Le imprese

British American Tobacco punta sull’Italia e inizia da Milano

21 dicembre 2016


British American Tobacco punta sull’Italia e inizia da Milano

La multinazionale continua a investire nel Belpaese e sceglie Milano per lanciare in anteprima mondiale il suo prodotto innovativo di nuova generazione. Ne abbiamo parlato con Andrea Conzonato, Amministratore Delegato e Presidente di Bat Italia.

“Abbiamo scelto Milano perché è la capitale della moda, dell’innovation, del lusso, del design: non poteva esserci posto migliore”. British American Tobacco (Bat) ha deciso di lanciare in anteprima mondiale un dispositivo innovativo del mondo del vaping, “Vype Pebble” dal capoluogo lombardo: “Negli ultimi anni abbiamo dimostrato di credere fortemente nel potenziale dell’Italia come mercato investendo 196 milioni di euro, in aziende italiane, solo nel 2016”, spiega Andrea Conzonato, Amministratore Delegato e Presidente di Bat Italia.

È per questo legame con la città che Bat ha deciso di partire da Milano?

Esatto, Milano è una città trendsetter: molte cose partono da qui e poi si diffondono per la Penisola. Andrea-ConzonatoNon ci siamo limitati però alla presentazione in anteprima mondiale, l’abbiamo scelta anche per l’inaugurazione del primo negozio al mondo dedicato alla nostra nuova linea innovativa Vype. È stato aperto in una zona dinamica e vivace come quella dei Navigli, che ben rappresenta lo spirito in costante evoluzione che accomuna la città e l’azienda.

Infatti, come ha dichiarato Kingsley Wheaton, Managing Director NGP di BAT “il lancio di Vype Pebble e l’apertura a Milano del primo flagship store al mondo ‘Vype’ non solo sottolineano il nostro impegno nel settore dei prodotti di nuova generazione e la volontà del nostro Gruppo di continuare a puntare sull’Italia, ma dimostrano anche il successo dell’evoluzione del nostro business.”

Bat punta sull’Italia, dunque. Quali risultati sono stati raggiunti e quali i prossimi passi?

L’Italia rappresenta il secondo mercato in Europa ed è tra i primi 15 mercati al mondo: si tratta quindi di una realtà strategica.

Abbiamo oltre 300 dipendenti e ogni anno collaboriamo con aziende italiane per l’acquisto e lo sviluppo di macchinari all’avanguardia.

Per quanto riguarda il nostro piano di investimenti, nel biennio 2015-2016 abbiamo investito 416 milioni di euro, di cui 196 milioni di euro nel corso del 2016. Per il quinquennio 2015-2019 prevediamo un piano di azione complessivo che si attesta a 1miliardo di euro. Ci arriveremo puntando su qualità e innovazione.

L’ultima nata di casa Bat si chiama “Vype Pebble”. Quali sono gli aspetti di innovazione?

È un prodotto unico nel suo genere e innovativo. Quello che salta subito all’occhio è l’estetica: è piccolo, discreto e facile da usare. Il design quindi, altro punto di congiunzione con Milano, lo rende originale al primo sguardo.

Negozio Vype MilanoÈ, inoltre, frutto di test scientifici e accurate prove di laboratorio ed è dotato dei più alti standard di qualità e sicurezza. La batteria, ad esempio, è al litio e questo permette un’autonomia di un giorno. È certificato ISO 9001 ed è a prova di manomissione, cortocircuito e sovraccarico di energia. Il dispositivo si spegne dopo dieci minuti di mancato utilizzo e ciò permette di garantire la sicurezza e razionalizzare l’utilizzo dell’energia, altro aspetto che ci è a cuore.

Quanto impegno dedicate alle attività di Ricerca e Sviluppo?

La tecnologia, l’elettronica e la chimica hanno aperto la porta a un mondo ancora da disegnare, inesplorato. I nostri ricercatori stanno studiando e lavorando su molti progetti per gli anni a venire. Ci dobbiamo aspettare un percorso di innovazione importante: avremo modelli nuovi e tecnologie più avanzate per svilupparci ulteriormente. Puntiamo molto sui Prodotti di Nuova Generazione (NGP), il nostro obiettivo è di essere leader globali in questo nuovo mercato. Negli ultimi cinque anni, infatti, abbiamo investito 1 miliardo di dollari a livello globale in attività di Ricerca e Sviluppo, condotte presso i nostri laboratori e centri di ricerca a Southampton, nel Regno Unito.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati