Le imprese
Bancopass

Banche: due notizie che interessano alle imprese

11 novembre 2014


Banche: due notizie che interessano ...

Potrebbe essere il momento per bussare alla porta delle banche. Con il supporto di Assolombarda.

Due notizie con uno spiraglio di luce tra le righe

La prima è di ieri e arriva da Bankitalia. Nella prima parte del 2014, anche in Lombardia il calo del credito da parte delle banche, pur continuando, è stato meno intenso rispetto allo stesso periodo del 2013. Come segnale è decisamente ancora molto timido, ma di questi tempi è sempre meglio di niente.

La seconda notizia, in apparenza, è più da ‘addetti ai lavori’. Dietro i paroloni che abbiamo letto sui giornali in queste settimane – Comprehensive Assessment, Asset Quality Review o Stress Test… – c’è un fatto molto semplice: il 26 ottobre l’Unione europea ha compiuto il primo passo verso un meccanismo di vigilanza unico europeo del sistema bancario, passo che il 4 novembre è stato reso ufficiale. In pratica, i 131 principali istituti di credito europei, tra cui 15 italiani, hanno affrontato un esame e alcuni, comprese due delle nostre banche, sono stati “rimandati a settembre”.

Se il punto di debolezza degli istituti di credito del nostro Paese è che continuano a essere troppo esposti all’andamento dell’economia reale, dall’esame europeo il sistema bancario italiano dovrebbe uscire più forte, e soprattutto in grado di fare più impieghi, anche in vista dei budget di fine anno.

Un’opportunità da cogliere, insieme ad Assolombarda

Perché le due notizie, e in particolare la seconda, sono interessanti per le imprese associate? Perché significano che oggi, un po’ più che in passato, c’è qualche opportunità da cogliere in termini di accesso ai finanziamenti bancari.

Per farlo vale la pena di chiedere ad Assolombarda, che conosce da vicino le aziende e i mercati in cui operiamo, almeno due tipi di supporto.

Da un lato, un aiuto a rendere più efficace il rapporto con le banche. I consulenti dell’associazione, ad esempio, possono aiutare le imprese a costruire una presentazione per ‘raccontarsi’ – con la loro storia e le loro caratteristiche – e raccontare i loro progetti di business con un linguaggio che le banche capiscono e apprezzano. In più, mettono a disposizione un software gratuito di analisi personalizzata di bilancio con elaborare previsioni di costi e ricavi. È il servizio Bancopass: basta chiamare l’associazione per ottenerlo.

Dall’altro lato, Assolombarda può fornire informazioni interessanti – come un confronto diretto di ciascuna impresa con cinque concorrenti italiani, o il monitoraggio del suo posizionamento rispetto ai competitor – e ‘istruzioni per l’uso’ come quelle per leggere la Centrale Rischi e valutare se e come utilizzare il Fondo Centrale di Garanzia per le Pmi.

Un particolare non irrilevante: agli associati, tutto questo non costa niente.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
I prestiti all’industria crescono dello 0,4% nei primi tre mesi dell’anno

10 ottobre 2017

Si tratta del primo dato positivo dopo più di cinque anni. È quanto emerge dall'Osservatorio …
Le imprese
Un anno record per il capitale di rischio

28 marzo 2017

Il Vice Presidente di Assolombarda, Carlo Bonomi: “servono strumenti innovativi di finanziamento per essere forti …
Le imprese
Milano dopo la Brexit sogna di diventare la City d’Europa

22 marzo 2017

La città spinge per accogliere le istituzioni finanziarie in arrivo da Londra e il governo …