Le imprese
Un territorio attrattivo per talenti e imprese

A Milano cresce il numero di startup e di imprese

25 gennaio 2019


A Milano cresce il numero di startup e di imprese

Il capoluogo lombardo si conferma come il luogo ideale dove avviare la propria attività.

Milano è il cuore pulsane delle startup innovative italiane: solo nel 2018 ne sono nate 1.505, quasi un sesto delle 9.742 che hanno aperto in totale in tutta la penisola (dati Camera di Commercio di Milano). Un primato per il capoluogo lombardo, che si conferma essere la città ideale per le giovani imprese con il suo ecosistema di acceleratori, incubatori, spin-off, programmi universitari, finanziatori.

La tendenza che si monitora è la crescita delle imprese innovative che fanno dell’utilizzo di nuove tecnologie un elemento di forza. Continuano ad aumentare, a testimonianza di come i progressi di IoT, intelligenza artificiale e machine learning stiano riuscendo a entrare in ambiti e settori prima tradizionalmente scevri da queste logiche, come il manifatturiero leggero.

Milano non è solo capitale dell’innovazione italiana. Sempre i dati della Camera di Commercio di Milano mostrano come il 6% delle imprese italiane si trovi in città. Crescono dello 0,34% all’anno, contro un tasso dello 0,20% italiano. Rappresentano, con il loro fatturato, il 21% del totale nazionale e danno lavoro al 13% degli addetti impiegati, sempre a livello nazionale.

Una fotografia solida, dove possiamo contestualizzare i nuovi dati di chiusura del 2018.

Sono molto positivi: parlano di 4mila imprese in più, nate solo nell’ultimo anno a Milano e Città metropolitana (+1,3%), per un totale di 303mila imprese sul territorio. A trainare questo trend è il capoluogo (+1,8), con un incremento più forte rispetto alla cintura (+0,6) formata da oltre cento comuni.

Il 59% delle imprese si concentra infatti a Milano: sono 180mila. Mentre il 41% in provincia, dove sono 124mila. Tra i primi comuni per numero di imprese attive, dopo Milano, vengono Sesto San Giovanni (5.486 imprese) e Legnano (5.116). Seguono Cinisello Balsamo (4.797) e Rho (3.675).

Spostando l’attenzione sulle imprese femminili, si scopre che la maggior concentrazione è a Nosate (30%), Besate e San Vittore Olona (24%). A Milano il dato è del 17,3%, in linea con l’area metropolitana (17,6%).

I comuni più etnici per peso delle imprese straniere sul totale sono Baranzate (48,8%), Pioltello (32%), Cinisello (28%), Lacchiarella e Sesto (27%). A Milano il peso è del 17% rispetto alla media territoriale del 16%.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
Partenariato didattico università-impresa: una soluzione win-win

18 aprile 2019

Una buona pratica consolidata negli anni. Ricerca, conoscenze, competenze, crescita: ecco che cosa c'è sul …
Le imprese
Milano, la logistica per la smart city del futuro

19 marzo 2019

La “Mobility Conference Exhibition”, il confronto tra imprese e istituzioni e le proposte per migliorare …
Le imprese
Rold, l’innovazione 4.0 è premiante

1 febbraio 2019

L'azienda è appena stata inserita dal World Economic Forum tra le “Manufacturing Lighthouses", realtà all'avanguardia …