCIMU Sistemi per produrre parleranno delle opportunità e delle applicazioni di questa tecnologia nel manifatturiero meccanico.

Se l’automobile è fatta a “Strati”

È di questi giorni la notizia della presentazione, all’International Manufacturing Technology Show (IMTS) di Chicago, della prima automobile realizzata con la tecnologia della stampa 3D. Emblematicamente battezzata “Strati”, ha qualche goccia di Made in Italy nelle vene (a disegnare il prototipo è stato l’italiano Michele Anoè) e ci sono volute poco più di 40 ore per realizzare, grazie al digital manufacturing, un pezzo unico da assemblare con le componenti meccaniche. Solo pochi giorni dopo, Strati ha sostenuto con successo la prova della messa in strada.

Avio Aero, viaggio nel futuro

Il mercato potenziale del 3D manufacturing, secondo Il Wohlers Report 2014 (3D printing and additive manufacturing state of the industry), è decisamente ampio, e le aziende che stanno implementando le tecnologie di stampa 3D stanno puntando molto sui componenti per i prodotti finali di settori come quello aerospaziale, medico, dentale e persino per i beni di consumo.

Da uno di questi comparti – l’aerospaziale –è cominciato il viaggio organizzato da Assolombarda nell’additive manufactuting per permettere alle imprese associate di conoscere, e possibilmente cogliere, le opportunità che questa tecnologia offre nei loro ambiti di business.

Il 6 giugno oltre 50 imprenditori e manager hanno partecipato alla visita organizzata dall’associazione agli stabilimenti Avio Aero di Cameri, in provincia di Novara, per ‘toccare con mano’ il funzionamento della tecnologia della stampa 3D.

«La visita», ha commentato uno dei partecipanti, «mi ha assolutamente impressionato per il contenuto tecnologico e strategico di business […]. Coltivare network tra realtà aziendali e avere l’opportunità di scambiare idee e osservare processi industriali e organizzativi di successo può essere la chiave per lo sviluppo del settore manifatturiero».

Rivoluzione in vista nel b2b e nel b2c

La stampa 3D è davvero per tutti? Sicuramente è per molti. In un articolo che la testata americana Forbes ha recentemente dedicato ai vantaggi diretti della manifattura additiva, uno dei guru del settore, il deputy director of workforce and educational outreach at America Makes Michael Hripko ha evidenziato i cinque aspetti che rendono la stampa 3D una tecnologia rivoluzionaria: l’utilizzo efficiente delle risorse; la possibilità di produrre singoli oggetti e piccole serie; la possibilità di passare rapidamente dall’idea all’oggetto finito; la possibilità di creare oggetti “on demand” semplificando la catena di approvvigionamento e la logistica; la possibilità di effettuare, combinandola con i sistemi di scansione 3D, operazioni di reverse engineering per replicare componenti non più in produzione.

L’insieme di questi fattori prospetta alla stampa 3D un futuro brillante nell’ambito industriale, mentre in parallelo sta prendendo forma, per non dire letteralmente esplodendo, il fenomento della stampa 3D per i consumatori.

1° ottobre: appuntamento con la stampa 3D per il manifatturiero meccanico

Per ‘riprendere il discorso’ con le imprese associate, il 1° ottobre Assolombarda, insieme ad UCIMU Sistemi per produrre, organizza il seminario “Stampa 3D: opportunità ed applicazioni nel manifatturiero meccanico”.

Esperti universitari, studiosi nel campo dei materiali e rappresentanti di realtà imprenditoriali attive nelle aree dell’aerospazio, navale e automotive analizzeranno lo stato dell’arte della stampa 3D per i diversi settori industriali e loro evoluzioni, approfondiranno le strategie e le evoluzioni tecnologiche e gestionali e passeranno in rassegna le applicazioni dell’additive manufacturing nel manifatturiero meccanico, per poi proporre un affondo sia su tecnologie e processi, sia sulle implicazioni della stampa 3D in termini di proprietà intellettuale.

L’appuntamento è al Centro Congressi Stella Polare (c/o Centro Servizi) di Fiera Milano Rho, in concomitanza con la fiera Bimu, ‘la mondiale dell’innovazione’.

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Ottenere di più con meno: la ricetta dell’innovazione frugale

19 gennaio 2017

L'economista Jaideep Prabhu ha studiato modelli di business che puntano a risparmiare risorse ma ottengono …
L'associazione
Manifattura, il sistema cognitivo che sta al centro dello sviluppo italiano – di Filippo Astone

13 ottobre 2016

di Filippo Astone, direttore di Industria Italiana. Per rendere Milano una città STEAM il presidente Gianfelice …
Le imprese
Phi Drive, quando l’industria si innova con motori piccolissimi e green

26 settembre 2016

Grazie ai motori innovativi che produce la startup Phi Drive ha ricevuto un finanziamento per …