L'associazione

Assolombarda in prima fila all’Expo di Astana

4 luglio 2017


Assolombarda in prima fila all’Expo di Astana

L’Associazione ha organizzato una missione in occasione della settimana di protagonismo di Regione Lombardia e ha stabilito contatti per aumentare le opportunità commerciali dei propri iscritti. Rinsaldata l’alleanza con Regione Lombardia sul fronte dello sviluppo economico territoriale.

Expo-2017-AstanaFuture Energy, energia per il futuro. È questo il tema dell’Esposizione internazionale in corso ad Astana, capitale del Kazakhstan. Per tre mesi, dal 10 giugno al 10 settembre, la città centro-asiatica è la capitale delle energie rinnovabili, della lotta ai gas serra e la casa delle innovazioni tecnologiche per rendere più efficienti e sostenibili i consumi della popolazione mondiale. Expo è l’occasione per l’Italia e gli altri 115 Paesi presenti, di dimostrare i progressi nel campo delle energie verdi. Il Belpaese ha un padiglione di 900 metri quadri. Ospita quindici regioni, tra cui la Lombardia; associazioni di categoria, come Assolombarda; centri di ricerca e imprese del settore. Assolombarda è tra gli sponsor del Padiglione, considerato tra i migliori dalla stampa estera.

Regione Lombardia e Assolombarda sono state tra le prime realtà a visitare l’Expo di Astana, una sorta di tappa intermedia tra l’edizione universale di Milano e quella del 2020 a Dubai. Dal 17 al 23 giugno, una settimana dopo l’apertura dei cancelli del parco di Astana, Regione Lombardia ha programmato le sue giornate e l’Associazione ha deciso di organizzare la propria missione nello stesso periodo (16-19 giugno) per testimoniare la forza delle nostre realtà imprenditoriali, presentando agli interlocutori kazaki la Lombardia e il suo sistema imprenditoriale, come un benchmark in termini di know-how e capacità innovativa. In particolare, Assolombarda ha coinvolto undici aziende nel viaggio istituzionale: A2A, Eni, Maire Tecnimont, Flame Spray, Quant Service Italy, Sifarma, Gildo Profilati, StMicroelectronics, Tenaris Dalmine, DNP Industriale e Alpiq Energia.

Astana-Expo-2017-Paul-Raftery-architectureIl viaggio in Kazakhstan ha permesso alla delegazione di conoscere nel dettaglio i programmi del governo di Astana in materia di energie rinnovabili, incontrare operatori locali o degli altri 115 Paesi ospiti e presentare all’estero l’attività del Green Economy Network di Assolombarda, la rete di 400 aziende promossa per offrire servizi, prodotti e tecnologie nell’ambito dell’economia verde. Inoltre, ha rinsaldato i rapporti tra l’Associazione e Regione Lombardia, considerato anche il ruolo che Assolombarda ha avuto negli appuntamenti ufficiali della settimana.

Astana energiaIl Kazakhstan offre ampie prospettive di investimento per gli operatori delle energie rinnovabili. Il Paese è ricco di materie prime del sottosuolo ma il governo – con un nuovo piano di sviluppo – vuole dare una sterzata all’attività estrattiva e favorire la costruzione di impianti a fonte rinnovabile. Entro il 2020 infatti, gli obiettivi nazionali puntano a un contributo del 3% da parte delle energie pulite alla produzione nazionale, ma nei dieci anni successivi la volontà dell’esecutivo è di arrivare al 30% nel 2030 e al 50% entro il 2050. Il programma sarà accompagnato da opportune modifiche legislative e Assolombarda si è offerta, in qualità di partner, a condividere il proprio know-how con il Governo kazako sulla base della consolidata esperienza su questi temi.

Astana 2017Al Kazakhstan interessa inoltre trovare interlocutori stabili per coinvolgere le imprese italiane nel programma di sviluppo del Paese. Come hanno spiegato i rappresentanti di Kazakh Invest, agenzia governativa di attrazione degli investimenti e sviluppo del paese, il Kazakistan vuole crescere in settori come la chimica, la farmaceutica, le macchine industriali e l’agrofood, dove l’Italia eccelle. Al fine di favorire questi investimenti, il governo ha implementato ed è in procinto di attuare un forte piano di incentivi fiscali, come l’esenzione di 10 anni per corporate e land tax e di otto anni per la property tax, con cui agevolare l’ingresso di investitori stranieri.

Inoltre, come ha sottolineato la Camera di Commercio kazaka, Atameken, il grande Paese euroasiatico può essere la porta di accesso ad altri mercati limitrofi come Bielorussia, Kirghizistan o la Russia stessa.

Assolombarda e Regione Lombardia si sono offerte per costituire un “hub” per gli imprenditori kazaki alla ricerca di partner in Italia con l’ipotesi di sottoscrivere un memorandum of understanding a Milano, concentrandosi su settori prioritari come digitalizzazione, agricoltura sostenibile ed energie verdi.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Assolombarda e il Kazakhstan si alleano per le imprese

18 ottobre 2017

Firmato un memorandum of understanding che prevede la promozione dei reciproci scambi commerciali e di …
Le imprese
Le imprese lombarde fanno il pieno di contatti all’Expo di Astana

14 settembre 2017

L’associazione ha coinvolto le aziende associate in due missioni in Kazakhstan e ha sostenuto con …