Al via il restyling delle biblioteche di Milano

3 aprile 2017


Al via il restyling delle biblioteche di Milano

Orari prolungati, digitalizzazione, giochi online e corsi. Un investimento per riqualificare e rilanciare i poli esistenti. E aprirne nuovi.

Le biblioteche di Milano si rifanno il look e puntano a diventare centri di inclusione e multicultura, promuovendo la lettura. È questa l’anima del progetto di riqualificazione delle 25 biblioteche cittadine da parte del Comune di Milano, che sul piatto ha messo investimenti per 22,3 milioni di euro.

Innanzitutto verrà esteso l’orario, in modo da lasciare una biblioteca aperta fino alle 23 ogni giorno in ogni municipio. Con l’auspicio di arrivare a una domenica aperta, a rotazione, nelle diverse biblioteche di zona. Per studiare, leggere, informarsi e formarsi. Ma non solo: in questo modo le biblioteche diventano anche presidi sul territorio, in grado con la loro offerta culturale di essere collettore per la cittadinanza.

Ecco come è stato pianificato il progetto. Nel quartiere Lorenteggio nascerà una nuova biblioteca, per un investimento complessivo di 6 milioni di euro e un’altra sorgerà anche a Calvairate. Interventi sono previsti anche nelle strutture di Gallaratese, Quarto Oggiaro, Crescenzago, Fra Cristoforo, Sormani, Deledda, Harar.

Si amplia inoltre l’organico. Per incrementare gli orari di apertura sono stati infatti assunti lo scorso dicembre 26 bibliotecari. Le nuove strutture punteranno sulla tecnologia e la digitalizzazione, con servizi online rinnovati e un nuovo sistema gestionale che entro l’estate consentirà di accedere a cataloghi online, fare ricerche bibliografiche, consultare collezioni digitali di musica, video, e-book e registrare in autonomia i prestiti.

Proprio per ampliare la platea dei lettori digitali, fino al 31 maggio gli iscritti hanno l’opportunità di scaricare gratis su cellulare o tablet alcuni libri gialli ambientati a Milano, grazie a una collaborazione con gli editori e con Atm, che ospiterà sui tram e nei mezzanini dei metrò le locandine con il Qr Code dove trovarli.

Nel piano è prevista anche la creazione nelle biblioteche di gaming zone dove è possibile utilizzare giochi per console o video-giocare da soli o con amici: un modo per attrarre anche i più giovani, proponendo un’offerta ludica. Saranno poi attivati corsi di formazione. Nella sede dei servizi anagrafici del comune, in via Larga, verrà creato invece un punto di prestito mobile.

Nel 2016 nelle biblioteche milanesi sono stati presi in prestito 1,15 milioni di libri, consultati 1,3 milioni. Gli iscritti sono arrivati a 86.329, di cui 17mila under 14. La piattaforma di e-book registra buoni numeri: può contare su 7.250 volumi consultati 28 mila volte dai 3.500 iscritti. Numeri che non potranno che aumentare grazie ai nuovi interventi previsti.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
A Milano è online il fascicolo del cittadino

30 maggio 2017

Una pagina dove si possono trovare pratiche, certificazioni e documenti in formato digitale e a …
Online il Geoportale del comune di Milano

23 marzo 2017

Una piattaforma gratuita a disposizione di cittadini e imprese per avere informazioni geolocalizzate, da consultare …
L'associazione
La Madonna della Misericordia è il regalo di Palazzo Marino per Natale

14 dicembre 2016

Fino all’8 gennaio la preziosa tavola conservata al museo di Sansepolcro viene ospitata nella Sala …