L'associazione
Competenze per il futuro

10 borse di studio per promuovere la donna negli ambiti STEAM

12 aprile 2018


10 borse di studio per promuovere la donna negli ambiti STEAM

Il progetto STEAMiamoci di Assolombarda continua con l’assegnazione di 10 borse di studio e la prima edizione del premio intitolato a Maria Gaetana Agnesi, matematica del ‘700 che incarna in modo perfetto i valori della donna STEM.

STEAMiamoci, progetto che punta a promuovere la presenza femminile nelle discipline STEAM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica, con l’aggiunta della “A” di Arte), nasce dalla consapevolezza che la diversità di genere è un elemento indispensabile per la crescita, la produttività, la competitività e l’innovazione dell’impresa: una leva di sviluppo strategica che consente alle aziende di trattenere le risorse umane migliori in un contesto globale competitivo.

Nel mercato del lavoro, le aree STEM vedono da sempre una dominanza maschile. Le donne scelgono soprattutto le discipline umanistiche, spesso influenzate dai modelli a cui sono esposte e che da sempre contraddistinguono la nostra società. Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, ambiti molto richiesti dalle imprese e che rappresentano proprio quelle professioni da cui attendersi un aumento considerevole di posti di lavoro, devono diventare sempre più materie di studio e settori di occupazione per il mondo femminile.

In questa direzione Assolombarda si pone come aggregatore delle diverse iniziative sul tema attraverso un Advisory Board che lavora con l’obiettivo di promuovere un cambiamento culturale nel Paese, coinvolgendo tutti i protagonisti civili, sociali, istituzionali, politici e soprattutto imprenditoriali.

Un cambiamento culturale che viene attuato anche raccontando le capacità e le competenze delle donne che hanno scelto di intraprendere studi STEM riuscendo a raggiungere il successo nei rispettivi campi. Sono storie di passioni, impegno, approfondimento, ricerca, scoperta e lavoro quotidiano; sono le storie delle protagoniste del futurohttp://www.assolombarda.it/steamiamoci/le-protagoniste-del-futuro

A testimonianza dell’impegno concreto da parte del mondo imprenditoriale, Assolombarda ha inoltre avviato una sperimentazione con l’Università degli Studi di Milano Bicocca premiando le 10 studentesse più meritevoli iscritte al primo anno del corso di Laurea in Informatica – settore in cui, nel 2017, le donne iscritte risultano meno del 10% del totale – e assegnando 10 borse di studio. I criteri di selezione hanno tenuto conto di diversi requisiti tra cui la media ponderata dei voti e i relativi CFU acquisiti.

La migliore delle studentesse ha ricevuto un ulteriore riconoscimento, un premio intitolato a “Maria Gaetana Agnesi”. Alla vincitrice, insieme alla borsa di studio, è stata consegnata una targa da parte dell’Associazione e del Comune di Milano, intitolata alla celebre matematica milanese nella ricorrenza del suo 300° anniversario dalla nascita.

Maria Gaetana Agnesi, che ebbe i suoi natali proprio in via Pantano dove oggi ha sede Assolombarda, fu la prima donna a ottenere una cattedra universitaria di matematica e fu anche la prima autrice di un libro sulla materia. Riconosciuta come vero e proprio genio matematico del ‘700, l’Agnesi mostrò fin da bambina di possedere una straordinaria intelligenza e una propensione per l’apprendimento delle lingue straniere, al punto da essere conosciuta come “oracolo settelingue”, essendo in grado di comprendere e scrivere in greco antico, latino, ebraico, tedesco, francese e spagnolo.

La matematica divenne però presto il suo interesse scientifico prevalente e, nel 1748, questa passione la portò a pubblicare un manuale di grande successo. Il libro, per completezza e chiarezza di esposizione, le dette fama europea e raccolse commenti entusiastici in tutta Europa anche da parte di personalità matematiche del calibro di Lagrange, che considerava il testo come fondamentale per la sua formazione scientifica. Inventò anche una curva del piano, conosciuta in geometria con il nome “versiera” e caratterizzata da una forma a campana, simile a quella della distribuzione gaussiana. Curioso è pensare che il traduttore inglese del libro della Agnesi interpretò versiera come abbreviazione di avversiera, strega, ovvero avversaria di Dio, e rinominò la curva “witch of Agnesi” (strega di Agnesi), nome con il quale è conosciuta nelle altre lingue.

In una società in cui settori come scienza, tecnologia, ingegneria e matematica vedono da sempre una predominanza maschile, figure come quella di Maria Gaetana Agnesi devono essere uno straordinario esempio di come l’intelligenza femminile possa trovare piena realizzazione e punte di eccellenza ineguagliabili anche in settori diversi rispetto a quelli umanistici. Possiamo considerarla quindi l’esempio perfetto di donna STEAM.

 

lascia un commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati
Le imprese
La formazione a misura di PMI

13 febbraio 2018

Assolombarda e Politecnico di Milano insieme per PMI Academy, il master che aiuta gli imprenditori …
L'associazione
Dove osano le donne: una rassegna cinematografica tutta al femminile

10 novembre 2017

Nell’ambito del progetto STEAMiamoci, che promuove la presenza femminile nelle discipline STEM, Assolombarda propone una …
Le imprese
Assolombarda scommette sul lato rosa dello STEM

26 ottobre 2017

Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, ambiti molto richiesti dalle imprese, devono diventare sempre più materie …