Le imprese
internazionalizzazione

Assolombarda e Farnesina per l’internazionalizzazione delle imprese

18 febbraio 2016


Assolombarda e Farnesina per l’internazionalizzazione delle imprese

Assolombarda e Farnesina hanno presentato a Milano i risultati di un’indagine sull’efficacia della diplomazia economica italiana per l’internazionalizzazione. I risultati, uniti al contesto attuale, fanno emergere la necessità di una strategia condivisa per competere a livello globale.

L’economia italiana, prevalentemente manifatturiera, con un patrimonio di piccole e medie imprese che offrono prodotti e servizi di eccellenza e ad alta innovazione tecnologica, potrebbe trarre enormi benefici da un’efficace diplomazia economica.

Il nostro Sistema Paese è impegnato a recuperare il ritardo accumulato nei confronti dei principali competitor europei, Francia e Germania, che sanno promuovere in maniera coordinata le loro filiere produttive in tutto il mondo e riescono ad attrarre investimenti e know how dall’estero. Questi modelli virtuosi nascono da una valida collaborazione tra agenzie governative e associazioni imprenditoriali.

Assolombarda e Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), consapevoli dell’importanza di condividere una strategia di sviluppo e promozione del Sistema Italia, hanno organizzato l’8 febbraio a Milano un incontro per l’internazionalizzazione delle imprese, nel corso del quale è stata presentata un’indagine che il MAECI ha commissionato a Doxa, per rilevare la notorietà, l’utilizzo e la valutazione della diplomazia economica italiana e per identificare le aree di miglioramento dei propri servizi a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Un obiettivo comune per la crescita

Dall’indagine risulta che il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale è, a livello centrale, il primo tra gli enti più conosciuti dalle imprese internazionalizzate (47,2%), seguito da Agenzia ICE, SIMEST e SACE. La maggiore conoscenza non è tuttavia commisurata al grado di utilizzo: solo il 32,8% delle imprese internazionalizzate che conoscono il Ministero, infatti, ne utilizza i servizi.

Dall’incontro è emerso quanto sia strategica una condivisione tra tutti i soggetti coinvolti per le attività di sviluppo e promozione con l’estero, in particolare risulta fondamentale un’alleanza tra pubblico e privato per favorire l’internazionalizzazione delle imprese e promuovere, in maniera coordinata e strutturata nel mondo, il brand Italia, punto di straordinaria eccellenza del nostro Paese.

Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda, nel commentare i dati insieme al Segretario Generale della Farnesina, Michele Valensise, ha dichiarato: “Serve una diplomazia economica al servizio del Sistema Paese per far crescere le imprese in quei settori e in quei mercati che ancora non ci vedono protagonisti”.

Per raggiungere questo obiettivo e diminuire l’aspetto di costo legato ancora all’internazionalizzazione è necessaria quindi una maggiore sinergia, la capacità di unire le forze e avere quel senso di collettività e comunità locale che Expo ci ha fatto ritrovare.

Questo approccio all’internazionalizzazione è una scelta obbligata, un volano per la crescita del nostro paese e la sua capacità di comunicare l’eccellenza.

Contatti

Area Internazionalizzazione e Strategia d’Impresa

Giulia Repetto

Tel. 02 58370.497

giulia.repetto@assolombarda.it

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Fedele, concreto e attento ai prezzi: ecco il consumatore cinese del 2016

29 novembre 2016

Evolve la spesa per le famiglie cinesi, sempre più interessate ad acquistare prodotti per il …
Le imprese
Serbia: economia emergente sempre più vicina all’Europa

26 settembre 2016

Il Paese si è candidato a entrare nella UE e sta lavorando per adeguarsi agli …
Le imprese
Russia, dal “made in Italy” al “made with Italy”

4 maggio 2016

Si chiude una porta e si apre un portone: così si potrebbe descrivere quello che …