Alla scoperta delle Case museo di Milano

23 novembre 2017


Alla scoperta delle Case museo di Milano

“Di casa in casa” è l’iniziativa che propone una serie di itinerari tradizionali e digitali per conoscere le quattro Case museo della città tra arte, cultura e architettura. Sul sito casemuseo.it è possibile individuare il percorso preferito.

Una serie di nuovi itinerari per scoprire la città di Milano e i suoi quartieri, tra arte, cultura e architettura. Un’idea per passare un pomeriggio alternativo con amici o in famiglia. Si chiama Di casa in casa” ed è un’iniziativa promossa dalle quattro Case museo di Milano, ovvero Casa Boschi di Stefano, Museo Bagatti Valsecchi, Villa Necchi Campiglio e Museo Poldi Pezzoli. Sono case museo sparse per la città che conservano un patrimonio artistico ricco e prezioso.

Museo Bagatti ValsecchiE hanno, inoltre, una storia tutta da esplorare. A cominciare dal Museo Bagatti Valsecchi, un’abitazione in stile neo rinascimentale che espone al suo interno una ricca collezione di opere d’arte risalenti in particolare al XV e XVII secolo. Casa Boschi di Stefano, invece, ospita più di trecento tra pitture, sculture e disegni appartenenti alla straordinaria arte italiana del Novecento. Proseguendo tra le case-museo, Villa Necchi Campiglio è un vero e proprio gioiello architettonico immerso in uno sfarzoso giardino privato: qui lo stile originario anni ’30 è stato successivamente “contaminato” con elementi d’arredo ispirati allo stile di Luigi XV. Infine, il Museo Poldi Pezzoli, una delle più famose case museo al mondo, può vantare un grande numero e una straordinaria varietà di raccolte artistiche: dai capolavori della pittura, alle armature e ai gioielli, per un totale di oltre cinquemila oggetti di grande valore, tutti inseriti nel contesto di un’ambiente affascinante.

Sono disponibili diversi percorsi nei quali visitare le case museo e molto altro ancora: visitando il sito casemuseo.it è possibile decidere prima di partire quale scegliere, grazie a mappe geolocalizzate e ai consigli dello storico dell’arte Stefano Zuffi che ha pensato questi percorsi.

Museo Poldi PezzoliSi potrà così individuare la zona di Milano di proprio interesse e selezionare l’itinerario preferito. Sono 13 i percorsi proposti. Ci sono “Tra Manzoni e Verdi”, alla scoperta della letteratura e della musica milanese e “Dimore e giardini”, per conoscere il cuore verde di Milano, ma anche itinerari per le famiglie con i bambini. In particolare, per i più piccoli, sono dedicate varie iniziative da vivere insieme ai propri genitori e amici, come “Imparare con i bambini” e “Un giro con i più piccoli”.Casa Boschi di Stefano

Gli organizzatori hanno anche pensato a una carta, la Casa museo card, che consente ai visitatori di entrare per un anno ogni volta che lo desiderano nelle quattro dimore storiche milanesi. Per loro c’è anche la possibilità di partecipare a visite “narrate”, realizzate da Art in the City (disponibili anche in lingua inglese), oppure utilizzare l’avventura digitale del chatbot game, dedicata ai visitatori più tecnologicamente avanzati e ai più giovani.

Che cosa è lo chatbot game? Si tratta di un gioco articolato su quattro itinerari, uno per ciascuna Casa museo, in cui un personaggio virtuale dialoga con i visitatori tramite l’app Facebook Messenger. È interattivo: i visitatori sono chiamati a risolvere enigmi relativi alle dimore e alla porzione di città in cui si trovano, in una dinamica di domande botta e risposta tra connessioni e rimandi storici, spaziali, temporali e artistici. Per tenere allenata la mente e alta la concentrazione.

Di casa in casa” rappresenta quindi una proposta interessante per tutta la famiglia, un modo nuovo per conoscere Milano e incontrare la bellezza più autentica della città.

 

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati